Altri dettagli della Chrysler Pacifica Hybrid

Altri dettagli della Chrysler Pacifica Hybrid

22 gen, 2016

Il minivan presentato a Detroti è un ibrido plug-in da 30 miglia in modo elettrico (circa 48 km)

di Bengt Halvorson

Source: GreenCarReports

 

Detroit, Michigan. USA. 20 Gennaio 2016. La scorsa settimana Chrysler ha svelato la Pacifica Hybrid 2017, primo minivan Hybrid plug-in del marchio americano di FCA, il cui lancio sul mercato americano è previsto a settembre 2016.

Si tratta di un plug-in ibrido in grado di percorrere 30 miglia in modo tutto elettrico secondo la valutazione dell’EPA, che l’ha anche segnalato in grado di percorre 80 miglia per gallone equivalenti (MPGe).

Contro i rivali più importanti quali la Honda Odyssey, Toyota Sienna, Nissan Quest e Kia Sedona, Chrysler avrà un vantaggio particolare dal momento in cui con questa minivan ibrida plug-in intende commercializzarla in tutti gli Stati in quel segmento che Toyota ha fino ad oggi evitato con il Sienna citando la mancanza di domanda per il minivan ibrido.

Al Salone di Detroit abbiamo parlato con , Direttore Globale di Chrysler per avere maggiori informazioni per quanto riguarda l’elettrificazione è questo nuovo sistema di e-Hybrid 260 CV e per sapere cosa lo rende diverso.

Costruito la guida giornaliera in modo elettrico puro

Forse ciò che distingue questo sistema rispetto quelli degli altri ibridi plug-in, è che può permettere la Pacifica Hybrid di circolare in modo puro elettrico fino alla velocità di 120 mph, se si accelera abbastanza gradualmente. E quando le batterie sono ben cariche, funziona in modo completamente elettrico quasi fino alla piena accelerazione.

“Quasi in tutte le circostanze funzionerà in modo tutto elettrico” – disse Duhaime.

Duhaime guarda la Prius Plug-in come il tipo di plug-in che non volevano costruire. Invece la sua squadra, ad Auburn Hills, Michigan, ha lavorato da due anni e mezzo per costruire un sistema ibrido plug-in che dovrebbe avere interessante autonomia in modo tutto elettrico e di funzionare in tutta sicurezza in modo adatto alla capienza della Pacifica di un massimo di otto persone.

La scelta del team è di 16 kWh per la batteria e 30 miglia come autonomia nella pratica perché, secondo Duhaime, si tratta di un pacchetto previsto per il tranquillo uso autostradale.

“Abbiamo esaminato il tipo di consumatori per questo tipo di veicolo e al pendolarismo medio di andata e ritorno per questo tipo di veicoli che percorre circa 29 miglia” ha detto. “E poi da lì abbiamo dimensionato la batteria e con l’efficienza del motore elettrico la capacità utilizzabile è risultata essere di 16 kWh”.

Questo è un formato che si inserisce perfettamente anche nelle che Stow ‘n Go situati nei posti della seconda fila. Nel Hybrid, i sedili si piegano in lungo il pavimento ma questa zona è occupata dalle batterie, tutto il resto della versatilità di carico del minivan è intatto.

La configurazione di grande minivan resta quasi invariata

Lo stesso pacco batterie – come per quelle , ma il cui uso non ha confermato ufficialmente è raffreddato a liquido.

“Noi dobbiamo raffreddarle quando siamo nella fase della ricarica, e abbiamo scoperto che è molto difficile da fare con la variazione esterna”, ha detto Duhaime.

La ricarica avviene in circa due ore a 240V con l’unità di bordo da 6.6 kW, o tra le 12 e le 14 ore a 110V. Chrysler ha deciso che la ricarica veloce non sarebbe stata molto utilizzata dai compratori e si prevede che si limitano a ricaricarla durante la notte a casa.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: chrysler pacifica hybrid Direttore Globale Chrysler lg chem Mike Duhaime naias north american international auto show

Lascia una risposta

 
Pinterest