Motori efficienti ad azoto liquido

Motori efficienti ad azoto liquido

12 dic, 2011

Un motore ad potrebbe essere un’alternativa alle batterie

Da Stephen Harris
Fonte: The Engineer

8 Dicembre 2011. Un design per un motore ad azoto liquido in grado di fornire un’alternativa alle batterie e celle a combustibile è stato previsto in uno studio di fattibilità.
Il motore, che è guidato dalla pressione creata quando l’azoto liquido (LN2) ritorna alla sua forma di gas, potrebbe fornire un modo per alimentare un veicolo senza produrre emissioni di anidride carbonica dallo scarico, ma con una autonomia più estesa e con il rifornimento di carburante più veloce rispetto ad una batteria.

Un modello proof-of-concept, che i suoi sviluppatori hanno detto essere molto più efficiente rispetto a qualsiasi progetto precedente per un motore LN2, è già stato utilizzato per alimentare una macchina a più di 30 miglia all’ora con solo aria fredda nello scarico.

L’azienda che sta dietro l’idea, la (DEC), ha ora intenzione di sviluppare un prototipo commerciale e sta lavorando con la ditta di consulenza ingegneristica e molti accademici del Regno Unito per valutare la sua fattibilità e sviluppare una strategia di business.

, direttore di DEC, ha detto a The Engineer che l’azienda stava guardando ai carrelli elevatori come primo bersaglio potenziale di mercato. “Stiamo cercando l’applicazione non solo la tecnologia”, ha detto. “A causa delle normative e delle emissioni, [i carrelli elevatori] hanno già una forte penetrazione, circa il 60 per cento, della tecnologia delle batterie. La ragione per cui abbiamo individuato questo mercato come un potenziale punto di partenza è che non servono ragioni emotive per l’acquisto di veicoli a basse emissioni di potenza. Se si vuole utilizzare un carrello elevatore all’interno di un edificio questo ha bisogno di essere a emissioni zero. Il nostro prodotto è probabile che sia, sulla base dei costi, un motore più competitivo di uno a pistoni che di una batteria, e i motori a combustione sono molto meno cari.”

L’inventore ha studiato il suo motore ad azoto liquido, che è stato sviluppato nell’ambito di un programma quadriennale di dottorato e sta per essere oggetto di uno studio di fattibilità aziendale.
I veicoli alimentati a LN2 non sono un’idea nuova e una vettura sviluppata dai ricercatori dell’Università di Washington nel 2000, il LN2000, ha raggiunto una velocità di 22mph.

Peters ha detto che il motore inventato dalla società di cui Peter Dearman è co-fondatore funziona in modo diverso e con un rendimento migliore.”Ha inventato un processo per cui si inietta un liquido di scambio termico, come anti-gelo e acqua nella testa del pistone appena prima di iniettare l’azoto liquido. Mantieni liquido l’azoto per tutta la strada fino al pistone. Il risultato di questo è che tutta l’espansione avviene all’interno del cilindro. Poiché hai questo volume di liquido di scambio termico, l’espansione è isotermica, in modo che la temperatura rimane la stessa, che è molto più efficiente.”

L’utilizzo di LN2 come combustibile ha il vantaggio di basarsi su una infrastruttura di distribuzione già esistente, siccome molte imprese industriali lo utilizzano per il raffreddamento. Potrebbe essere particolarmente efficiente come combustibile per i camion di consegna refrigerati.
Potrebbe anche essere generato in luoghi remoti che utilizzano fonti energetiche rinnovabili e in un piccolo impianto di liquefazione, forse anche come soluzione per le basi militari, ha detto Peters.

L’azienda era nata da Highview Power Storage, che la scorsa settimana ha vinto il Technology and Innovation Awards Grand Prix di The Engineer per il suo sistema di immagazzinamento in scala industriale di aria liquida per conservare energia.
DEC ha raccolto capitale sufficiente per lo studio di fattibilità e ora spera di ottenere qualche milione di sterline in private tra equity e sovvenzioni per sviluppare la tecnologia commercialmente a partire dal 2013.
Peters ha detto che la sfida ingegneristica chiave è stata ottimizzare l’iniezione di azoto liquido nel cilindro, ma che tutte le tecnologie coinvolte, tra cui i serbatoi di stoccaggio del LN2, erano abbastanza maturi per non essere freni.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: azoto liquido Engine Company Dearman Peter Dearman Ricardo Toby Peters

Lascia una risposta

 
Pinterest