Sarà sulle strade olandesi nel 2018 la vettura Amber?

Sarà sulle strade olandesi nel 2018 la vettura Amber?

5 ago, 2017

di Bert-Jan Woertman

Fonte: GreenCarReports

 

Luglio 2017. Mentre Uber, Tesla e Google stanno combattendo per vedere chi sarà il primo a disporre di autovetture su vasta scala, gli olandesi si affacciano in punta di piedi con la startup di mobilità Amber con la quale stanno progettando una mossa a sorpresa per superarli tutti.

Se tutto va secondo il piano, le autovetture di Amber saranno sulle strade delle città olandesi entro la metà del 2018. L’Amministratore ha fatto l’annuncio ad Hannover Messe, una delle più grandi fiere industriali del mondo, lo scorso Aprile.

E’ un piano decisamente efficace, ma l’influente società di consulenza automobilistica Roland Berger ha recentemente classificato i Paesi Bassi come numero uno nel suo Radar Automotive Disruption. Quindi perche no?

Amber è iniziata come team di studenti presso l’ (TU/e). [Nota: Chi scrive lavora all'università come direttore commerciale ed ha investito € 1000 nella campagna di crowdfunding del team a gennaio.] L’università è conosciuta per i suoi avanzati corsi automobilistici e ambiziose squadre studentesche.

Oltre ad Amber, altri spinoffs includono una società che lavora su un nuovo modo di immagazzinamento di energia per il trasporto pesante usando acido formico e uno che sta costruendo una macchina commerciale che si ricarica con energia solare. Le collaborazioni tra i TU e le società automobilistiche della regione Brainport di forniscono un ecosistema fertile per le iniziative tecnologiche ambiziose.

Mentre non ho guidato direttamente la squadra di Amber, sia all’università e più tardi all’acceleratore HighTechXL di Eindhoven, sono stato coinvolto a Eindhoven che è una comunità stretta, quindi ho avuto la possibilità di guardarli da vicino. E fanno una storia interessante.

Anticipa dove si dirigono le automobili

La piattaforma di mobilità Amber ora impiega la BMW i3

Per tutta la loro relativa oscurità, la giovane squadra di Amber ha l’obiettivo ambizioso di diventare la Spotify o la Netflix della mobilità. Non vendono automobili; vendono l’accesso alle automobili. Sembra solo un altro servizio di condivisione di auto, ma c’è una particolarità.

Amber dice che può garantire che ci sia sempre un’auto disponibile a pochi passi, non importa dove tu sia. E fanno solo elettriche.

Ho parlato con Nelemans la scorsa settimana quando stava a San Francisco a parlare con gli investitori.

“In un comune servizio di car sharing, vedi una mappa con la macchina più vicina disponibile”, mi ha detto.

“Ma potrebbe essere a un miglio di distanza, può essere sporca, potrebbe non funzionare. Non sei mai sicuro. Noi possiamo garantire che l’auto sia sempre vicina, pulita e funzionante”.

Utilizzando algoritmi di analisi predittiva, la piattaforma software di Amber calcola dove le proprie automobili saranno necessarie nei prossimi 15 minuti. Poi, sotto l’attuale rollout iniziale del servizio, offre macchine in quelle posizioni usando gli studenti come driver.

Se un’auto non c’è quando ne hai bisogno, Amber ti chiama una.

“Quando il nostro software migliorerà i taxi non saranno più necessari”, ha detto Nelemans.

Le auto imparano in diverse modalità

Amber One

Gli studenti driver scompariranno anche alla fine. È qui che entra in gioco l’ambizione di Amber di auto a guida autonoma. Tra le corse, le vetture devono essere in grado di guidarsi verso i propri utenti successivi. Tutto ciò senza un uomo a bordo ed entro la metà del 2018.

Sembra ridicolmente overconfident, ma Nelemans lo ha pensato.

All’inizio Amber lascerà le sue auto a guidarsi solo di notte quando le strade sono vuote. Percorrendo le miglia durante la notte, le vetture accumulano dati, imparano e diventano migliori. Alla fine esse possono guidarse in automatico durante il giorno, in primo luogo in percorso stradali semplici, più tardi in situazioni di traffico più articolato.

“Altre aziende che lavorano nella tecnologia di guida autonoma hanno difficoltà a verificare perché hanno sempre bisogno di un ingegnere dietro il volante”, ha detto Nelemans.

“Le nostre auto saranno guidate durante la giornata con i driver normali per accumulare dati. E di notte accumulano ancora più dati nella modalità di guida autonoma. Possiamo imparare molto più velocemente”.

Il fatto che non esista un umano a bordo che deve essere protetto durante questa fase di guida autonoma iniziale la rende anche più sicura.

“Per il momento abbiamo progettato l’auto in modo che si prenda tutto “il caldo” in un eventuale incidente, risparmiando l’ambiente circostante”, mi ha detto Nelemans.

“In questo modo si evita il dilemma morale di scegliere tra spostarsi da un ponte o colpire la madre e il figlio”.

Partenariati dietro il servizio

La start-up non perde il sogno per sviluppare il proprio software di guida autonoma. Amber sta collaborando con cinque diverse società di software e istituti di ricerca, tra cui Nvidia e Microsoft, che hanno già sviluppato software di guida autonoma.

Può non essere lo stato dell’arte, ma Nelemans dice che è già abbastanza buono.

“Forse non abbastanza buono per Uber, Tesla o Google, ma il nostro caso utente è molto più semplice. Possiamo muoverci in segmenti più piccoli invece di saltare immediatamente alla piena autonomia di guida nel traffico urbano”.

Adesso la BMW i3 è l’auto elettrica scelta da Amber. Eppure la società sta costruendo anche la propria auto elettrica, The Amber One, attesa nel 2021 e progettata per durare un milione di chilometri. È dotata di componenti modulari facilmente sostituibili.

“Una macchina normale è costruita per rompersi dopo 200.000 miglia, perché le compagnie automobilistiche fanno soldi nelle riparazioni e devono vendere nuove auto”, ha detto Nelemans.

“Nel nostro modello di business le automobili appartengono a noi. Questo è un incentivo a renderle utilizzabili il più a lungo possibile con i costi minimi di servizio”.

Il vantaggio olandese

“Se Google, Uber e Tesla avessero unito le forze, ci sarebbe una macchina completamente autonoma sulla strada in un paio di settimane”, ha detto Nelemans. “Ma tutti vogliono essere i primi. Ecco perché costantemente rubano gli ingegneri degli altri.”

“Lasciamo gli ingegneri alle aziende automobilistiche e sviluppiamo con loro la tecnologia, mantenendo i costi ed i rischi”.

E mentre i disruptori come Uber e AirBnB stanno spesso scambiando pugni con i governi locali, Amber ha avuto successo nel formare partenariati governativi.

Le città di Eindhoven e hanno già espresso il loro sostegno alla missione di Amber, offrendo loro strade cittadine per testare autovetture e reti locali e per trovare investitori.

“Crediamo davvero nello sviluppo della guida autonoma”, ha dichiarato , consulente di mobilità strategica della città di Helmond. “Sta per accadere e cerchiamo di partecipare attivamente come possiamo”.

Anche i Paesi Bassi stanno portando avanti la legislazione in materia di guida autonoma. L’autorità olandese d’immatricolazione dei veicoli RDW è stata la prima del suo genere in Europa ad approvare le caratteristiche di guida autonoma di Tesla. Se i test di Amber sono abbastanza buoni, c’è una buona possibilità che anche essi siano approvati.

La posizione di Amber in Olanda offre diversi vantaggi. Gli olandesi hanno segnato il massimo sulle vendite di veicoli elettrici, l’infrastruttura EV e l’interesse pubblico per la guida autonoma sono elevati.

Finanziamenti: “Questo accade solo in America”

Il Golden Gate che collega San Francisco e la Contea di Marina, in California

La start-up ha circa 10 consulenti esperti che forniscono consulenza e competenza pro bono.

“A volte le loro ambizioni sembrano irrealisticamente elevate”, mi ha detto uno dei loro consiglieri, .

“Ma abbiamo imparato a trattenere il nostro scetticismo, perché spesso siamo stati abbastanza sorpresi dai loro risultati”.

Nelemans ha talvolta espresso delusione per ciò che egli definisce una mancanza di ambizione nel suo paese d’origine. C’è un famoso detto in Olanda: il normale è abbastanza pazzo. Essendo una nazione di commercianti e banchieri, gli olandesi tendono a vegliare a obiettivi che sembrano troppo lontani.

“Quando parlerò agli investitori olandesi della nostra missione di essere a guida autonoma l’anno prossimo, nessuno di loro crederà che possiamo effettivamente farlo. “Questo accade solo in America” – dicono.

“Il denaro è un altro problema. Amber vuole aumentare il capitale a 70 milioni di dollari. Nelemans: “Gli investitori olandesi pensavano che l’importo fosse troppo alto. La prima volta che mi sono rivolto agli investitori della Silicon Valley, hanno pensato che fosse troppo basso”.

Nelemans non ha paura che Amber subisca i tipi di problemi che hanno afflitto Uber. Né crede sia il loro caso. Sembra un capo troppo alla mano per iniziare a gridare ai dipendenti.

Allo stesso tempo, non può essere accusato di troppa modestia. Quando gli ho chiesto se la sua missione di mobilità per tutti avrebbe smesso di conquistare i Paesi Bassi, sorrideva.

“La nostra ambizione è quella di conquistare l’intero mondo”.

 

Bert-Jan Woertman è direttore commerciale dell’Università di Tecnologia di Eindhoven.

Questo articolo, scritto da Bert-Jan Woertman, è stato pubblicato originariamente su VentureBeat, un partner editoriale di GreenCarReports.

 

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: amber one Carlo van de Weijer Eindhoven Gert Blom Helmond steven nelemans Università di Tecnologia di Eindhoven

Lascia una risposta

 
Pinterest