Piattaforma Idea per la mobilità elettrica

Piattaforma Idea per la mobilità elettrica

17 ott, 2012

- Il progetto di ricerca e-performance sviluppa la piattaforma per le auto elettriche

- Stretta collaborazione con gli esperti del mondo accademico e dell’industria

- Batterie ad alta tensione come punto focale del progetto

Fonte: Audi AG

 

Ingolstadt, 16 ottobre 2012 – L’andamento del progetto e- performnace di ricerca si è concluso dopo tre anni di lavoro. Audi ha collaborato con e molti istituti alla RWTH per sviluppare una piattaforma tecnologica che è un grande passo avanti per la mobilità elettrica. I moduli della piattaforma possono essere utilizzati in una varietà di automobili a trazione elettrica. Uno di questi veicoli è la piattaforma tecnologica sportiva “”.

Gli azionamenti elettrici rappresentano un tema chiave per la mobilità del futuro. La casa automobilistica di Ingolstadt quindi ha avviato il progetto “e-performance” sulle premesse di GmbH (AEV) il 1 ° ottobre 2009. L’obiettivo: un’architettura in scala per i sistemi di trazione elettrica dell’auto, una piattaforma tecnologica flessibile, che include anche un plug-in a trazione ibrida. Esso dovrebbe essere adatto per l’uso da una vettura sportiva, una berlina e una citycar.

Gli esperti dell’industria e del mondo accademico sono stati coinvolti nel progetto, che ha avuto un bilancio di € 36 milioni. Gli ingegneri della Audi AG e Audi Electronics Venture hanno collaborato a stretto contatto con Robert Bosch GmbH, Bosch Engineering GmbH e tre Istituti di RWTH Aachen University: l’Istituto di Ingegneria dell’Autoveicolo (IKA), l’Istituto per l’elettronica di potenza e azionamenti elettrici (ISEA) e l’Istituto di Macchine Elettriche (IEM). Le università tecnica di Monaco, Dresda e Ilmenau, Università Leibniz di Hannover, il Fraunhofer IESE e istituti IISB nonché Forschungsgesellschaft Kraftfahrwesen mbh Aachen erano anche membri del consorzio. Il ministero federale tedesco dell’Istruzione e della ricerca (BMBF) ha sostenuto l’andamento con circa € 23 milioni.

“Il nostro team di ingegneria ha unito arte, creatività e una parte del pensiero laterale” dice il Dott. , uno dei responsabili del progetto. “Giovani, indipendenti e liberi pensatori hanno lavorato insieme con gli esperti dei servizi di sviluppo tecnico da Audi e Bosch. Abbiamo apprezzato una costante condivisione delle nostre rispettive conoscenze e culture del lavoro diverse “.

” Il progetto è stato molto dinamico per quanto riguarda il personale e le tecnologie, con la conseguente collaborazione molto flessibile con interfacce aperte “, aggiunge , collega di Allmann.

e-performance è stato suddiviso in una dozzina di pacchetti di lavoro, dal sistema di accumulo di energia al concetto di controllo per il controllo della stabilità dinamica. Nelle fasi iniziali, i partecipanti hanno lavorato principalmente con strumenti di simulazione avanzati, poi hanno costruito moduli ed infine una macchina guidabile, la F12. La vettura sportiva sembra all’estermo un’Audi R8 di produzione, ma è a trazione puramente elettrica. La F12 rappresenta il modello “e-Sport” della piattaforma di sistema modulare.

Una delle aree tematiche chiave del progetto è stata la batteria ad alto voltaggio. Nell’F12, include due blocchi separati, con una capacità complessiva di oltre 38 kWh. Ogni blocco è composto da 200 macrocelle. Le pareti smussate consentono di spostare le macrocelle una relativamente all’altra per una maggiore sicurezza in caso di incidente. Sezioni di alluminio Cast nel sistema di batterie assorbono la maggior parte dell’energia dell’incidente. I calcoli e le prove iniziali sul livello dei componenti indicano che questo concetto di sicurezza innovativo può anche resistere a un impatto laterale con il palo.

La vettura di ricerca è alimentata da tre diversi motori elettrici, ognuno dei quali può essere controllato separatamente. Durante la marcia lenta, solo il motore sincrono sull’asse anteriore è attivo. A velocità più elevate, le prestazioni ottimizzate dei motori asincroni al retrotreno entrano in gioco. Insieme, i tre motori elettrici producono 150 kW (204 CV) e 550 Nm di coppia. La loro interazione rende questa e-sport un quattro completamente elettrica.

Un’altra innovazione della piattaforma tecnologica è la commutabilità ad alta tensione del sistema elettrico. Le due batterie forniscono tensioni di uscita diverse di 144 o 216 volt. La tensione del sistema uniforme richiesto è fornita per mezzo di un convertitore DC / DC. Sotto carico parziale, la tensione è di circa 200 volt per massimizzare l’efficienza. Con la crescente domanda di potenza e velocità, questo aumenta a ben 440 volt.

La F12 utilizza anche una pompa di calore efficiente per la gestione termica del sistema di azionamento interno. Si regola la temperatura delle batterie a seconda della situazione e può memorizzare il calore in modo che è necessaria meno energia per riscaldare l’interno al successivo azionamento della macchina.

Il driver dell’F12 controlla le funzioni di unità di base – Park, Reverse, Neutral e Drive – attraverso i tasti di comando sul tunnel centrale. Tutte le operazioni sono controllate tramite un computer tablet che può essere rimosso dalla consolle centrale. Un quadro strumenti programmabiledall’utente presenta tutte le informazioni chiave in alta risoluzione.

“Fin dall’inizio, la nostra iniziativa è stata il più grande progetto di ricerca interdisciplinare in Germania per le auto elettriche”, conclude Christian Allmann. “Chiunque è stato coinvolto ha acquisitato competenza e qualificazione fornendo preziosa collaborazione tra di loro in base alla “linea aperta d’innovazione “linea di principio, anche per i dipendenti delle aziende e le università”. Questo si riflette anche nelle 20 tesi di laurea e 50 tesi di dottorato che ha portato il progetto.

Grazie ai moderni strumenti di sviluppo e gestione innovativa della conoscenza, i partner del progetto sono riusciti a creare un network molto flessibile. I ricercatori hanno utilizzato telecamere per documentare ogni fase di progettazione e permesso loro di mettere le conoscenze a disposizione su un server accessibile a tutti i partner della collaborazione in tutta la Germania. Questa trasparenza e messa in rete delle prestazioni ha stretto in un progetto di ricerca con un effetto alone profondo per la Germania come base della ricerca e dell’industria. Il partenariato non si è concluso con il completamento della F12. I primi progetti di follow-up incentrati su argomenti tecnici come la gestione termica sono già stati avviati. Soluzioni individuali, come ad esempio l’alloggiamento per la batteria CFRP sul posteriore, mostra buone prospettive per l’uso e l’ulteriore messa in produzione. Il ministero federale tedesco dell’Istruzione e della Ricerca vuole continuare a sostenere lo sviluppo di concetti automobilistici nuovi, principalmente nei settori della batteria, ad alte prestazioni e dei sistemi elettronici di gestione energetica globale.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Aachen University Audi Electronics Venture Bosch Christian Allmann e-sport Martin Schüssler piattaforma idea

Lascia una risposta

 
Pinterest