Volvo LCP 2000, il futuro compie 30 anni

Volvo LCP 2000, il futuro compie 30 anni

4 giu, 2013

LCP 2000 – Il futuro di ieri compie 30 anni

Fonte: Volvo Car Corporation

Gotheborg, Svezia. 3 giugno 2013, Materiali leggeri, carburanti alternativi, consumo di carburante estremamente basso – parole chiave per l’auto di oggi. Eppure, queste erano le caratteristiche stesse che hanno costituito la base per l’LCP 2000 Light Component Project. Questo è stato uno studio di concept car rivolta al futuro e all’ambiente, presentato da Volvo Car Corporation, nella tarda primavera del 1983, 30 anni fa.

L’idea del LCP è nata nel 1979, in parte per uno studio di vettura elettrica che Volvo Cars ha fatto nel 1976 guidata dal geniale ingegnere e in parte da un progetto di auto ultraleggera piccola chiamata Ellen. I requisiti richiesti di un prototipo guidabile per una futura vettura leggera che è stato estremamente efficiente nei consumi, ma allo stesso tempo molto sicuro e praticamente utilizzabile entro il 2000. Il team, guidato da Mellde, doveva sfruttare sia i nuovi materiali e le nuove tecnologie esistenti e quelli che erano in fase di sviluppo. LCP doveva ospitare da un minimo di due persone, con un peso massimo di 700 kg e un consumo massimo di carburante al di sotto di 4 litri per 100 km. Praticamente una combinazione irrealistica nel 1979.

Quattro automobili sono state costruite – tutti con differenze tecniche secondarie – e sono state mostrate per la prima volta in un seminario ambientale a Stoccolma durante la tarda primavera del 1983. LCP2000 sembrava una macchina, ma diversa, un cuneo a forma di berlina a due porte con una parte posteriore in posizione verticale e un portellone di plastica che serviva anche come una porta d’ingresso al sedile posteriore. Questo era rivolto all’indietro per scopi di sicurezza e di spazio. E sì, c’è stato anche spazio per i bagagli. Se si guarda da vicino la LCP oggi, si riconoscono alcune caratteristiche di design della Volvo 480 che è stata introdotta tre anni dopo.

Le vetture LCP sono state dotate da due tipi di motori turbodiesel trasversali appositamente progettati. Entrambi i tipi sono stati tre cilindri, ma uno era un 1.3 litri 50 CV, motore leggero di magnesio, mentre l’altro era in ghisa da 1.4 litri e 90 CV, termoisolanti senza camicia di raffreddamento nella testa del cilindro e utilizzando l’olio motore come liquido di raffreddamento. Si alimentava con qualsiasi combustibile liquido, come l’olio di colza, che ha dato alla vettura un buon odore di patatine fritte o di pesce, quando passava. Tutti i prototipi hanno trazione anteriore e un cambio manuale a cinque velocità o un CVT a controllo elettronico.

Diversi tipi di plastica, magnesio e alluminio sono stati ampiamente utilizzati in tutta la progettazione, sia dal punto di vista del peso che per motivi di riciclaggio e disponibilità. Una piccola sensazione ha creato l’utilizzo di fibra di carbonio per i telai delle porte, un materiale completamente nuovo e sconosciuto.

Il mercato, tuttavia, non era ancora pronto per una vettura ambientale nel 1983. Le parole chiavi delle automobili convenzionali erano ancora potenza e prestazioni. LCP2000 ha destato molto interesse come uno studio di concept e come idea di progetto. Studi del consumo totale di energia del LCP – il ciclo di vita, dalle materie prime attraverso la produzione e la vita di servizio per l’eventuale rottamazione – sono stati in seguito a formare la base della strategia ambientale EPS di Volvo Cars e la successiva dichiarazione ambientale delle nuove vetture, l’EPI, che seguì nel 1998.

Oggi il LCP 2000 è in mostra al Museo Volvo ed è ancora più interessante come lo era 30 anni fa, forse anche di più oggi che allora. Esso testimonia un modo lungimirante innovativo e creativo di pensare che caratterizza Volvo e che si trovano, in forma ulteriormente sviluppata, nelle auto Volvo di oggi.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Rolf Mellde volvo Ellen volvo lcp

Lascia una risposta

 
Pinterest