McLaren presenta la MP4-29 di Formula Uno

McLaren presenta la MP4-29 di Formula Uno

5 feb, 2014

Fonte: McLaren

 

Woking, Gran Bretagna, 24 gennaio 2014. Un periodo di cambiamenti senza precedenti – sia in Formula 1 che all’interno del team in sé – è lo sfondo nel quale la McLaren lancia la sua ultima grande sfidante, la nuova MP4 – 29 .

 

2014: La Formula 1 inizia la sua reinvenzione

Sono finiti i motori aspirati – pilastro della Formula 1 per un quarto di secolo, ed al loro posto entrano i motori turbo da 1,6 litri V6 Power Unit, che integrano i sofisticati turbocompressore e turbo adatti alle restrizioni del flusso del carburante, e un potente sistema di recupero energetico.

Queste nuove regole permetteranno ai team di sfruttare sia la combustione interna tradizionale che l’energia elettrica. Essi sottolineano ulteriormente la rilevanza della Formula 1 come un pioniere delle tecnologie future delle auto stradali, rappresentano il cambiamento più grande e dello sport sin dal suo inizio nel 1950, e sono destinati a riformare i Gran Premi.

Anche McLaren affronta un periodo di cambiamento dinamico: l’organizzazione ha abbracciato non solo le sfide tecniche e strategiche estreme poste dalla nuova normativa, ma allo stesso tempo cresce e si sviluppa in vista di collaborazioni future ancora più grandi ed emozionanti .

 

MP4 – 29: un intenso sviluppo

Abbiamo risposto alla delusione della nostra stagione 2013 inquadrando pragmaticamente il nostro approccio alla sfida tecnica. La nuova MP4 – 29 , presentata oggi, è una risposta sensata e calcolata ai nuovi regolamenti.

Ma è anche un’istantanea congelata della ripida curva dello sviluppo del team di progettazione, e, come tale, una macchina che potenzialmente subirà modifiche tecniche per tutta la stagione rispetto a qualsiasi altra vettura nella storia lunga e illustre della McLaren .

La sfida per il 2014 è quella di costruire in termini di prestazioni e affidabilità – qualcosa che non può più essere dato per scontato data la difficile sfida tecnica del futuro.

E questo è come dovrebbe essere: questa stagione di Formula 1 sarà di maggiore apprendimento rispetto al passato.

E’ anche un momento di transizione. Sarà la nostra ultima stagione con il nostro partner motoristico, Mercedes -Benz, il nostro 20esimo anno insieme, prima di cominciare un nuovo emozionante viaggio con la Honda dal 2015.

 

I nostri piloti: il perfetto mix di stili

, campione del mondo di Formula 1 nel 2009, rimane per la sua quinta stagione alla McLaren . Per il 2014, la sua esperienza, il livello di testa e la capacità innata di leggere il comportamento di una vettura da corsa sarà una potente risorsa per i nostri ingegneri, progettisti e analisti.

arriva in Formula 1 con un record mozzafiato in Word Renault 3.5 Series, campionato che alimenta i grand prix, e, soprattutto, senza preconcetti. Avendo già dedicato centinaia di ore a raffinare e sviluppare la nostra auto del 2014 nel simulatore McLaren, il suo entusiasmo e impegno si sincronizza perfettamente con l’esperienza di Jenson, cosa che ci permette di avere una coppia di piloti perfettamente equilibrati.

 

Dal mercato un’ esperienza vincente a livello mondiale

McLaren sta guidando l’evoluzione delle partnership sportive. L’ampiezza di esperienza e competenza del Gruppo McLaren presenta una ricchezza di opportunità di integrazione tecnica innovativa con i nostri partner, che possono avere un impatto al di fuori dalla pista.

Che si tratti di un vasto impegno con ExxonMobil per sviluppare nuove tecnologie del lubrificante, che può aiutare le vetture McLaren Mercedes sul circuito dei grand prix, e, infine, migliorare l’efficienza delle automobili dei consumatori, lo sviluppo di nuovi rivestimenti leggeri con AkzoNobel, o lavorando a stretto contatto con SAP per sviluppare e implementare tecniche di analisi dati innovative, il nostro lavoro con i partner va ben oltre quello che può essere descritto come sponsorizzazioni tecniche sportive.

La nostra partnership strategica con GSK è ora anche alla sua terza edizione ed è molto innovativa dalla produzione di prodotti farmaceutici di R&S.

La tecnologia Race sta contribuendo a migliorare l’erogazione di prove sperimentali su nuovi farmaci . Lavorando con GSK utilizziamo sistemi di telemetria, che si ispirano al modo in cui controlliamo le nostre auto, per raccogliere dati in tempo reale per il recupero dei pazienti che partecipano a sperimentazioni di farmaci. Questi sono in una fase iniziale, ma in futuro si spera di essere in grado di prendere un flusso costante di informazioni affidabili relative a un paziente e di poter migliorare in modo significativo il già solido processo di valutazione dei farmaci.

Il nostro impegno per l’innovazione e la creatività non si ferma con progetti di tecnologia, ma si estende alla realizzazione di campagne di marketing con e per conto dei nostri partner. Santander ha recentemente annunciato il rinnovo della loro collaborazione di otto anni con noi, e questo riflette l’impatto costante che le nostre campagne di marketing creativo possono avere.

La profondità di fiducia e rispetto che abbiamo con i nostri partner ci ha permesso di estendere il record dei rapporti con artisti del calibro di Hugo Boss (33 anni), TAG Heuer (29 anni), Kenwood (24 anni) , ExxonMobil e Mercedes- Benz (20 anni) e SAP (16 anni), oltre Johnnie Walker e Hilton (9 anni).

 

, Amministratore delegato, McLaren Racing

Come si pone McLaren riguardo la gestione di tutti i cambiamenti nella Formula 1 del 2014?

“Non abbiamo mai avuto prima così importanti modifiche nei nuovi regolamenti, e reagire a questo ed alla gestione di tali modifiche, pur superando i limiti delle prestazioni, è stato un lavoro estremamente duro.

“Siamo stati relativamente pragmatici al riguardo. Sappiamo che la necessità di coerenza iniziale supera la necessità di prestazioni – i test invernali saranno fatti per inseguire dei set-up o perfezionare la macchina, la gamma di prestazioni probabilmente sarà molto ampia, e quindi relativamente sconosciuta, al punto che l’inverno – e in qualche misura anche le gare di apertura – saranno importanti per capire e gestire i limiti operativi della macchina al meglio.

“Per raggiungere questo obiettivo , abbiamo bisogno di una piattaforma coerente – uno che risponde positivamente ai cambiamenti. Inoltre, il lavoro degli ingegneri e progettisti di comprendere e interpretare i dati binari sarà più importante di prima. Ecco perché quest’anno, più che mai, si arriverà fino alla prima gara in pieno sviluppo: non credo necessariamente che ci si possa aspettare l’auto che vince nella gara di apertura ed essere la vettura top del campionato, qualcosa che abbiamo spesso visto in passato.

“No, sarà tutto basato sulla capacità di una squadra di reagire e rispondere. Abbiamo già un pacchetto di aggiornamenti che stiamo preparando per la gara uno, e stiamo scoprendo permanentemente cose nuove nel ‘tunnel, o in CFD. Una volta che faremo le prove in pista , penso che vedrete un’intensa erogazione di idee e concetti – che è il nocciolo per vincere o perdere il campionato del mondo”.

C’è anche un grande scenario di cambiamento alla McLaren?

“Una squadra con un patrimonio fantastico come la McLaren è sempre di fronte alla sfida di essere continuamente vincente nelle gare e nei campionati. Allo stesso modo, c’è una responsabilità di spostare l’organizzazione – e dei nostri processi – in avanti. In realtà, faremo proprio questo nel corso del 2014: spingere avanti con una quantità incredibile di sforzi, l’analisi e l’impegno in pista, ma anche di apportare modifiche imparate dalla pista che raccoglieranno un maggior dividendo nel lungo termine.

“C’è una quantità enorme di talento e potenzialità già esistenti all’interno dell’organizzazione, ma c’è sempre di più da scoprire. E abbiamo fatto alcune importanti aggiunte chiave che hanno un ingresso significativo nel nostro slancio futuro – siamo incredibilmente lieti ed entusiasti di aver assunto professionisti del calibro di Peter Prodromou e Dan Fallows, dalla Red Bull Racing, ed Ettore Griffini e Ciaron Pilbeam da Lotus, così come più di una dozzina di ingegneri di alto livello tra le migliori squadre della Formula 1, i quali hanno visto la capacità e il potenziale che esiste qui alla McLaren .

“Tuttavia, questo è un processo a lungo termine, e quest’anno sarà centrato sullo sviluppo e la crescita McLaren fino ad una posizione in cui possiamo nuovamente combattere per il primo posto”.

Quali sono i vostri pensieri sulla coppia di piloti Jenson e Kevin?

“Sappiamo tutti quanto è noto Jenson – lui è una parte integrante di questa squadra adesso. E Kevin si è mostrato come una fantastica promessa – sia nella serie minore, che nelle occasioni in cui ha testato per noi – quindi aveva un senso assoluto di ingaggiarlo come nostro pilota.

“Credo davvero che la bellezza della nostra squadra piloti deriva dalla sua forza e dlla struttura attraverso il contrasto puro. In Jenson, abbiamo l’ambasciatore ufficioso della Formula 1, qualcuno che ci fornisce una banca dati senza precedenti e data la sua esperienza, possiamo davvero lavorare con lui perchè impariamo insieme come sviluppare e perfezionare la vettura di quest’anno .

“In Kevin, vedo un crudo entusiasmo illimitato e un’etica del lavoro. Il suo arrivo è stato una motivazione fantastica per tutta la squadra, e sono stato davvero contento e colpito dal modo in cui si è lanciato nel processo d’integrazione. Mentre lui naturalmente ha bisogno di tempo per acclimatarsi, siamo indubbiamente del parere che lui è pronto per la F1 .

“Inoltre, abbiamo Stoffel Vandoorne come la nostra riserva – un altro pilota il cui potenziale a lungo termine è allettante. Avrà un ruolo sempre più al fianco dei nostri due piloti – e sarà lui a partecipare a tutte le gare di GP2 è sul disegno di legge di sostegno, e verrà fortemente supportato nelle nostre operazioni binarie come rampa del suo apprendimento ed esperienza.

“Penso che abbiamo una fantastica scheda piloti, e la cosa migliore è che ogni driver è motivato ed informa gli altri – è una situazione vincente per tutta la squadra”.

– Direttore sportivo, McLaren Racing

Quali sono le aspettative della McLaren per il 2014?

“Abbiamo fatto tesoro dalla nostra delusione per come la stagione 2013 si è rivelata. L’obiettivo è ora quello di tornare a vincere – questo è ciò che farà McLaren – ma c’è una certa quantità di crescita e ricrescita che deve avvenire prima di tornare ad una posizione in cui possiamo lottare per il campionato del mondo .

“La cosa buona è che abbiamo riconosciuto di aver effettivamente lavorato verso questo obiettivo per molti mesi. Abbiamo Honda in attesa dietro le quinte, abbiamo un personale tecnico fondamentale per rafforzare i nostri team di progettazione e di ingegneria già esistenti, e stiamo promuovendo la carriera dei nostri giovani piloti, i quali hanno un potenziale incredibile. Il futuro è luminoso per la McLaren, e ora stiamo mettendo in atto i processi che si muovono attorno a noi e più vicini ai nostri obiettivi.

“Per il 2014, il nostro obiettivo è lo sviluppo continuo, saremo in grado di perfezionare e rafforzare l’auto e l’organizzazione durante tutto l’anno, così si vedrà un rapido turnover delle parti e delle idee sulla vettura, e noi, come ogni squadra, lotteremo con le numerose sfide uniche di questi nuovi regolamenti.

” Il nostro obiettivo è quello di godere di un inverno regolare in tutti e tre i test, speriamo d’imparare molto, di vedere come andiamo, e, si spera di seguire una via di sviluppo coerente e rapida della MP4-29″.

Come si fa a bilanciare l’equazione di affidabilità e prestazioni?

“Penso che la chiave per il primo trimestre della stagione potrebbe essere la coerenza. Sarà fondamentale nei test pre-stagionali – in primo luogo, consentire ai piloti e ingegneri di conoscere e capire il comportamento della nuova vettura, ma, dall’altro, di fornirci il chilometraggio ed i dati che necessitano i nostri progettisti del MTC per perfezionare e sviluppare la vettura per il prossimo anno.

“Sarà una stagione di complessità e sottigliezza, non ci troviamo in una situazione in cui il ragazzo che vince la prima gara va a vincere il campionato, penso che sarà imprevedibile ed emozionante – e questo è una notizia fantastica per i fan della Formula 1.

“Una cosa è certa, però, ci sarà tanto riciclo incrociato di idee nel corso della stagione quando prolifereranno i migliori concetti e le soluzioni ottimale. Siamo orgogliosi di alcuni dei concetti che introdurremo in questa vettura, ma, allo stesso modo, ci saranno aree in cui possiamo imparare e migliorare .

“In realtà, credo che l’apprendimento continuo ed il miglioramento saranno i motivi principali del 2014″.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: formula uno jenson button Jonathan Neale kevin magnussen mclaren MP4-29 sam michael

Lascia una risposta

 
Pinterest