Nuove forme per le batterie strutturali

Nuove forme per le batterie strutturali

16 feb, 2012

Provate sulla monoposto le nuove batterie strutturali

Di Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

14 febbraio 2012. Da qualche tempo, in molte discipline motoristiche il motore e la trasmissione hanno sopportato i maggiori stress della vettura. Il che significa che invece di montare il motore e il cambio su un telaio, la trasmissione diventa parte del telaio – a cui sono montati altri componenti come le sospensioni. La con sede nel Regno Unito sta testando lo stesso concetto con un’auto da corsa elettrica e lo ha definito una “batteria strutturale”.

La BBC rivela che la BAE sta testando una batteria in fibra di carbonio nel telaio di una auto da corsa Lola-Drayson e ha già testato la tecnologia in un piccolo aereo senza pilota – e perfino in una torcia elettrica manuale.

Il concetto non è semplice, non basta progettare un involucro della batteria che funga da elemento strutturale. L’idea di BAE è di incorporare la chimica del nichel nella fibra di carbonio della batteria, in modo che qualsiasi forma possa essere utilizzata a seconda del bisogno.

di BAE spiega: “La bellezza di ciò che abbiamo ottenuto è che, quando la nostra tecnologia sarà pienamente sviluppata, una società sarà in grado di uscire e comprare quello che è un materiale di carbonio composito standard, disegnare la forma, inserirli nel processo di polimerizzazione e ottenere una batteria strutturale “.

Questo procedimento offre vantaggi potenziali addirittura maggiori rispetto a quelli offerti da un motore strutturale – ha la capacità di formare la batteria strutturale in qualsiasi forma sia più forte, più efficiente e più utile. La batteria potrebbe anche diventare una cornice in cui montare un motore elettrico.

La tecnologia è nelle prime fasi di sviluppo – attualmente, la densità energetica delle batterie è solo un terzo di quella di una batteria per auto regolare e un decimo di quelle agli ioni di litio. L’azienda spera di lavorare su batterie strutturali a base di litio in futuro.

Altre caratteristiche BAE sta lavorando includono una lunga durata e la resistenza al fuoco – entrambe le caratteristiche sono un sottoprodotto della originale destinazione d’uso militare di questa tecnologia.

L’auto da corsa elettrica Lola-Drayson verrà utilizzata per testare la tecnologia per determinare la sua vitalità. Stuart Penney ha detto: “E’ solo quando si applicano queste cose in un mondo reale che se ne scoprono i problemi e le potenzialità.”

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: BAE Systems batterie elettriche Lola-Drayson Stewart Penney

Lascia una risposta

 
Pinterest