Nuovo iBooster di Bosch

Nuovo iBooster di Bosch

10 lug, 2013

Più potenza frenante grazie a un controllo intelligente
Un sistema basilare per l’elettromobilità e l’assistenza al guidatore
- Massimizza il chilometraggio, recuperando quasi tutta l’energia frenante nei veicoli ibridi ed elettrici
- Riduce lo spazio di frenata in caso di emergenza, aumentando la pressione tre volte più velocemente
- Permette di modulare la sensibilità del pedale del freno grazie a caratteristiche programmabili

Fonte: Robert AG

Milano, Italia. 9 luglio 2013 – In questi ultimi anni, i sistemi frenanti per auto sono diventati ancora più performanti.

L’ABS e l’ESP, in particolare, hanno aumentato in modo significativo la sicurezza. Nello stesso periodo di tempo, l’approccio standard basato sull’applicazione del vuoto per modulare l’azione del freno è rimasto invece sostanzialmente invariato. Fino ad oggi, questa tecnologia ha offerto un recupero limitato di energia frenante e solo un grado costante e predeterminato di amplificazione della forza esercitata dal guidatore sul pedale. Oggi Bosch ha sviluppato , un sistema elettromeccanico che interviene modulando l’azione frenante del conducente in base alle situazioni di guida. “ rende i veicoli ibridi ed elettrici ancora più efficienti e aumenta la sicurezza riducendo lo spazio di frenata” spiega Gerhard Steiger, Presidente della divisione Bosch Chassis Systems Control.

Inoltre, iBooster completa una gamma di componenti modulari con i quali Bosch può assemblare un sistema frenante adatto a qualsiasi configurazione dei veicoli. La produzione di questo sistema innovativo inizierà nel 2013 per tre modelli prodotti in serie. A medio termine, potrà sostituire il servofreno di tipo tradizionale su molti veicoli.

Maggiore recupero di energia per aumentare il chilometraggio

Per poter offrire il chilometraggio e i bassi consumi attesi, i veicoli ibridi ed elettrici devono recuperare la maggiore quantità possibile di energia elettrica durante la frenata. Idealmente, le auto dovrebbero decelerare esclusivamente per effetto della conversione dell’energia cinetica in elettricità da parte del motore elettrico. In questo modo si eviterebbe la perdita di preziosa energia attraverso la frenata. iBooster di Bosch recupera quasi tutta l’energia sviluppata durante le normali frenate, garantendo tassi di decelerazione fino a 0,3 g solo con l’uso del motore elettrico. In pratica, è garantita la copertura delle tipiche manovre di decelerazione nel traffico di tutti i giorni. Se occorre esercitare maggiore forza sui freni, iBooster genera la pressione supplementare necessaria in modo tradizionale, utilizzando il cilindro principale del freno. Il guidatore non nota questa armoniosa interazione tra motore e freni, in quanto la sensazione del pedale rimane assolutamente normale.

Bosch ha integrato in iBooster un motore per regolare l’assistenza alla frenata “on demand”, in base alle situazioni di guida, attraverso un riduttore a due stadi. Il sistema rende superfluo il costoso processo attuale di generazione continua del vuoto utilizzando direttamente il motore a combustione interna o una pompa del vuoto. In questo modo si ottiene non solo un risparmio di carburante, ma anche un utilizzo più efficiente delle funzioni che riducono i consumi arrestando a tratti il motore (start-stop o veleggio).

Più sicurezza e più comfort

Il sistema elettromeccanico offre ulteriori vantaggi. Se il sistema predittivo di frenata d’emergenza rileva una situazione di pericolo, iBooster può sviluppare in modo autonomo la piena pressione di frenata in appena 120 millisecondi, vale a dire tre volte più velocemente rispetto ai sistemi precedenti. In situazioni d’emergenza, pertanto, iBooster può frenare il veicolo più velocemente rispetto a un guidatore che utilizzi un sistema frenante tradizionale.

iBooster può, inoltre, svolgere la funzione dell’ACC arrestando il veicolo dolcemente e silenziosamente. Per i silenziosi veicoli elettrici questo rappresenta un particolare vantaggio poiché i rumori ambientali risultano maggiormente percepibili al loro interno.

La possibilità di definire curve caratteristiche di frenata offre agli sviluppatori la libertà di modulare la sensibilità del pedale del freno adattandola ai desideri specifici del cliente. Se il veicolo offre diverse modalità di guida – sportiva, comfort o economica – si può ottenere che i freni agiscano più dolcemente o più efficacemente. È, inoltre, possibile modulare l’assistenza in base alle situazioni, per esempio durante la frenata d’emergenza.

L’approccio modulare garantisce l’adeguatezza del sistema frenante

iBooster fa parte di una gamma di componenti modulari con i quali Bosch può as-semblare facilmente un sistema frenante adatto a tutte le auto e a tutti i requisiti dei clienti – qualunque sia la dimensione del veicolo, la tecnologia di propulsione e il livello di funzioni di assistenza di cui dispone il veicolo. Per la ripartizione della frenata, il sistema modulare offre iBooster o la soluzione tradizionale basata sul vuoto. Per il sistema di regolazione del freno, la scelta è tra ESP standard o ESP hev, progettato appositamente per i veicoli ibridi ed elettrici. In particolare per i modelli di veicoli che offrono la scelta tra diversi tipi di propulsione, questo approccio modulare di Bosch non ha ad oggi concorrenti.

Maggiore flessibilità per i costruttori di auto

Aumentando il numero di modelli e sistemi di propulsione disponibili, aumenta anche la complessità della tecnologia sottostante. La curva caratteristica del freno liberamente programmabile e personalizzabile permette di installare iBooster identici in diverse versioni dello stesso modello di veicolo. La programmazione avviene in modo rapido e semplice al termine del ciclo di produzione e l’installazione è facilmente adattabile alla guida a destra o a sinistra. Il modulatore è puramente elettromeccanico, senza fluido dei freni, e per questo può ruotare in modo flessibile attorno all’asse longitudinale. Si è pensato anche al futuro della guida: abbinato all’ESP di Bosch, il sistema offre il livello di ridondanza del sistema frenante che è necessario per ragioni di sicurezza nelle auto a guida automatica.

Il settore di business Tecnica per autoveicoli è il più esteso del Gruppo Bosch. Nel 2012  ha registrato un fatturato di 31,1 miliardi di Euro, equivalenti al 59 percento dei ricavi totali Gruppo. Fornitore leader nel campo automotive, a livello mondiale il Gruppo Bosch conta circa 177.000 collaboratori in questo settore, divisi in sette aree di business: sistemi di iniezione per motori a combustione interna, powertrain, mobilità alternative, sistemi di sicurezza attiva e passiva, comfort e assistenza, informazione e comunicazione a bordo veicolo e tecnologie e servizi per l’aftermarket.

Bosch ha contribuito con importanti innovazioni all’evoluzione dell’auto come, per esempio, la gestione elettronica del motore, il sistema elettronico di stabilità ESP e il sistema common-rail per i motori diesel.

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Nel 2012, grazie ai circa 306.000 collaboratori ha registrato un fatturato di 52,5 miliardi di euro. Dal 2013 le attività del Gruppo sono state suddivise in quattro settori di business: Tecnologia Automotive, Energia e Tecnologie costruttive, Tecnologia industriale e Beni di consumo. Il Gruppo è costituto dall’azienda Robert Bosch GmbH e da circa 360 tra consociate e filiali in 50 Paesi, 150 se si includono i partner commerciali. Le attività internazionali di sviluppo, di produzione e di vendita sono alla base della continua crescita. Nel 2012 Bosch ha investito oltre 4,8 miliardi di euro in Ricerca e Sviluppo, registrando circa 4.800 brevetti in tutto il mondo. Seguendo lo slogan “Tecnologia per la vita” Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Bosch iBooster

Lascia una risposta

 
Pinterest