Bentley utilizzerà motori V-8, W-12 nei suoi ibridi

bentley_continental_gt_01

18 gen, 2012

Bentley utilizzerà motori V-8, W-12 nei suoi ibridi Plug-In

Da Nikki Gordon-Bloomfield
Fonte: GreenCarReports

16 Gennaio 2012. Per anni, le case automobilistiche di prestigio sono rimaste isolate dalla spinta verso la riduzione dei consumi di carburante.
Tuttavia, i regolamenti sulla efficienza e le riduzioni delle emissioni hanno costretto molti produttori di automobili di lusso a prendere sul serio i consumi per la prima volta, richiedendo loro di cercare alternative ai tradizionali motori a elevata capacità per alimentare le loro automobili.

Secondo l’amministratore delegato della Bentley, , per la Bentley non si tratta di abbandonare i suoi i motori V-8 e W-12 a causa della pressione ambientale e normativa. Invece, Bentley li userà insieme a motori elettrici nel suo primo ibrido plug-in.

La notizia non è certo una sorpresa. La scorsa estate, quando Dürheimer ha iniziato a parlare di sviluppo di un ibrido plug-in, abbiamo notato che era improbabile che la casa automobilistica dismettesse i suoi motori a 8 e 12 cilindri che danno alle sue auto prestazioni impressionanti. Pare che la combinazione con plug-in drivetrain sia un modo per mantenere soddisfatti sia i fan puristi che l’EPA allo stesso tempo.

L’ultimo motore Bentley a 8 cilindri è il 4.0 litri twin turbo V-8 che si trova nel suo 2012 Continental GT. Bentley rivendica che il 4.0 litri V-8 sia del 40 per cento più efficiente rispetto al suo motore W-12, ma riesce ancora a produrre 500 cavalli e 487 pound-feet di coppia.
Il suo motore W-12 – con 6,0 massicci litri di dimensioni – è in grado di funzionare sia a benzina o bioetanolo E85.

Prima di agitarsi però, vorremmo ricordare che qualsiasi tipo di plug-in ibrida proposta da Bentley non ha intenzione di viaggiare lontano in modalità completamente elettrica prima che entri in campo il suo motore enorme.
Come Dürheimer ha detto l’anno scorso quando venne torchiato dalla stampa sull’autonomia, la Bentley non sta per produrre auto elettriche ad autonomia estesa.

“Penso che 25-30 km [16-19 miglia] siano abbastanza. Forse tra 20 anni arriveremo a 100 km [62 miglia],” ha detto. “Per il momento, non lo faremo perché nessuno può permettersi le batterie e nessuno vuole portarsele in giro.”

Per ora quindi, le plug-in Bentley ibride non segnano un cambio di rotta verso l’energia elettrica, ma un modo per soddisfare le più rigorose le norme di emissioni e permettere alle sue auto di lusso di viaggiare in modalità completamente elettrica nel lento traffico cittadino.
Questo, è un po’ triste, perché Bentley – come Rolls Royce – potrebbe cambiare il volto del mercato delle auto di lusso per sempre se veramente credesse nelle plug-in.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Wolfgang Dürheimer

Lascia una risposta

 
Pinterest