Il motore si aggiunge (se e quando serve)

Il motore si aggiunge (se e quando serve)

28 mar, 2012

Un gruppo di design rumeno propone auto con motore staccabile
By John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

27 marzo 2012, Così avete avuto auto a benzina e automobili elettriche; elettrici e ibridi plug-in, con o senza estensione di autonomia. Cose già viste e sentite.
Che ne dite di una vettura elettrica con un motore a benzina che è possibile scambiare al momento in cui ne avete bisogno?

Pensate ad una auto elettrica range-extended (come la Chevrolet Volt) che non ha bisogno di portare in giro il motore quando non le serve.
La minicar SCI hyMod cinque porte concept è il frutto di una squadra rumena composta da un ingegnere, un designer e un giornalista automotive (hurray!).

Utilizza quello che i progettisti chiamano “centro logistico dedicato” per la trasformazione da elettrico a benzina, in cui viene rimosso l’estremità posteriore della macchina contenente una batteria, e sostituita con un blocco contenente un modulo motore a benzina che aziona le ruote posteriori. Nel normale uso urbano, la batteria alimenta un motore elettrico che aziona le ruote anteriori.

L’hyMod combina elementi propri di auto elettriche range-extended, come la Fisker Karma e la Volt, oltre a un piccolo range extender compatto (simile a quello proposto da KSPG in una conversione Fiat 500 elettrica), e forse anche la batteria intercambiabile Better Place.

In questo momento non c’è nulla più che un concetto, ma pensiamo che punti alle migliori opportunità nella propulsione del veicolo che si renderanno disponibili nel prossimo decennio.
E’ tutto dovuto alla capacità di archiviazione di energia delle cellule agli ioni di litio (che probabilmente potranno migliorare di circa il 6-8 per cento all’anno), in combinazione con regole sempre più severe in materia di consumi di carburante (negli USA) e le emissioni di carbonio (in Europa e Asia) .

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS:

Lascia una risposta

 
Pinterest