Dove sarà costruita la Chevy Spark EV?

2013_chevrolet_spark_ev_cutaway_

27 ott, 2011

Dove sarà costruita la Chevy Spark EV? Forse in Michigan?

Di John Voelcker
Fonte: Green Car Reports

25 ottobre 2011. Due settimane fa, la Chevrolet ha presentato la sua minicar Spark 2013 e ha confermato che avrebbe offerto una Spark EV completamente elettrica. Nel giro di pochi giorni, una domanda intrigante si insinuò tra gli appassionati: GM dove ha intenzione di costruire il suo primo nuovo modello all-electric car dopo il compianto EV1?

L’unico impianto di assemblaggio capace di produrre sia la Chevrolet Spark 2013 a benzina che la versione diesel è a Changwon, in Corea. Un portavoce di GM Corea ha detto a WardsAuto che l’azienda non aveva alcun prototipo Spark EV in loco e che il sito di assemblaggio finale non era ancora stato deciso. Pensiamo che ci sia una risposta semplice alla domanda: GM importerà veicoli Spark senza motore (conosciuti come “alianti”), dalla Corea agli Stati Uniti, e aggiungerà batterie, motori elettrici ed elettronica di potenza in un sito di assemblaggio da qualche parte nel Paese .

Questo è lo stesso procedimento usato da Azure Dynamics per elettrificare il piccolo veicolo commerciale Ford Transit Connect, trasformandolo nel modello Transit Connect elettrico ora in vendita in piccole quantità per gli acquirenti aziendali.
Toyota, invece, prevede di costruire il suo 2012 RAV4 EV presso lo stabilimento RAV4 a Woodstock, in Ontario. Batterie e altri componenti verranno forniti da Tesla Motors direttamente dalle proprie strutture in California.

Terminare l’assemblaggio negli Stati Uniti ha senso per la Chevrolet Spark EV perché la sua batteria agli ioni di litio sarà fornita da A123 Systems, ed è ora in produzione pilota presso il nuovo stabilimento in Holland Livonia, Michigan. GM aveva detto in settembre che avrebbe stretto un contratto di fornitura con A123 System per una batteria per un veicolo elettrico, ma non aveva specificato per quale modello fosse. Ora sappiamo che si tratta della Spark EV.

Non solo le celle agli ioni di litio sono una delle componenti più costose di un veicolo elettrico a batteria, ma sono anche considerate carichi pericolosi – tanto che la loro spedizione internazionale è sia lenta che complicata.

Inoltre, General Motors domani annuncerà ulteriori dettagli sui suoi piani per la produzione di motori elettrici per i futuri modelli di EV. Si parla già di motori elettrici a Wixom, nel Michigan, e se ne costruiscono per alcuni dei loro veicoli – anche se non tutti – in un impianto a White Marsh, Maryland. Mettendo questi pezzi insieme, ci aspettiamo che A123 System produca le celle per le batterie delle Spark EV in Michigan, e GM le assembli in batterie e le monti nelle Sparks da qualche parte negli Stati Uniti. Su dove possa essere il sito di assemblaggio finale non abbiamo la più pallida idea, ma ci aspettiamo che sia in Michigan o al massimo in uno Stato vicino.

Considerando i volumi di vendita che arrivano solo a 2.000 esemplari all’anno – sufficienti a soddisfare la legge californiana Zero Emission Vehicle – viene fuori che quasi non hanno bisogno di un nuovo impianto. Una singola linea di produzione in un impianto esistente potrebbe fare tutto il lavoro necessario.

Ci chiediamo invece che cosa potrebbe accadere nello stabilimento Detroit-Hamtramck che costruisce ora la 2012 Range-extended, che attualmente produce solo una frazione della sua capacità totale.
Indipendentemente da dove negli Stati Uniti verranno assemblati i pezzi, noi sospettiamo che GM sarà in grado di ritenere la macchina “made in USA”, a differenza della normale Chevrolet Spark – che resterà una vettura di importazione.

Questo perché la dicitura “made in USA” ha a che fare con il sito di assemblaggio finale, che porta sia la Tesla Roadster (con alianti costruiti in Inghilterra) che la prossima 2012 Coda berlina (con alianti costruiti in Cina) ad ottenere la dicitura perché il cambio, le batterie, i motori e altri componenti sono installati sul suolo americano.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: chevrolet volt

Un commento

  1. molto interessante questo post

Lascia una risposta

 
Pinterest