Perché batterie agli ioni di litio e ricarica rapida?

Perché batterie agli ioni di litio e ricarica rapida?

17 giu, 2015

Scopri perché ha deciso di optare per questa opzione

Fonte: Volvo Buses

 

Gotheborg, Svezia. 16 Giugno 2015. Gli autobus elettrici sono dei più interessanti sviluppi tecnologici riguardanti i trasporti pubblici in molti anni. Qui apprendiamo perché Volvo Buses ha deciso di optare per soluzioni agli ioni di litio e la ricarica rapida.

Gli autobus urbani Volvo Buses elettrici ed ibridi sono nuovi nel mercato. Tuttavia, la scelta della tecnologia è stata fatta molto tempo fa, dice , Direttore Project Manager di Volvo Buses.

“Il Gruppo Volvo ha presto deciso l’adozione di veicoli ibridi. Nel caso degli autobus, era il passo naturale e conveniente per lo sviluppo dall’ibrido all’ibrido plug-in, in modo di consentire loro di essere ricaricati velocemente. Per la ricarica, questa è la cosa migliore degli autobus – si guida su un percorso prestabilito e sempre si ritorna entro un certo periodo di tempo”, spiega Patrik Pettersson.

Con un’infrastruttura esistente tra cui stazioni di ricarica sulle rotte, il passo successivo è ovvio – in alcuni ambienti urbani, è importante avere veicoli che funzionano interamente su energia elettrica, mentre in altri casi i bus ibridi sono migliori. Tutto è orientato verso il raggiungimento di un numero significativo di esigenze di trasporto urbano con una soluzione flessibile, modulare e compatibile con l’ambiente.

Il concetto per il tipo di trasmissione da usare è stato determinato dopo diversi concetti diversi che sono stati valutati. Oltre ad un concetto in-house, molti altri sono stati considerati, tra cui uno con due motori elettrici sulle ruote nei Volvo Buses di proprietà Nova Bus.

“Il fattore decisivo è stato deciso tra un totale di tredici diversi criteri, quali la durata della batteria, LCC (Life Cycle Cost), il costo del prodotto e l’efficienza energetica. E poi è diventato chiaro che la nostra soluzione in-house era di gran lunga migliore”, ha detto , Direttore Project Manager di tecnologia dei carrelli e sviluppo del prodotto dell’organizzazione globale del Gruppo Volvo, che è responsabile per la fornitura e lo sviluppo della propulsione elettrica.

Inoltre, era importante pensare a lungo termine e trovare una soluzione che avvantaggi l’intero gruppo. “Stiamo facendo qualcosa che non vediamo facciano i concorrenti, vale a dire l’obiettivo di una piattaforma di mobilità elettrica in grado di soddisfare le future esigenze del Gruppo che funzionerà per camion e macchine movimento terra, ad esempio” – ha concluso.

L’, , contiene una grande porzione di funzionalità sviluppata in casa, dice , Responsabile Globale di Sistema per la batteria e della tecnologia SSE dei carrelli e sviluppo del prodotto dell’organizzazione globale del Gruppo Volvo.

“Compriamo il pacco batteria, ma il controllo e la funzionalità intorno ad esso è nostra. Siamo molto più avanti in questo senso” – ha aggiunto.

ESS ha molti vantaggi. E’ così flessibile che è possibile passare ad altri tipi di batterie quando si svilupperà la tecnologia. Inoltre, funziona sia per gli ibridi elettrici con una singola batteria e per gli autobus full elettrici con quattro batterie. La chimica delle batterie è quella agli ioni di litio con 192 celle collegate in serie.

È’ in grado di erogare una potenza di intorno 170kW e una energia totale di 19 kWh.

L’energia utilizzabile di 8.5 kWh può essere ricaricata in sei minuti dopo circa il tempo di guida di un’ora. Le batterie devono essere sostituite dopo quattro anni in un ibrido elettrico e sei anni in un autobus fuell elettrico. Questo può sembrare un breve periodo, ma è di fatto equivalente ad una capacità fino a 60.000 chilometri all’anno. Fredrika Berndtsson, Niklas Legnedahl e Patrik Pettersson vedono grandi vantaggi nella tecnologia scelta.

Una domanda particolarmente rilevante sulle batterie si riferisce al peso contro la capacità.

Più celle offrono una maggiore capacità, ma peso anche più alto. Niklas Legnedahl è convinto che la soluzione agli ioni di litio è la migliore in questo momento, ma sottolinea che altri sviluppi sono in corso.

“Sono sicuro che un supporto di immagazzinamento di energia ancora più intelligente emergerà. Tuttavia, se non sei in fase intermedia di sviluppo della tecnologia, è difficile fare il passo successivo in avanti” – ha detto.

.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Direttore Project Manager Volvo Buses Energy Storage System ESS Fredrika Berndtsson Niklas Legnedahl Patrik Pettersson Volvo buses

Lascia una risposta

 
Pinterest