L’india non è ancora pronta per gli ibridi

L’india non è ancora pronta per gli ibridi

9 gen, 2012

Green cars titola sull’auto show, ma l’ non è pronta

Fonte: Yahoo! Notizie
Di Henry Foy e Devidutta Tripathy – Reuters

New Delhi, India, 7 gennaio 2011. Tra accompagnamenti musicali e fumate bianche la Tata Motors ha presentato ad una folla entusiasta la sua nuova auto ibrida al salone .
La maggior parte, però, allungavano il collo per scorgere il nuovo fuoristrada Safari ad alto consumo di gas lanciato dalla casa automobilistica sul lato opposto della sala. Pochi sembravano notare la frizzante tecnologia verde dei veicoli dietro di loro.

Presentato come un evento per presentare nuovi veicoli ecologici che entrano nel mercato automobilistico indiano, circa una dozzina di nuovi ibridi, elettrici o veicoli a combustibile alternativo da case automobilistiche mondiali e nazionali debutteranno alla fiera bi-annuale.

Nonostante tutto lo sfarzo verde, i dirigenti dicono che la maggior parte di questi camion, auto e pullman sono a decenni di distanza dalle strade indiane. Colpa di mercato molto attento ai prezzi, alla mancanza di infrastrutture di supporto sul territorio e poco o nessun sostegno del governo.

“L’India è molto lontana dall’usare questo tipo di tecnologia”, ha detto , direttore generale e amministratore delegato di Nissan-Renault India.
“E’ costosa e ha bisogno sia del sostegno governativo che delle infrastrutture necessarie per essere possibile.”

Le auto ibride richiedono tecnologia costosa che utilizza motori a combustibile e motori elettrici in tandem per una maggiore efficienza. I veicoli elettrici hanno bisogno di stazioni di ricarica e sarebbero necessari investimenti enormi per equipaggiare un Paese grande come l’India.

La francese Peugeot SA ha presentato il suo ibrido 3008 giovedì, mentre Volvo Buses ha mostrato il suo autobus ibrido in India. Mahindra & Mahindra ha lanciato la sua gamma di auto elettriche Reva venerdì.

“L’ibrido Volvo è proprio la soluzione che le le città e gli ambientalisti hanno chiesto,” , amministratore delegato e CEO di Volvo Buses per l’Asia meridionale, ha detto ai giornalisti. “Siamo pronti. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la domanda e un indirizzo politico da parte delle autorità, in modo da poter applicare questa soluzione specificamente alle esigenze indiane.”

Efficienza non, spesa
Toyota Motor Corp, leader mondiale dei veicoli ibridi, ha venduto la propria 3milionesima auto ibrida nel marzo 2011. Gli Stati Uniti e il mercato giapponese rappresentano la stragrande maggioranza delle vendite di ibridi.

“L’India è pronta per auto che consumino di meno, ma per gli ibridi no, io non credo,” ha dichiarato Andy Palmer, vice presidente esecutivo di Nissan Motor Co, riconosciuta come leader mondiale nel settore veicoli con tecnologia a basse emissioni. “La tecnologia ibrida non è la risposta per l’India,” ha dichiarato Palmer.

Dare veicoli ibridi o elettrici in pasto a torme di fotografi lampeggianti e a osservatori del settore con gli occhi spalancati è principalmente una dimostrazione di capacità tecnologica da parte delle case automobilistiche, non supportata da concrete aspettative di vendite.
I prezzi della benzina in India sono aumentati di quasi il 50 per cento dal gennaio 2010 e le case automobilistiche della terza più grande economia asiatica hanno investito in veicoli più efficienti.

Le pubblicità delle auto in giro per il salone evidenziavano un risparmio di carburante. Bajaj Auto, uno dei principali produttori indiani di motociclette, ha presentato il suo primo veicolo a quattro ruote martedì, in una conferenza stampa dominata dalle statistiche sull’efficienza del consumo di carburante.

Tata, accanto alla sua nuova Indigo Manza ibrida diesel, ha anche lanciato un autobus ibrido e ha presentato una versione del suo modello ultra-low-cost Nano che funziona a gas naturale compresso (CNG).
Il CNG è stato fatto il carburante obbligatorio per tutti i veicoli di trasporto pubblico, compresi i taxi, nella capitale indiana nel 2004. La mossa è stata ampiamente apprezzata e citata come la ragione principale dietro un recente miglioramento della qualità dell’aria della città.

“GPL, metano, questi carburanti a basse emissioni sono opzioni molto più pratiche rispetto ai veicoli ibridi o elettrici, che l’India non può permettersi”, ha dichiarato , direttore marketing e vendite alla divisione indiana di Hyundai Motor Co.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Akash Passey Arvind Saxena india India auto expo Kou Kimura

Lascia una risposta

 
Pinterest