Termine delle prove MINI-e in Inghilterra

Termine delle prove MINI-e in Inghilterra

5 ago, 2011

Di Antony Ingram

Fonte: All Cars Electric

5 agosto 2011. Pochi mesi dopo lo studio delle auto elettriche BMW e MINI si è conclusa negli Stati Uniti, uno schema simile a quello eseguito in Gran Bretagna che è giunto al termine, ed i risultati sono controversi
… e se avete letto i risultati dei americani, i dati provenienti dal Regno Unito sembrano tutti molto familiari. In pratica, tutti i piloti amavano guidare la , come ci si aspetterebbe da un piccola, divertente vettura elettrica hatchback da 204 cavalli.

I risultati, però, vanno oltre al semplice piacere di guida dei veicoli elettrici e per la BMW l’obiettivo è la raccolta dati per i suoi progetti attuali e futuri di EV, la BMW ActiveE Serie 1 2011 e, soprattutto, l’imminente BMW i3 city car elettrica del 2014.

In primo luogo, le buone notizie

Come siamo abituati a sentire dai proprietari di MINI e dai prodotti BMW, i proprietari apprezzano l’esperienza di guida. Ogni utente ha esaltato la tranquillità unica dell’esperienza EV, ma anche i rumori futuristici di un motore elettrico che potrebbe dare la scossa al mercato.

Tutti hanno apprezzato la “rapida e scattante accelerazione” come una conseguenza del modo di erogare la coppia dei motori elettrici e molti addirittura l’hanno preso molto sul serio ed hanno cercato di modificare la guida per migliorare l’autonomia  – qualcosa che abbiamo già visto con molti altri mezzi economici. I piloti hanno fatto uso del sistema di frenata rigenerativa nel maggior modo possibile e tre quarti del campione ha detto che l’obiettivo era di raggiungere le loro destinazioni avendo usato la minor energia possibile dalle batterie.

L’autonomia, in generale, non è stata un problema

La distanza media percorsa dai 138 autisti era di solo 29,7 miglia al giorno (la media britannica è meno di 25 miglia al giorno), e con MINI avendo una serie realistica di 112 miglia, molti non hanno nemmeno avuto la necessità di caricare ogni notte, con una media 2,9 ricariche a settimana, registrate dai contatori di ricarica intelligenti. Quando hanno fatto ricaricare la macchina, tutti hanno fatto uso della tariffa notturna più economica. I dati di utilizzo servono a tracciare un parallelo con l’indagine degli Stati Uniti, in cui il 95 per cento dei conducenti ha percorso meno di 80 miglia al giorno, che significa che “l’ansia dell’autonomia” è stata raramente un problema.

L’81 per cento ha dichiarato di preferire il collegamento alla ricarica in un distributore di benzina, e l’82 per cento ha utilizzato la ricarica a casa per il 90 per cento delle loro necessità di ricarica. Quasi tre quarti degli intervistati non hanno mostrato molta preoccupazione per la mancanza di opzioni di ricarica pubbliche.

Alla fine, il 96 per cento dei partecipanti ha detto che avevano ora in considerazione l’acquisto di un auto elettrica a seguito della partecipazione, e la metà ha detto che avrebbe pagato quanto un terzo in più di quella di una macchina a motore termico per possedere un veicolo elettrico. Il 30 per cento sarebbe disponibile a comprare un EV entro un anno.

Un driver di MINI E ha pecorso quasi 8.000 miglia in sei mesi di utilizzo in modo di dimostrare che l’elevato chilometraggio è possibile, e alla domanda se le auto elettriche hanno bisogno di un suono artificiale per avvisare i pedoni, oltre la metà ha risposto che i driver dovrebbero semplicemente prestare maggiore attenzione, quindi ci sono sicuramente alcuni miti riguardo gli EV ad essere sfattati.

Il corrispondente della BBC si lamenta della MINI E. .. Non va cosi bene

Abbiamo visto il livello di positività dai test degli Stati Uniti all’inizio di quest’anno e all’inizio del 2010. Come per i test, però, ci sono alcuni svantaggi.

Le condizioni climatiche estreme sono ancora un problema. Se si abita da qualche parte dove le temperature sono molto basse ogni inverno come ad esempio New York o al caldo estremo di stati come l’Arizona, l’autonomia può drasticamente ridurrsi e di conseguenza la necessità di ricarica può aumentare. I risultati dei test del 2010 hanno mostrato gli stessi problemi con il clima freddo dei test.

Nel Regno Unito non ci sono clime estremi di quel tipo (nel Paese della pioggia si indica un clima abbastanza temperato …) ma anche così, l’84 per cento ha detto che l’autonomia è stata ridotta durante un inverno particolarmente freddo. BMW non dice in quale misura, ma i rapporti sono di un utente che ha regolarmente guidato in viaggi da 88 miglia ogni giorno per tutto l’inverno, e si segnala che 4 su 5 partecipanti pensano che la macchina sia adatta per l’inverno.

Sebbene l’autonomia non era un problema, questo era indubbiamente aiutato dalla maggioranza dei piloti che percorrevano in media solo 3.226 miglia ogni sei mesi. Un equivalente di 6.500 miglia all’anno è solo la metà della media nazionale, o poco più di due terzi di quella delle auto di piccole dimensioni come la MINI.

Nella lettura un pò più profonda, non è sorprendente che le percorrenze degli autisti si sia ridotta al minimo, infatti BMW ha chiaramente scelto individui che in modo improbabile avessero percorso troppi chilometri ed i chilometri in realtà sono stati sempre meno di quelle che potrebbe percorrere anche con una normale auto di piccole dimensioni. BMW ha utilizzato i conducenti dei veicoli di controllo – MINI e BMW 116S benzina, che a quanto pare percorrono distanze ancora inferiori, ma questo segna solo i veicoli di controllo come sotto la media degli utenti, piuttosto che come un esempio della norma nazionale.

E non dimentichiamolo, con 540 dollari al mese, il costo di locazione del Regno Unito per ogni proprietario, molto più di una MINI regolare, quindi qui c’è ancora un elemento di “spendere soldi per risparmiare soldi”, anche a 2 pence (3 centesimi) per miglio i proprietari hanno dato il loro contributo alle auto.

I futuri proprietari potrebbero non avere la fortuna di avere la presa di ricarica a casa BMW da installare a casa loro.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: mini e test

Lascia una risposta

 
Pinterest