Le isole possono essere un modello rivoluzionario

sip_logo_carloforte

11 ott, 2011

Rifkin, isole come Caroloforte possono essere modello per rivoluzione industriale

Fonte:

Carloforte, 9 ottobre 2011. “Le isole sono all’avanguardia della terza rivoluzione industriale – il progetto di basato su energie rinnovabili, autonomia energetica degli edifici, sviluppo della capacità di conservazione dell’idrogeno, informatica, reti intelligenti e veicoli ricaricabili – perché i costi energetici sono altissimi e sono quindi più interessate a sviluppare localmente fonti di energia rinnovabile, di cui sono ricche. Sole, eolico, geotermico, maree rappresentano i fari per la nuova rivoluzione industriale e sono elementi presenti su isole come Carloforte, che possono diventare autosufficienti oltre a essere modello e punti di riferimento per il resto del mondo”. Lo ha detto il presidente della Foundation on economic trends, , intervenuto in videoconferenza in chiusura dei lavori del ‘Carloforte Green Workshop’ in riferimento al progetto Carloforte zero emissioni entro il 2014.

“Condivido tutto quello che state facendo – ha aggiunto Rifkin riferendosi al piano energetico frutto dell’accordo tra ministero dell’Ambiente e Comune di Carloforte – e avrete tutto il nostro sostegno. Stiamo già lavorando con il Comune di Roma, che sarà una città della terza rivoluzione industriale ma abbiamo intenzione di lavorare di più con l’Italia, che è un importante attore e ha un grande potenziale sulla scena europea. La mia speranza è che regioni come la Sardegna vadano nella giusta direzione, perché capita spesso che i territori non sappiano come impiegare i fondi nel modo giusto. La Sardegna sta già attuando la terza rivoluzione industriale con iniziative già intraprese in questo senso. Fate che la Sardegna sia un punto di riferimento”. Non si tratta però, secondo Rifkin, solo di un programma economico o tecnologico, “occorre lavorare sulla consapevolezza e il coinvolgimento di amministratori e popolazione anche attraverso networking e internet”.

Carloforte diverrà il primo comune a ‘zero emissioni’ del Mediterraneo entro il 2014, in virtù del protocollo d’intesa stipulato con il ministero dell’Ambiente che punta all’abbattimento delle emissioni attraverso un mix di rinnovabili e innovativi sistemi di controllo e di risparmio energetici.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Carloforte Green Workshop Jeremy Rifkin

Lascia una risposta

 
Pinterest