La Hawaii, un paradiso per le auto elettriche

hawaiian-teacher-of-the-year-gets-free-mitsubishi-i

19 mar, 2012

Le diventeranno il paradiso delle auto elettriche?
Di John Voelcker
Fonte: GreenCarReports

17 marzo 2012. Le Hawaii sono uno stato bellissimo, con clima caldo tropicale, ma sono anche un luogo costoso per guidare nonostante le limitate distanze di viaggio su ciascuna delle sue isole. I carburanti devono essere portati in nave ed i prezzi (4,45 dollari al gallone questa settimana) sono alcuni dei più alti negli Stati Uniti.
Tutti questi fattori insieme possono rendere le Hawaii lo Stato più adatto alle vetture plug-in – e lo Stato le accoglie con favore.

Peter Rosegg, della Società Hawaiian Electric, sostiene che la catena di isole è un laboratorio ideale per la conversione larga scala di veicoli alimentati da energia elettrica.
I suoi cittadini sembrano essere la risposta. Nissan dice le Hawaii avevano il più alto tasso pro-capite di richieste da parte di coloro che volevano informazioni sulla sua auto elettrica Leaf.
Tre aziende locali di energia – Hawaiian Electric, Maui Electric e Hawaii Electric Light Company che serve Oahu, Maui e l’isola di Hawaii – già offrono tariffe scontate per la ricarica fuori dall’orario di punta delle auto plug-in. Sono state installate velocemente anche le stazioni di ricarica pubbliche. La prima è entrata in funzione più di due anni fa, nel gennaio 2010, ben prima che sia la Chevrolet Volt o la Leaf Nissan arrivassero nei concessionari nel dicembre dello stesso anno. La gamma di punti di ricarica comprende un totale previsto di 130 stazioni di rete su quattro isole gestite dalla Better Place. La società sta offrendo la ricarica gratuita in tutte le sue nuove stazioni del 2012.

I veicoli elettrici beneficiano del parcheggio gratuito in molte città delle Hawaii e come in California, i veicoli plug-in possono accedere alle corsie High-Occupazione del veicolo (HOV) con un singolo occupante a bordo.

Obiettivi ambiziosi in materia energetica
Con il 90 per cento della sua energia derivata dal petrolio trasportato via mare, Hawaii ha fissato obiettivi ambiziosi: entro il 2030, vuole tagliare l’utilizzo complessivo di energia nello stato del 30 per cento e ricavare il 40 per cento di quella energia da fonti rinnovabili.
Lo stato sta diventando una sorta di banco di prova per le tecnologie energetiche pulite e la maggiore efficienza delle auto elettriche sarà un importante contributo al raggiungimento di tali obiettivi.

GM ha inoltre utilizzato le Hawaii per testare lo stato delle infrastrutture di rifornimento di idrogeno per molti degli stessi motivi.
L’analista nel settore dell’energia Pike Research prevede che le auto plug-in rappresentino il 6,3 per cento di tutti i veicoli venduti nelle Hawaii negli ultimi cinque anni, una percentuale superiore persino California.
Per favorire proprio questo, lo Stato offre un enorme rimborso del credito d’imposta di $ 4500 in contanti per l’acquisto di un’auto elettrica, da aggiungere al credito d’imposta federale di 7.500 dollari – anche se, come in California, i fondi disponibili sono limitati.

Le case automobilistiche si stanno muovendo. Lo scorso autunno, come premio al docente dell’anno 2012 delle Hawaii è stata assegnata una nuova Mitsubishi-’i', ultima auto elettrica del marchio. Mitsubishi, infatti, ha consegnato il primo 2012 ‘i’ per la vendita al dettaglio nello Stato in dicembre.

Rosegg rileva che le sfide rimangono. Le Hawaii sono un mercato piccolo e remoto, con poco più di 1 milione di abitanti, e lui dice che è stata una lotta ottenere che le case automobilistiche realizzassero una limitata produzione di auto elettriche per lo Stato.
Più difficile nel lungo periodo è che molti abitanti vivono in condomini e altre case plurifamiliari, nel senso che non hanno accesso individuale ai garage privati ​​utilizzati per la ricarica da plug-in dagli acquirenti di altri Stati.

Con le temperature tra i 60 e i 70 grad Fahrenheit (ideale per le batterie delle auto elettriche), le distanze di viaggio brevi e la benzina costosa, le Hawaii possono offrire un paradiso non solo per 6 milioni di visitatori ogni anno da tutto il mondo, ma pure per i veicoli elettrici.
Rosegg rileva che i turisti potranno noleggiare veicoli elettrici in questo ambiente ideale, magari dando a molti visitatori l’esperienza di guidare un’auto elettrica per la prima volta. Alcuni di loro possono tornare a casa come convertiti.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Hawaii

Lascia una risposta

 
Pinterest