Nuova era per le auto elettriche d’epoca

Nuova era per le auto elettriche d’epoca

10 giu, 2012

di Nikki Gordon-Bloomfield
Fonte: GreenCarReports
 
1974 Electric Car

2 giugno, 2012. Quarant’anni fa, nel mezzo della crisi del carburante e anche dopo la crisi del carburante, i grandi e piccoli costruttori automobilistici di tutto il mondo si avvicinarono con concept e auto elettriche che, si sperava, di rivoluzionassero la mobilità metropolitana.

Non lo fecero. Equipaggiate da diverse migliaia di chili di batterie al piombo, dotate di una sola cifra di kWh di potenza del motore e con i prezzi di vendita simili a quelli delle auto molto più grandi e più potenti, sono rimasti veicoli di nicchia del mercato. Molti finìrono per essere usati come test nelle flotte dei veicoli delle utilities nel tentativo di comprendere meglio le proprietà dell’auto elettrica.

Quando la crisi energetica degli anni 1970 si è conclusa, la maggior parte delle persone dimenticò queste auto elettriche, ma ora un giornalista britannico del settore auto sta cercando di trasformare un auto elettrica d’epoca del 1974 in un all-electric hot-rod che accelera come una Tesla Roadster.

Originariamente costruito sull’isola di Wight in Inghilterra, solo 120 esemplari sono stati prodotti, con 65 di loro entrati in servizio della flotta con varie aziende di servizi pubblici in tutto il Regno Unito.

Spinta da un motore a corrente continua da 6 kW, la minuscola Enfield 8000 aveva due posti a sedere, e potrebbe raggiungere l’inebriante velocità di 40 mph (64 km/h), grazie ad un pacco di otto batterie da 12 volt configurate in disposizione serie-parallelo a 48 volt attraverso un rudimentale resistivo step-controller.

Con un grande parabrezza anteriore curvo, l’Enfield 8000 aveva un telaio space-frame in acciaio, carrozzeria in alluminio e piccole ruote da 10 pollici.

HPN 912N, si legge nella sua targa, ha avuto una vita particolarmente interessante, entrando in servizio con una società e facendo un’apparizione Tomorrow’s World, una popolare trasmissione di scienze del Regno Unito nella BBC del 1970.

Dopo aver terminato il servizio nella flotta, è di proprietà privata, prima di essere acquistato come premio di consolazione sul Worst Driver di Gran Bretagna, di Quentin Wilson, un programma televisivo del Regno Unito che ha ospitato a metà degli anni ’90.

La parte successiva nota della storia avviene nel 2007, quando HPN 912N è stata acquistata da un amico dell’autore come un runabout per sua madre.

Purtroppo però, entro poche settimane dalla data di acquisto, la vettura è stata sommersa in tre metri d’acqua, distruggendo la sua elettronica originale e rendendola fuori uso.

Recuperata a causa della sua rarità, la macchina poi ha trascorso alcuni anni sulla strada di questo autore, fino a quando non trovò un’area permanente di parcheggio.

E ‘stata poi salvata da Smith pochi mesi fa, dopo due anni di ricerche di una vettura idoneo.

Strutturalmente intatta, HPN 912N riceverà un restauro completo, con tanto di respray, nuovi interni e qualche ritocco nelle prestazioni.

Invece di ricostruire il vecchio motore, Smith ha intenzione di installare non uno, ma due potenti motori elettrici simili a quelli trovati in Black Current III, il drag elettrico da corsa inglese realizzato sulla base della Volkswagen Beetle.

Le batterie, ci viene detto, sono un segreto gelosamente custodito.

Al termine, Smith spera che la piccola Enfield, completa di barre di sospensioni, si esegua in un testa a testa contro la Tesla Rodaster 2011 nel quarto di miglio.

Mentre i puristi possono urlare in preda alla disperazione come quest’auto d’epoca elettrica rinasce come auto da corsa derivata dalla strada, non possiamo fare a meno di essere felici che la vettura che abbiamo visto con l’acqua al ginocchio cinque anni fa, ora ottiene una seconda chance come Flux Capacitor.

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: enfield 8000

Lascia una risposta

 
Pinterest