Vetrina della tecnologia Audi a Le Mans

Vetrina della tecnologia Audi a Le Mans

12 giu, 2011

Audi utilizza Le Mans per come vetrina della tecnologia
• Audi Spyder e-tron di fronte ad un folto pubblico di Le Mans
• Debutto mondiale per la Audi R8 Spyder GT
• Numerosi ospiti di alto calibro

Fonte: Audi Motorsport

Ingolstadt, Germania. Le Mans, Francia, 11 giugno 2011 – Non solo le tre Audi R18 TDI auto attirato l’attenzione alle Le Mans 24 Ore. La e-tron concept car Spyder e la Q5 ibrida Quattro tra le vettura da strada dimostrano la capacità di Audi non soltanto nella competizione in pista a Le Mans, ma anche fuori pista oltre la pura azione racing. Inoltre, i numerosi ospiti di altissimo livello e una vasta gamma di attività che coinvolgono i driver di fabbrica hanno attirato i riflettori su Audi a Le Mans.

Pronti per il futuro con l’elettrificazione: Audi ha presentato la Spyder e-tron ad un vasto pubblico.

Come parte della “Le Mans vers le futur” c’è stata la presentazione del prototipo con un propulsore elettrico ed è stata vista l’Audi Q5 ibrida. La Audi e-tron Spyder può generare una potenza di 388 CV con due motori elettrici e un motore TDI. Il SUV Q5 Quattro ibrida sarà in vendita entro la fine del 2011.

Debutto mondiale a Le Mans: L’affascinante Audi R8 Spyder GT ha fatto il suo debutto il venerdì sera prima della gara di 24 ore. L’ex vincitore di Le Mans Marco Werner ha guidato la nuova vettura sportiva stradale che rispecchia perfettamente la filosofia Audi nella tecnologia ultra leggera.

Il ritorno del trofeo: Come negli anni scorsi il vincitore ha restituito il trofeo Audi Le Mans, che è una Challenge Cup, all ‘Automobile Club de Ouest (ACO) prima della partenza. Il Presidente del Consiglio di Amministrazione, Rupert Stadler, ha guidato personalmente la Horch 853A Cabriolet sport.

Molti membri del consiglio di amministrazione di Audi e del Gruppo hanno colto l’occasione della per una visita. Prof. Dr. rer. nat. Martin Winterkorn, Presidente del Consiglio di Amministrazione del Gruppo Volkswagen, Michael Dick (Membro del Consiglio di Amministrazione di Audi per lo sviluppo tecnico), Peter Schwarzenbauer (Marketing e Vendite), Axel Strotbek (Finanze e Organizzazione) sono stati presenti così come Jochem Heizmann (Veicoli Commerciali del Gruppo Volkswagen), Wolfgang Dürheimer (Presidente del consiglio di Amministrazione Motors Bentley, Bugatti, Direttore Generale SA) e Wolfgang Hatz (Ricerca e Sviluppo Porsche AG).

Ricompensa per le prestazioni dell’anno scorso: Michelin ancora una volta ha dato un regalo ai vincitori delle 24 Ore di Le Mans dell’anno precedente. Da martedì, i driver ufficiale Audi Timo Bernhard, Romain Dumas e Mike Rockenfeller sono stati orgogliosi proprietari di un kart sportivo da gara con i colori del produttore di pneumatici francese.

Buon 50 ° anniversario: il museo ufficiale della gara di 24 ore è stato inaugurato mezzo secolo fa. Martedì scorso Dindo Capello ha partecipato alla celebrazione per l’anniversario della raccolta, che ora è composto da oltre 100 auto.
La prima volta: Timo Bernhard, Romain Dumas e Mike Rockenfeller, come vincitori lo scorso anno, hanno avuto l’opportunità di lasciare le loro impronte delle mani come da tradizione. Lunedì si sono incontrati nel centro storico di Le Mans per avere il classico quadro. Successivamente il sindaco Jean-Claude Boulard e il Presidente della Camera di Commercio Bernard Warrain hanno ricevuto il trio.

Per la ventesima volta: nel 1991 l’organizzatore di Le Mans ha iniziato la tradizione delle impronte di mani. In occasione del 20 ° anniversario il capo di Audi Motorsport Wolfgang Ullrich, il presidente dell’ACO Jean-Claude Plassart ed il capo della Peugeot Sport Olivier Quesnel, sono stati pure invitati a lasciare le loro impronte di mani. Sono stati catturati per l’eternità su una lapide nel Villaggio in pista.

Persone che hanno fatto la storia: Le Mans Miniatures presenta una nuova serie di statue di personaggi associati alla gara. Il Dr. Wolfgang Ullrich è il modello per una delle prime delle figurine in scala 1:18 che sono stati creati.

Visita di alto livello: Audi ha ricevuto un gran numero di ospiti internazionali a Le Mans, tra cui il cantante soul Beverley Knight, i due ex Campioni del Mondo Rally Audi Stig Blomqvist e Hannu Mikkola, il comico Django Asül, la medaglia d’oro olimpica di nuoto Dr. Michael Gross, lo scatore francese Julien Lizeroux, la campionessa di sci femminile Tessa Worley, l’ex calciatore Denis Irwin e l’ex vincitore di Le Mans Richard Attwood.

Jackie Stewart ha pure visitato Audi. Il tre volte campione del mondo di Formula 1 è stato visto un giro dal personale ai box Audi con il sua connazionale scozzese Allan McNish il sabato. Il sei volte vincitore di Le Mans Jacky Ickx, che funge da ambasciatrice del marchio Audi, ha anche tenuto le dita incrociate per l’Audi Sport Team Joest.

Tre altre personalità che sono associati con Audi attraverso diverse serie di corse non hanno voluto perdere la kermesse della Sarthe. Il driver del DTM  Filipe Albuquerque è stato colpito con la sua prima visita a questo classico di 24 ore. Il direttore del team Phoenix Ernst Moser ed il regista del team WRT Vincent Vosse si è recato anche in Francia.

Impegni da leggende: Frank Biela, Emanuele Pirro e Marco Werner, che complessivamente hanno conquistato 13 vittorie a Le Mans con Audi, hanno svolto vari impegni di pubbliche relazioni per Audi. Il due volte vincitore di Le Mans, Hans-Joachim Stuck ha lavorato come commentatore TV per SAT.1.

Mobile con energia elettrica: il produttore di un buggy da campo da golf ha fatto un veicolo unico disponibile a Le Mans per registrare Tom Kristensen. Simile alla Audi R18 TDI, il veicolo alimentato da elettricità sfoggiava una grafica gialla. E’ un frigorifero, con tetto a soffietto, sedili in pelle, cerchi in alluminio cromato ed è omologato per uso stradale.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: 24 Ore di Le Mans audi q5hybrid e-tron spyder concept

Lascia una risposta

 
Pinterest