Da Audi il biocarburante più dolce del mondo

Da Audi il biocarburante più dolce del mondo

27 mar, 2014

Basato sullo zucchero, si produce più in fretta e con meno costi di qualsiasi altro biocarburante.

Fonte: Zeus News

 

25 marzo 2014. Mettere lo zucchero nel serbatoio di un’auto è uno di quei “dispetti” che nessuno si vorrebbe trovare a subire; se però lo zucchero viene trasformato in biocombustibile, allora la faccenda cambia.

Secondo una ricerca condotta da Audi e è infatti possibile utilizzare lo zucchero per ottenere un biocombustibile – una benzina sintetica – migliore di quello ricavato dalle altre fonti normalmente adoperate, usando inoltre un processo più veloce e più economico.

Per ottenere la benzina sintetica, lo zucchero viene fatto fermentare utilizzando dei batteri, degli geneticamente modificati, che in questo modo producono isobutene.

Quest’ultimo dettaglio è importante: nella produzione degli altri biocarburanti il livello di etanolo prodotto dalla fermentazione, quando arriva al 12%, avvelena i batteri; la produzione si ferma.

In questo caso, invece, la produzione di gas fa sì che non si raggiunga mai una concentrazione tossica per i batteri, i quali possono continuare nel loro lavoro molto più a lungo. Adattando questo processo affinché possa utilizzare cibi (mais, zucchero di canna…) e biomasse ricchi di zucchero (come gli scarti della lavorazione del legno), si possono abbattere i costi.

Constatato il successo di questo metodo, al momento sono in costruzione due impianti per la produzione di bio-isobutene; il più grande dei due dovrebbe essere in grado di produrne 100.000 litri l’anno.

Uno dei lati più interessanti di questo biocarburante, infine, è che il suo utilizzo non richiede di apportare alcuna modifica alle auto che bruciano benzina.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Escherichia Coli Global Bioenergies

Lascia una risposta

 
Pinterest