“Con la Fiat 500e perdiamo soldi”

“Con la Fiat 500e perdiamo soldi”

30 mag, 2014

Il CEO di Chrysler sottolinea: la elettrica perde soldi

OK , evidentemente non poteva dire: “Spero di non comprarla”.

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

27 maggio 2014. Dopo l’esplosione dei media della scorsa settimana come conseguenza dei commenti negativi dell’Amministratore Delegato sulla Fiat 500e, l’auto elettrica che la sua azienda vende in numero limitato in California, questo commento non può essere una sorpresa.

Per riassumere i suoi commenti in un articolo di Reuters che è apparso giovedi scorso, Marchionne ha detto della 500e che la società perde $ 14.000 su ciascuna vettura prodotta, che l’unica casa automobilistica che ha un profitto sulla vendita di auto elettriche è Tesla Motors, e che sperava di vendere solo il numero minimo richiesto.

Il CEO, molto schietto, è stato chiaro per diversi anni, che avrebbe preferito non dover costruire e vendere un piccolo numero di veicoli elettrici a batteria per soddisfare le esigenze di un singolo stato, California.

Quello non detto nell’articolo è che il suo consiglio ad un pubblico del Brookings Institution di Washington, DC, sarebbe stato: non è possibile acquistare una Fiat 500e a Washington. In realtà, non è possibile acquistare un qualsiasi al di fuori del selezionato Fiat Studios nel nord e nel sud della California.

Esiste la macchina esclusivamente per soddisfare i requisiti del mandato dei veicoli ad emissioni zero del California Air Resources Board, che richiede le sei case automobilistiche che vendono la maggior parte delle vetture nello Stato, di fornire i numeri fissi di veicoli senza emissioni allo scarico a partire dal 2012 fino al 2017.

Questo la rende una cosiddetta “compliance car” oppure “auto di conformità”, un veicolo venduto solo in alcuni mercati per soddisfare i requisiti normativi, ed in volumi solo abbastanza grandi per mantenere la casa automobilistica in condizioni legali.

Fiat Chrysler nel 2012, quando era ancora solo Chrysler, sembra essere stata la numero sei nella lista dei sei best-seller in California.

Così, in collaborazione con il costruttore di componenti Bosch, che ha progettato la batteria e gran parte della trasmissione, si è sviluppata l’auto elettrica Fiat 500e a volumi molto bassi, lanciata nell’aprile 2013.

La 500e è una macchina straordinariamente buona, è divertente da guidare, è più silenziosa rispetto all’originale e con tanta potenza (anche se non tanta quanta l’ hot-hatch 500 Abarth) .

Questa situazione ha messo il personale Chrysler durante l’evento di lancio dello scorso anno in una posizione scomoda: il loro evidente orgoglio per la 500 elettrica spiccava in netto contrasto con l’antipatia dichiarata loro dal CEO per l’auto e per le norme che richiedevano l’azienda a costruirla. Come conseguenza, nessuno di loro è stato disposto a commentare.

Guardata dal punto di vista di Marchionne, invece, la 500e è una distrazione costosa e inutile.

Fiat Chrysler ha attualmente molti problemi e molto più grandi dell’auto elettrica.

Cinque anni dopo che l’italiana Fiat ha preso il controllo della bancarotta e decimato Chrysler, ha solo iniziato a costruire veicoli per tutti i suoi marchi su basi comuni.

Ed ha molte marche. In ordine alfabetico, sono Alfa Romeo, Chrysler, Dodge, Fiat, Jeep, Lancia e Ram (lasciando fuori Ferrari e Maserati, che sono assolutamente distinte).

La sua prima auto degli Stati Uniti su architettura condivisa, la berlina compatta Dodge Dart, non ha venduto i volumi previsti .

La sua berlina media Chrysler 200 2015 è moderna, elegante e confortevole – ma i compratori americani in realtà considerano sconveniente l’acquisto di un’autovettura da una società di gran lunga meglio conosciuta per i SUV ed pick-up?

La vicenda Fiat Chrysler ha molti capitoli da scrivere, ma intanto i sostenitori delle auto elettriche si lamentano e sputano ai commenti del suo CEO, che riflettono semplicemente la realtà.

Per Fiat-Chrysler, la sopravvivenza a breve termine è molto più importante rispetto alla tecnologia plug-in a lungo termine.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: fiat 500e Fiat Chrysler sergio marchionne

Lascia una risposta

 
Pinterest