Storia. Prima auto a Biofuel

Storia. Prima auto a Biofuel

13 ago, 2016

di Marcelo Padin

Direttore Editoriale Electric Motor News

 

Anche se gli scienziati E. Duffy e J. Patrick hanno sperimentato con biocarburanti già nel 1853, il primo motore in grado di utilizzare biocarburanti è quello costruito da .

Di fatto, Rudolph Diesel ha mostrato il primo a biocarburanti ad Augsburg, Germania il 10 Agosto 1893.

Da allora. Il 10 Agosto è stato conosciuto come la Giornata internazionale del .

Si deve notare che gli inventori inglesi Herbert Akroyd Stuart e Charles Richard Binney avevano costruito un motore simile quasi contemporaneamente a Rudolph Diesel.

Nel 1900, Rudolph Diesel ha esposto il suo primo motore a biocarburanti in un’auto alla Fiera Mondiale Francese di Parigi. Il motore dell’automobile era alimentato da olio di arachidi. L’inventore del diesel e del biocarburante è stato premiato con il Grand Prix, che era il più alto premio ottenibile alla Fiera Mondiale.

Secondo Diesel in un discorso del 1912, “L’uso di oli vegetali per i carburanti dei motori può sembrare oggi insignificante, ma tali oli possono diventare, nel corso del tempo, così importanti come il petrolio ed i prodotti derivati dal catrame di carbone del tempo presente.”

Il motore diesel, a causa del suo peso fu usato per applicazioni stazionarie quali stazioni di pompaggio liquidi. E’ stato utilizzato anche per muovere navi e sottomarini. Nel 1923, il primo camion diesel è stato testato da Daimler, MAN e Benz.

Nell’anno 1920 gli ingegneri hanno ridisegnato il motore a biocarburante per funzionare meglio alimentato da petrolio considerando che il petrolio era a buon mercato e in abbondanza.

, la prima auto in produzione a biocombustibili

Nel 1933 è stata prodotta la prima vettura a biocarburante, la Citroën Rosalie. E’ stata anche la prima vettura diesel poiché i veicoli passeggeri e la maggior parte dei modelli in quel momento erano alimentati dal petrolio, anche se alcune persone utilizzavano diversi tipi di oli vegetali per le loro auto.

G. Chavanne presso l’Università di Bruxelles, in Belgio, ha registrato un brevetto per la transesterificazione di oli vegetali nel 1937. Il processo dell’alcolisi, etanolo e metanolo sono stati citati nel brevetto.

Gli storici dell’automotive considerano questo come la prima produzione ufficiale di ciò che conosciamo come il biodiesel di oggi.

 

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: biocomubistibili biodiesel citroen rosalie Rudolph Diesel

Lascia una risposta

 
Pinterest