Scendono le emissioni di Infiniti M35h

Scendono le emissioni di Infiniti M35h

31 mar, 2012

Le emissioni di CO2 della Infiniti M35h scendono sotto i 160 g/km

Le modifiche consentono di guidare ancora più a lungo nella silenziosa modalità a zero emissioni 
Prestazioni dinamiche inalterate

Vantaggi nei paesi in cui le emissioni di CO2 impattano sulla fiscalità dell’auto

Fonte: Infiniti

Rolle, Svizzera. 29 marzo 2012 – Infiniti, la casa giapponese sinonimo di lusso automobilistico, ha confermato che le emissioni della Infiniti M35h 2012 sono state ridotte a 159g/km. La modifica fa rientrare le emissioni della berlina ibrida in una classe fiscale molto comune e va ad aggiungersi alle rivoluzionarie caratteristiche di velocità ed economia dei consumi che fanno della M35h una proposta molto interessante soprattutto per il mercato delle flotte.
Piuttosto che ricorrere a modifiche come pneumatici a bassa resistenza, gli ingegneri di Infiniti hanno trovato nella tecnologia la soluzione per ridurre le emissioni di CO2. Fondamentali perfezionamenti del motore elettrico e del sistema di ricarica della batteria consentono alla Infiniti M35h di affidarsi maggiormente all’alimentazione elettrica al momento della partenza a freddo, con benefici che vanno ben oltre i minori costi di esercizio.

Oltre a ridurre le emissioni di CO2, le modifiche consentono un’ulteriore riduzione dei già bassi consumi di carburante della M35h. I valori del ciclo misto per il modello a benzina/elettrico da 364 CV scendono da 7,0 a 6,9 l/100 km, quelli extraurbani passano da 5,7 a 5,6 l/100 km, mentre nel ciclo urbano l’Infiniti M35h è ora più economica di 0,2 punti con un valore di 9,0 l/100 km.

“Infiniti M35h è già molto apprezzata dalle aziende interessate a una berlina di lusso che non scenda a compromessi in termini di prestazioni o consumi,” ha detto , Direttore Vendite di Infiniti in Europa.
“Ora, con questi miglioramenti sui costi di esercizio, la M35h del 2012 rappresenta per i possessori di flotte un’opzione tanto elegante quanto vantaggiosa, una combinazione che penso apprezzeranno molto.”

Più veloce delle ibride Porsche e BMW concorrenti, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h di appena 5,5 secondi la M35h ha affermato la sua posizione come campione di prestazioni nel 2011 quando è stata decretata dal Guinness World Records la berlina ibrida con l’accelerazione più veloce al mondo.

Anche gli innovativi consumi di carburante dell’Infiniti nella guida quotidiana sono stati verificati da fonti indipendenti. In un test dell’economia dei consumi effettuato nel Regno Unito nel 2011, la M35h ha registrato consumi complessivi di 6,49 l/100 km – un risultato migliore del 6% rispetto a quello del ciclo combinato – mentre tutte le altre ibride prese in esame hanno mostrato valori non corrispondenti a quelli dichiarati, alcune con uno scarto addirittura del 18%. Sorprendendo tutti, l’Infiniti M35h ha viaggiato silenziosamente con la sola alimentazione elettrica per quasi metà dei 596 km della prova

Il sistema full-hybrid di Infiniti ha ottenuto anche numerosi premi per l’originale tecnologia che abbina un motore elettrico a due frizioni, consentendo un passaggio estremamente fluido dall’alimentazione elettrica a quella del motore a benzina, l’ultimo dei quali è stato decretato il 28 marzo 2012, il “ Contribution Prize of the Ichimura Prizes in Industry”.

Altri riconoscimenti ottenuti:
- 2012 Guinness book “The fastest quarter mile for a hybrid production car”
- FY2011 Medal for New Technology by the Japan Society of Mechanical Engineers (To be given in April, 2012)
- The 9th New JSPMI Prizes, Chairman’s Prize by the Japan Society for the Promotion of Machine Industry (February 24, 2012)
- Ward’s 10 Best Engines for 2012 (January, 2012)
- The 61st JSAE Awards, the Technological Development Award by the Society of Automotive Engineers of Japan (May, 2011)
- RJC 6 Best Technologies (December, 2010)

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Guillaume Pelletreau

Lascia una risposta

 
Pinterest