Nuovo Centro di Mobilità Urbana del BMW Group

Nuovo Centro di Mobilità Urbana del BMW Group

16 lug, 2015

BMW Group sostiene un cambiamento di paradigma di città basata soprattutto nelle persone piuttosto che nelle automobili.

Presentazione di concetti che esplorano come la mobilità urbana può essere gestita senza auto private; il elettrico come una componente chiave; BMW i3 ora disponibile tramite DriveNow.

Fonte: BMW Group

 

Berlino. Germania. 15 Luglio 2015. Il car sharing elettrico rappresenta un importante pilastro negli sforzi del Gruppo BMW per contribuire a creare un modello sostenibile per la mobilità urbana, ridurre i volumi di traffico e migliorare la qualità della vita nelle città.

Al fine di portare questo obiettivo a portata di mano grazie alla partnership con le città, il BMW Group ha istituito il Centre of Urban Mobility Competence nei primi mesi del 2015. Il team di esperti porterà insieme sotto lo stesso tetto i lavori con le città e le parti interessate per sviluppare concetti sostenibili per il futuro della mobilità nelle aree urbane.

Lai conferenza stampa di oggi segna l’inizio ufficiale delle operazioni presso il Centro di Competenza BMW.

Allo stesso tempo, 100 automobili elettriche BMW i3 sono ora disponibili per i clienti del DriveNow car sharing a Berlino, Amburgo e Monaco di Baviera. A Londra la BMW i3 DriveNow era già stata aggiunta alla flotta a maggio e presto seguiranno altre città in Germania ed Europa.

DriveNow ha aggiunto più di 470.000 clienti in tutto il mondo nel corso degli ultimi quattro anni, di cui 430 mila in Germania (120 mila a Berlino). Dal 2013, DriveNow ha funzionato con 60 BMW ActiveE elettriche a Berlino e Monaco di Baviera, come parte dei progetti di WiMobil Eplan e progetti di ricerca. Queste auto si sono dimostrate straordinariamente bene nell’uso giorno per giorno e ora saranno sostituite da 40 BMW i3 a Berlino, 30 ad Amburgo e 30 a Monaco di Baviera.

“I nostri clienti hanno goduto con le vetture BMW ActiveE tanto quanto con i veicoli convenzionali nella nostra flotta”, dice , amministratore delegato di DriveNow. “Questa iniziativa ci ha permesso di avere circa 3.000 persone al mese al volante di un veicolo completamente elettrico per la prima volta – e, così facendo, suscitare il loro entusiasmo per la mobilità elettrica. L’introduzione della BMW i3 nella nostra flotta è il passo logico successivo, e sarà presto seguito da altri in Germania, Europa e nel mondo”, aggiunge Gabriel.

 

Il car sharing elettrico agisce come un catalizzatore per la mobilità elettrica

Un altro elemento chiave per il BMW Group è che il car sharing elettrico ha il ruolo di leader da svolgere nel portare avanti la mobilità elettrica in tutta la Germania.

I veicoli coinvolti in programmi di car sharing elettrico aumentano l’uso dei punti di ricarica nelle città su base più prevedibile. Questo rende la mobilità elettrica facilmente visibile e più disponibile per le popolazioni locali, trasformandola da un’attività di ricerca in una realtà di tutti i giorni. Si rompono le barriere e si facilita il percorso in mobilità elettrica.

 

è un componente significativo di concetti di mobilità urbana sostenibile

La mobilità elettrica e il car sharing rappresentano due elementi principali per il Gruppo BMW quando si tratta di lavorare con le città per sviluppare concetti rivoluzionari di mobilità. Come il dottor , Vice President Servizi ai disabili a BMW AG, spiega:

“Un cambiamento significativo è ripreso nel BMW Group. In linea con i nostri obiettivi strategici, stiamo impostando ad affermarci come leader di prodotti e servizi premium per la mobilità personale in tutto il mondo. Stiamo assistendo al cambiamento dei nostri clienti e della società nel suo complesso e stiamo prendendo tutti a bordo. Il nostro obiettivo è quello di lavorare per sviluppare una miglior qualità della vita nelle città con ampio spazio per la vita urbana. Creato all’inizio di quest’anno, il Centro di Competenza Urban Mobility ci ha fornito un team di esperti che stanno lavorando con le città e gli stakeholder associati per sviluppare e implementare nuovi concetti per il futuro della mobilità urbana. A giudizio del BMW Group, è fattibile migliorare ulteriormente la mobilità delle persone che vivono in aree urbane. Non è una contraddizione migliorare la mobilità e allo stesso tempo offrire una città che assicuri un’alta qualità della vita per le persone che vi abitano”.

La qualità della vita nelle nostre città sempre più densamente popolate può essere nettamente migliorata mettendo gli spazi pubblici a disposizione per diversi usi. Un modo in cui possiamo raggiungere questo obiettivo è quello di liberare una grande parte delle aree di parcheggio attualmente richiesto.

Per rendere questo possibile, i concetti di mobilità e le strutture devono essere a posto e qui si può innescare l’entusiasmo della gente per la mobilità urbana al di là di loro. Il trasporto pubblico locale continua a fornire la spina dorsale dei servizi di mobilità nelle aree urbane. A complemento del trasporto pubblico locale con i programmi di car sharing e altri modi di trasporto e la creazione di collegamenti intermodali, permette alle persone di utilizzare tutte le strade della città. Ciò si traduce in una significativa riduzione del volume di automobili che cercano parcheggi e nel numero di posti auto necessari, per non parlare del miglioramento della qualità dell’aria e delle emissioni sonore.

Pubblicato di recente il punto della legislazione car sharing del governo federale tedesco affronta fondamentalmente questo approccio.

La legislazione consente le città di offrire un parcheggio privilegiato per le auto partecipanti oltre gli automobilisti privati. Partendo dal presupposto che i tipi di tesi di incentivi si applicano in egual misura per gli utenti di car sharing con basi nelle station e anche quelli non basati nella stazione, la città sarebbe affidabile per rendere alle imprese progressi sostanziali quando si tratta di estendere la portata della mobilità sostenibile.

Lo stesso vale per la legislazione della mobilità elettrica in Germania, qui, tra le cose other, dà alla città la possibilità di avere aree di parcheggio designate esclusivamente per i veicoli elettrici. Questo può aiutare le autorità locali a raggiungere anche i loro obiettivi quando si tratta di limitare le emissioni dei veicoli. Infatti, tale approccio dalle autorità lo si può combinare con una strategia ben ponderata passando per lo sviluppo urbano sostenibile, impostando un percorso verso la creazione di un ambiente che fornisce una migliore qualità della vita.

 

BMW Group è un fornitore leader di soluzioni per la mobilità; Urban Mobility Competence Centre spiana la strada

Il BMW Group ha riconosciuto che bisogna cambiare il tipo di sfide che si deve affrontare quando si tratta di mobilità e di conseguenza ha ampliato la strategia aziendale. La roadmap strategica della società è stata tracciata fino al 2020 ed è chiaramente definita: l’obiettivo del BMW Group è quello di essere il leader a partire dai prodotti premium e servizi premium per la mobilità personale in tutto il mondo.

Accanto DriveNow, si trattano altri servizi come il e . La pressione delle aziende per avere dei garage in zone centrali delle città di tutto il mondo, dà luogo ad un considerevole traffico causati da persone in cerca di posti auto – e con esso le percorrenze inutili. Per i driver, questa è spesso la parte più sgradevole di un viaggio. Reserve ParkNow è una piattaforma integrata nella gestione delle auto con gli spazi pubblici e privati

I vantaggi per gli utenti sono evidenti. Ci sono vantaggi obiettivo anche quando si tratta del monitoraggio del posto auto nel parcheggio se le città possono essere pagate per i biglietti on-line e il numero di distributori automatici di biglietti ridotti.

A seconda della domanda di posti macchina, si possono utilizzare le informazioni in tempo reale per gestire il traffico degli autisti mostrando la probabilità, sulla base di un algoritmo di apprendimento, di averee un posto libero disponibile su una data strada. Se non ci sono posti auto in una zona particolare, questo traffico causato da persone in cerca di spazi può per essere evitato fin dall’inizio. Questa idea può essere estrapolata per fornire recensioni di un’altra opzione di gestione parcheggio auto, cioè l’ancoraggio dei prezzi alla domanda attuale.

La funzione di guida a destinazione intermodale integrata nel sistema di navigazione della BMW i3 muove le cose in avanti con un altro passo nella recensione.

Quando si attiva la guida a destinazione, questa funzione non solo mostra il percorso più efficiente fino alla destinazione nell’auto desiderata, obiettivo anche in collegamento intermodale, ma questo dovrebbe fornire la soluzione più efficiente. Ad esempio, un passaggio al trasporto pubblico locale – con precisi dati di calendario – il noleggio di biciclette che può essere integrato nel processo di guida a destinazione.

La funzione di guida a destinazione intermodale, che sarà introdotta gradualmente in tutto veicoli del Gruppo BMW, Consente il traffico supplementare da evitare e al conducente di rilevare la direzione delle opzioni locali di trasporto pubblico alternativo.

Le soluzioni tecniche e concettuali che abbiamo descritto qui sono tutte in continua espansione nel portafoglio del Gruppo BMW. Lavorare insieme in modo intelligente, apre le porte a nuove forme di gestione del traffico urbano negli anni a venire. La nostra visione a lungo termine è per le città, per offrire una migliore qualità della vita.

Una più efficiente organizzazione delle soluzioni per la mobilità contribuisce a creare un nuovo ambiente in cui vivere. La priorità assoluta del Competence Center è quello di salvaguardare la mobilità per tutti gli utenti per lo meno al livello attuali. La privazione o la coercizione non sono un’opzione. Invece, il tipo di mobilità sarà disponibile coordinata e migliorata in modo efficace così la gente l’adotterà come una logica conseguenza.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: amministratore delegato DriveNow Bernhard Blättel bmw active-e bmw Centre of Urban Mobility Competence car sharing ChargeNow drive now ecarsharing Nico Gabriel ParkNow

Lascia una risposta

 
Pinterest