Ritardo nel lancio della Fisker Atlantic

Ritardo nel lancio della Fisker Atlantic

17 ott, 2012

Ritardo nel lancio della berlina Plug-in

Il lancio della berlina verrà rimandato almeno fino alla fine del 2014

Da Nikki Gordon-Bloomfield

Fonte: GreenCarReports

16 Ottobre 2012. Meno di tre settimane fa, Fisker Automotive ha annunciato di aver chiuso con successo la sua ultima tornata di finanziamenti, la compensazione per un totale di 100 milioni di dollari in più di fondi per sviluppare la sua successiva vettura ibrida plug-in, la berlina Atlantic.

Tuttavia le speranze di guidare una in qualunque momento presto sono state deluse ieri, quando Fisker ha annunciato che non prevede di mettere in produzione la vettura fino a fine del 2014, o addirittura al 2015.

In origine, l’azienda aveva lo scopo di avviare la produzione entro la fine del 2012, in un impianto chiuso ex GM a Wilmington, nel Delaware, ma nel corso degli ultimi anni il progetto è stato poco a poco ridimensionato.

La berlina Atlantic ha debuttato al New York Auto Show all’inizio di quest’anno e Fisker ha rivolto la propria attenzione indicando l’Atlantic come la sua seconda auto di produzione, dopo i piani per produrre la Fisker Surf e alcune varianti della Karma che sono stati archiviati all’inizio di quest’anno.

Come la sua concorrente diretta nel settore dell’auto elettrica di lusso plug-in Tesla e la sua berlina Model S, Fisker spera che lo sviluppo dell’Atlantic avrà un telaio e trasmissione sulla quale potrà costruire altri modelli.

“L’Atlantic è davvero l’auto che fa volume di vendite e che comincia a costruire la crescita”, ha detto ieri l’Amministratore Delegato Fisker in una conferenza.

“Si crea un modello di business che è quella in cui si può veramente generare flussi di cassa in futuro.”

Dal suo lancio, Fisker ha raccolto 1,2 miliardi di dollari da investitori privati, ma i multipli richiami di vetture – per non parlare del ritiro della DoE Advanced Tecnology avanzata dal programma di prestiti di produzione a tasso contenuto dopo che non è riuscita a rispettare certe scadenze – hanno ostacolato sia le vendite che la crescita dell’azienda.

Sebbene Fisker deve ancora confermare la produzione dell’Atlantic, ha indicato che la società spera di riutilizzare almeno una parte del suo stabilimento di Delaware e di condividerli con i propri fornitori.

“Questo è il veicolo che aspettiamo sia la nostra auto prodotta in serie e di conseguenza abbiamo voluto fare in modo che si producesse negli Stati Uniti” ha detto il Chief Financial Officer di Fisker, .

Parlando della struttura del Delaware, Yost ha aggiunto:

 ”pensiamo che sia l’occasione per alcuni dei nostri fornitori di entrare, co-localizzare con noi e davvero fornire un centro di produzione per la prossima generazione di prodotti che produrremo, non solo l’Atlantic stessa, ma anche i prodotti futuri”.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: fisker atlantic Jim Yost Tony Posawatz

Lascia una risposta

 
Pinterest