Fisker delude il DoE, il prestito va ricontrattato

2012-fisker-karma_01

27 ott, 2011

Fiasco federale di Fisker: il prestito per costruire auto efficienti non fornisce risultati

Di John Voelcker
Fonte: Green Car Reports

25 ottobre 2011. Oggi ABC News manderà in onda nel suo programma Nightline un pezzo che riguarda la Fisker Automotive – creatori della 2012 Karma plug-in berlina di lusso sportiva – e i prestiti a basso interesse che sono stati concessa dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti a Fisker e Tesla Motors.

Indagini estensive sul sostegno del governo a qualsiasi società privata – da Fisker, per esempio, a quelle che si occupano di estrazione delle risorse naturali – sono sempre una buona cosa. C’è stata qualche segnalazione notevolmente sciatta in tutto lo spettro dei media, per cui sentiamo il bisogno di sottolineare alcuni fatti.

Il contraccolpo dell’Iraq
La prima apparizione di queste storie c’è stata giovedì scorso sui siti web di ABC News e del Center for Public Integrity iWatch, il partner di ABC nelle indagini. La storia messa in onda da ABC include un breve video clip di 3 minuti da Good Morning America con l’anteprima della storia. Il pezzo intero sarebbe dovuto andare in onda venerdì, ma è stato rimandato per far posto alla notizia del ritiro delle truppe Usa dall’Iraq.

Molto chiasso, poche nuove informazioni
Tuttavia, una raffica di copertura ha ripreso la notizia, spesso aggiungendo un commento politico. I sostenitori dell’auto elettrica hanno portato in discussione i motivi alla base della storia, puntando i sospetti sulla politica industriale del governo che ha affossato i prestiti (e, con essi, l’intero settore delle auto elettriche) come preludio al fallimento.

Ci sono stati un paio di centinaia di articoli nell’ultima settimana o giù di lì, fa notare l’avvocato delle auto elettriche Chelsea Sexton, “ma ben pochi di essi contengono realmente nuove informazioni.” A suo avviso, la maggior parte della copertura è composta o da “attacchi partigiani o da riscritture dell’articolo della ABC”.
Relativamente pochi, tuttavia, si sono concentrati sul risparmio di carburante realizzato dalla 2012.

Nella modalità di funzionamento ad autonomia estesa, il motore della Karma da 2.0 litri a benzina fa muovere l’auto generando energia elettrica per alimentare una coppia di motori elettrici che girano le ruote. Lo fa con soli 20 mpg, in base ai rating EPA.

La Solyndra
Nella maggior parte degli articoli campeggia il confronto di Fisker (e talvolta anche Tesla) con la bancarotta del produttore di pannelli solari Solyndra.
Il sito web di destra BigGovernment.com, per esempio, ha propagandato una ” scioccante nuova dimensione” per lo “scandalo emergente Fisker Karma” dicendo, “Big Government Insiders dicono che lo scandalo Fisker Karma è il ‘Solyndra delle auto verdi’”. Tale società ha ricevuto circa mezzo miliardo di dollari in prestiti dal DoE, anche se molti analisti del settore solare dicono che non ha avuto successo in gran parte perché i produttori cinesi di pannelli solari hanno tagliato i prezzi abbastanza profondamente da mandare in bancarotta qualsiasi produttore statunitense.

Il giorno prima che venisse pubblicata la storia della Fisker sulla ABC, una coalizione di produttori di pannelli solari degli Stati Uniti ha presentato un esposto contro l’industria cinese a Washington, accusandola di usare miliardi di dollari di sovvenzioni statali per guadagnare quote di mercato negli Stati Uniti in violazione delle norme di diritto commerciale internazionale.

I sostenitori delle auto elettriche temono che i problemi di Fisker possano compromettere programma di prestiti a basso interesse del DoE, che ha ancora circa 10 miliardi di dollari non impegnati da destinare ai veicoli ad avanzato contenuto tecnologico – con molte richieste ancora da approvare.

Ritardato il Progetto Nina
Fisker risposto in un articolo del Washington Post, con una dichiarazione del co-fondatore Henrik Fisker del giorno dopo in cui afferma – non sorprendentemente – che Fisker e Solyndra sono “completamente diversi, non si possono paragonare”.
La società non ha nascosto i problemi, però, dicendo ieri che la produzione Nina plug-in berlina non inizierà fino a metà 2013, anche se continua a insistere sul fatto che alcune produzioni saranno avviate prima la fine del prossimo anno.

Nuove condizioni non ancora pubbliche
L’articolo del Washington Post ha sollevato una nota inquietante sul tema della trasparenza del governo. Il Dipartimento dell’Energia ha confermato al giornale di aver “allentato le aspettative dopo l’approvazione condizionata del prestito di Fisker, e ha ridotto le richieste per tenere conto di un nuovo ridimensionamento nel contratto di prestito finale”.

Secondo l’articolo, il DoE “ha rifiutato di rendere pubblici quei termini di patteggiamento, tra cui il volume di vendite o i parametri che [Fisker] deve soddisfare”.
Tuttavia, gran parte del le chiacchiere intorno ai prestiti Fisker fatti dal DoE si collocano da qualche parte tra il giudizio superficiale e scadente. Quindi è il momento di sottolineare alcuni fatti da tenere a mente durante la visualizzazione del servizio di ABC di questa sera.

Le basi …
La Fisker Karma e il Progetto Nina sono due auto diverse
Poiché le auto plug-in a quanto pare rimangono esotiche e generano confusione in gran parte dei media, è importante distinguere tra la 2012 Fisker Karma (ora in produzione) e il “Progetto Nina”, il nome in codice per seconda auto che Fisker ha in mente di produrre.
Dei 529 milioni dollari in prestiti a tasso agevolato concessi a Fisker dal DoE nel giugno 2009, 169 milioni dollari sono stati assegnato per il lavoro di integrazione di ingegneria sulla Karma.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: fisker karma fisker nina

Lascia una risposta

 
Pinterest