Il triciclo elettrico inclinabile open source

otelo_veap_01

8 dic, 2011

Il progetto portoghese nasce da una collaborazione ad alto livello e l’inclinabilità delle ruote risolve il problema delle curve prese troppo velocemente, tipico dei tricicli.

Fonte:

Presentazione
Otelo Design è il sito dove ho deciso di raccontare le mie idee e la mia visione sulle nuove soluzioni di trasporto. L’obiettivo è creare veicoli audaci e innovativi. Veicoli mai visti prima, che rispettano l’ambiente a beneficio della nostra salute! Come un amante del design automobilistico, riconosco l’importanza di nuove soluzioni di mobilità nella nostra vita!
La mia filosofia si basa su un estremo realismo che è alimentato da quello a cui penso tutti dovrebbero mirare: migliorare la qualità della vita per tutti. Penso che una sola idea non vale niente, c’è bisogno di un contesto al lavoro, e questo si realizza sempre grazie alla combinazione di altre idee che provengono da altre persone.

Voglio creare una comunità di collaboratori dietro ad ogni prodotto.
Ottimizzare tempi e risorse, beneficiando di opportunità uniche di sinergia. Ottenere alla fine preziose e multiple interpretazioni dello stesso concetto. Quindi, faccio appello a tutti i progettisti e gli imprenditori leader nel settore dei trasporti e della tecnologia, che utilizzano le loro competenze in questo settore, a dare una personale interpretazione di ciascuna delle mie creazioni. Poi si potrà condividere con noi il vostro lavoro. Il progresso emerge dalla condivisione e la storia lo dimostra.

Il sito Design Otelo lavora in spirito “Open Source”, dove tutto è pubblico, tutto è liberamente utilizzabile a piacimento! In una comunità trasparente tutti sanno chi ha fatto cosa. Bisogna solo ricordare chi è quello che ha creato l’idea e dargli il giusto credito. Le conseguenze sociali potrebbero essere interessanti in quanto sono la base della meritocrazia.

Se un giorno alcuni di questi prodotti verrà costruito su larga scala, allora saremo felici di aver raggiunto uno dei nostri obiettivi: abbiamo cambiato il mondo in meglio! Soprattutto, ci siamo divertiti e abbiamo imparato molto durante il viaggio, lasciando un segno nel mondo.

Otelo (Veículo Eléctrico Assistido uno Pedais) Ibrido umano a tre ruote inclinabile
Novembre 2011 – Prototipo dell’inizio dei lavori in Portogallo.

Introduzione
La crescente congestione nelle aree urbane promuove la diffusione di veicoli leggeri sul mercato con modelli sempre più piccoli e stretti. Il sistema di controllo dell’inclinazione permette di costruire veicoli molto stretti, capaci di curvare in modo sicuro ad alta velocità, cosa che fino ad oggi costituiva uno dei loro handicap principali. Questo tipo di veicoli far curvare il veicolo inclinandolo e trasferendo il peso verso l’interno della curva come fa una moto.
Così è nato il VEAP, un veicolo a tre ruote. Con una ruota davanti e due posteriori, il VEAP è fondamentalmente un ma dotato di un sistema di controllo dell’inclinazione.

Inclinazione
L’inclinazione massima del VEAP è di 45 gradi. Non male se si pensa che l’inclinazione di una bicicletta da corsa è di circa 50 gradi. Con un triciclo normale con asse fisso, essendo stretto, non è possibile affrontare una curva ad alta velocità, perché il ribaltamento avviene in fretta. I veicoli a due ruote a questo riguardo hanno un vantaggio sui veicoli con tre o quattro ruote. Questi proiettano il peso del veicolo al di fuori della curva, per contrastare l’inerzia generata dal movimento. Il VEAP coniuga il meglio dei due mondi. Pur essendo un triciclo, si muove come avesse due ruote come, superandole in termini di sicurezza. L’adozione di una terza ruota assicura una maggiore aderenza e capacità di frenata.

Verticalità
Quando viene fermato, il VEAP non si ribalta: basta fermarsi e uscire. Non c’è bisogno di stabilizzatori e si ferma in posizione completamente verticale.
Nel traffico, non è necessario appoggiare a terra i piedi per bilanciare la vettura. Quando si sposta lentamente, il VEAP blocca automaticamente il sistema di inclinazione e non si piega più. Tuttavia, è possibile in qualsiasi momento rimuovere il blocco, se volete, per esempio, inclinare il veicolo per montare.
Quando fermo a un semaforo rosso e con il sistema di inclinazione bloccato, l’utente può continuare a pedalare mentre aspetta. L’energia prodotta viene immagazzinata in batterie e aumenta leggermente l’autonomia del VEAP.
Molto stabile grazie al posizionamento delle batterie che garantisce un basso centro di gravità, è anche possibile usarlo per lavoraci.

Verticalità su terreni sconnessi
Il VEAP ha una enorme capacità di assorbire le irregolarità del terreno senza compromettere la verticalità del veicolo. Per esempio: guidare sul fianco di una collina ripida. Per un triciclo normale, sarebbe difficile o addirittura impossibile senza un sistema di controllo dell’inclinazione. Oltre al disagio dell’utente di dover guidare troppo inclinato, il veicolo tenderebbe a ribaltarsi appena superati alcuni gradi di inclinazione. Il VEAP con il sistema di controllo dell’inclinazione è in grado di superare terreni molto ripidi senza influenzare la verticalità. Se le ruote posteriori, incontrano ostacoli diversi tra loro, di diverse altezze, questo non influenzerà le prestazioni del veicolo, provocherà solo una piccola oscillazione in senso longitudinale.
Questa differenza può arrivare fino a 593 millimetri. Da lì, allora sì, il veicolo inizia a inclinarsi.

Motore
Il VEAP è dotato di tre ruote. Per attivare i motori bisogna pedalare. I pedali sono fondamentalmente un acceleratore che fornisce lo stress (coppia meccanica) al generatore, che a sua volta lo rende un flusso (corrente) che si trasmette ai motori che converte infine la corrente in tensione (coppia meccanica) alle ruote. L’elettronica stimola i motori, poi per misurare la cadenza e lo sforzo della pedalata. Se vuoi andare più veloce si pedala velocemente, se si vuole rallentare, si pedala al contrario e si caricano le batterie. La frenatura elettrica rigenerativa blocca il veicolo tramite un campo elettromagnetico (senza attrito), con conseguente maggiore durata rispetto ai freni convenzionali e riduzione dell’usura di pneumatici, pastiglie e dischi. Mentre si pedala, l’utente del VEAP immagazzina l’energia di questo sforzo, aumentando leggermente l’autonomia.

Carico
Il VEAP ha una notevole capacità di carico rispetto ad una bicicletta convenzionale o triciclo. Il vano bagagli è intercambiabile e permette all’utente di scegliere quello che meglio si adatta alle esigenze di utilizzo. Da un cesto semplice a una cella isotermica per il trasporto di alimenti. Dal bagagliaio di grandi dimensioni al vano bagagli con cassetti per il trasporto di documenti o addirittura prodotti medicinali. Dispone anche di scrivania o tavolo da lavoro. È possibile utilizzare il VEAP per uscire, per gli spostamenti da casa a luogo di lavoro o anche per lavorare su di esso. Se si fanno acquisti con il VEAP si possono caricare fino a quattro borse della spesa. Non c’è bisogno dello zaino! Il VEAP semplifica la vita ed è eco-friendly!

Fitness
La configurazione a tre ruote delta, insieme con la capacità del VEAP di bloccare il sistema di inclinazione di controllo, consentono di aggiungere altre funzionalità come l’utilizzo per la fitness! Nella posizione di arresto il VEAP può diventare una cyclette statica. L’utente pedala per raggiungere la dose giornaliera di esercizio fisico, come fa in palestra, ma sul VEAP lo sforzo non è sprecato! Mentre si pedala, l’utente genera energia che viene immagazzinata in batterie. L’energia può quindi essere usata in seguito durante i viaggi. Le calorie diventano distanza percorsa!
Il VEAP include le principali funzionalità di un dispositivo di questo tipo come: Tempo, RPM, velocità, distanza, calorie e Pulse. Il VEAP è quindi un vero veicolo verde!

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: open source Otelo Design triciclo veap

5 commenti

  1. Alves /

    Só a uma coisa em que eu ainda não entendi por causa da autonomia do veículo, se tu dizes que para ser autónomo terás que pedalar e se eu não pedalar não fornece adita energia para o mesmo carregamento da sua própria autonomia, para mim no meu ponto de vista pois qualquer ideia será boa para alcançar objectivos, talvez pensar num sistema dimano, ou seja sempre que em conjunto com um sistema giratório em permanência o sistema dimano pode fornecer autonomia as batarias do veiculo! Sito todos temos direitos as nossas ideias em que todas poderão ser descutiveis.

    • Sì Joaquim Moreira, i pedali sono fondamentalmente un acceleratore in grado di supportare solo una percentuale dello sforzo di dislocamenti. Allo stesso tempo, guida il generatore che è attaccato ai pedali. In questo caso, un generatore con built-in “sensore-attuatore” che oltre a generare energia attraverso la pedalata, risponde al nostro sforzo nelle gambe e converte la coppia meccanica in un flusso (corrente electrica) che viene trasmesso ai motori. I pedali non hanno contatto diretto con le ruote. Insieme alla frenatura elettrica rigenerativa, a differenza di pedalata, i pedali quindi contribuiscono ad aumentare l’autonomia e non per sostituire la presa di corrente. Anche la funzione di cyclette ginnastica statica che prende lo sforzo della pedalata, contribuisce ad una maggiore autonomia, ma è irrealistico pensare che l’elettricità prodotta è sufficiente.
      Purtroppo, la capacità umana di produrre energia con i propri mezzi non è molto significativo. Le gambe umani non hanno la forza di caricare la batteria e rendere il motore andare o in questo caso i motori contemporaneamente o separatamente. Le potenze in gioco sono troppo grandi. A seconda delle potenze in gioco, la velocità del veicolo e la capacità dell’utente di cavalcare (e solo per avere un’idea), che richiederebbe 5 o 6 ore di ciclismo continua, per ogni 1 ora di utilizzo (+/-). Peccato, siamo molto deboli! In VEAP, batterie e motori elettrici hanno un ruolo chiave. Il VEAP deve essere proprio caricato nella presa a corrente per l’uso quotidiano!
      Un abbraccio!

  2. Rosario /

    Una cosa spettacolare ,il
    Prezzo?

    • M.Padin /

      Buon giorno. Sono Marcelo Padin il Direttore Editoriale di Electric Motor News. Ho inoltrato la sua domanda al responsabile di Otelo Design, sig. Daniel Otelo che sicuramente risponderà in modo esauriente.
      Grazie dalla sua richiesta.
      Cordiali saluti ed auguri di un buon anno 2012.

  3. Ciao Rosario, il prezzo ancora non lo so. Stiamo iniziando la costruzione del prototipo, forse più in avanti! Tuttavia si possono seguire le notizie sulla nostra pagina facebook, e quindi abbiamo una previsione sarà pubblicato! Grazie Rosario!

Lascia una risposta

 
Pinterest