Mercedes alimentate da benzina dai rifiuti agricoli

Mercedes alimentate da benzina dai rifiuti agricoli

2 feb, 2014

Mercedes-Benz alimentate da benzina fatta da rifiuti agricoli

Rifiuti no, non voglio

Fonte: Daimler AG

 

Stoccarda, Germania. 29 gennaio 2014 . La visione di estrazione di combustibili da fonti rinnovabili è sempre più vicina: Mercedes-Benz collabora con aziende chimiche quali e per alimentare da di seconda generazione una flotta di test sulla strada.

Il progetto pilota riempie i serbatoi con un nuovo biocarburante: è un combustibile super-grade con il 20 per cento di etanolo cellulosico. L’attributo speciale è che il carburante viene prodotto utilizzando residui agricoli come la paglia. Per i prossimi dodici mesi i veicoli della flotta di prova Mercedes-Benz possono essere riforniti con il nuovo carburante presso una stazione di servizio a Stuttgart-Untertürkheim che è stata allestita appositamente per questo progetto. Con un numero di ottani (RON) superiore a 100, il combustibile garantisce un elevato livello di efficienza.

Lo sviluppo tecnico necessario è stato portato avanti da qualche tempo presso Mercedes-Benz:

“Il nostro compito principale è quello di formare soluzioni per la mobilità sostenibile del futuro. Vediamo un grande potenziale nei biocarburanti di seconda generazione per quanto riguarda la sostenibilità e la riduzione dei gas serra. La benzina con il 20 per cento di etanolo può già essere utilizzata in nostri ultimi motori a benzina Mercedes-Benz . Questo offre un potenziale ideale per la migliore efficienza e risparmio elevato di emissioni di gas serra”, spiega , direttore per i motori, catene cinematiche e iniezione di Daimler AG.

 

Fino al 25% in meno di domanda di greggio nel 2020 – grazie alla paglia

L’etanolo da cellulosa è bioetanolo di seconda generazione, che è prodotto da rifiuti agricoli, come la paglia di grano. Quindi, non pone alcuna competizione per il cibo e la produzione di mangimi, e rispetto ai combustibili fossili, riduce notevolmente le emissioni di CO2.

“I biocarburanti prodotti in modo sostenibile danno un contributo rilevante alla protezione del clima. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di sostenere questo progetto pilota”, afferma , capo del Corporate Environmental Protection Daimler.

“A livello globale, dunque anche in Germania, una grande quantità di rifiuti agricoli rimane inutilizzato. Con l’etanolo cellulosico circa un quarto delle richieste europee di benzina previste per il 2020 potrebbe essere soddisfatta – una componente importante della mobilità sostenibile”.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: biocombustibili bioetanolo BlueDIRECT Clariant Haltermann peter lueckert sunliquid20 Udo Hartmann

Lascia una risposta

 
Pinterest