Litio con l’uovo per batterie migliori

Litio con l’uovo per batterie migliori

13 gen, 2013

Nano-tecnologia simile all’uovo per migliorare le ?

Di Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

11 gennaio 2013. La tecnologia sviluppata presso lo e la ha stabilito un nuovo record per lo stoccaggio di energia in una batteria agli ioni di litio.

Con l’utilizzo ingegnoso di nanoparticelle di zolfo simili a un uovo nel catodo, la batteria può immagazzinare cinque volte più energia di quanto sia possibile con la tecnologia commerciale attuale – e le prestazioni rimangono alte dopo mille cicli di carica e scarica.

La tecnologia, dice di SLAC (via Cleantechnica) utilizza un catodo costituito da “pepite” di zolfo, circondato da un guscio di ossido di titanio poroso. Il risultato assomiglia superficialmente al tuorlo dell’uovo all’interno di un guscio rigido, con uno spazio vuoto che circonda lo zolfo e che rappresenta l’albume.

Le batterie agli ioni di litio muovono gli ioni litio tra l’anodo ed il catodo – nell’interspazio anodo durante la ricarica, e nel catodo durante la scarica.

Maggior quantità di ioni di litio è possibile immagazzinare, più energia può contenere la batteria. Lo zolfo è teoricamente in grado di contenere più ioni, ma ha presentato alcuni problemi negli esperimenti precedenti. Uno, un composto formato da ioni di litio ed atomi di zolfo ha mantenuto la dissoluzione, e due, la sua espansione significava che i rivestimenti previsti per impedire la dissoluzione del composto si sarebbero rotti.

Le particelle illustrate simili alle uova, aggregate insieme nell’immagine, risolvono entrambi i problemi.

L’ossido di titanio del rivestimento dà la camera lo zolfo sufficiente per espandersi – ed è porosa, permettendo gli ioni di attraversarla – ma protegge il composto litio-zolfo dalla dissoluzione nell’elettrolita.

Risultato finale: l’accumulo di energia è alto senza gli svantaggi precedenti.

Mantiene anche circa il 70 per cento del suo potenziale energetico anche dopo 1000 cicli di carica e scarica, anche se il disegno non è ancora stato ottimizzato.

Se la tecnologia raggiungerà la commercializzazione, ha tutti i benefici che ci si aspetta dalle elevate tecnologie delle batterie.

Renderebbe la commercializzazione dell’auto media elettrica leggera, da avere più energia che può essere immagazzinata in un piccolo spazio, e dalla durata della batteria che potrebbe essere migliorata.

Abbiamo sentito tutto questo già da prima, ma il lavoro dello SLAC di Stanford è solo un altro esempio di come la tecnologia della batteria si evolve dietro le quinte. I prossimi anni dovrebbero essere molto interessante per l’industria …

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: batterie al litio Mike Ross National Accelerator Laboratory slac Stanford University

Lascia una risposta

 
Pinterest