Storia. La nuova Opel Zafira a metano del Moto Show di Bologna 2007

Storia. La nuova Opel Zafira a metano del Moto Show di Bologna 2007

4 set, 2016

Fonte: Archivio Electric Motor News

 

Nel Motor Show di Bologna 2007, Opel presentava la nuova Zafira equipaggiata – tra le altre versioni – con impianto a .

La fine della prima decade del nuovo secolo vedeva ancor dei tentennamenti delle case automobilistiche verso le auto a trazione elettrica, ma le normative sempre più severe riguardo le emissioni inquinanti hanno costretto i costruttori a trovare delle alternative.

Nel prossimo servizio vediamo come Opel Italia presentava la nuova Zafira.

In anteprima mondiale al Bologna Motor Show

Nuova gamma

Nuovi motori ed una connotazione più sportiva. La sua flessibilità è un punto di riferimento nel segmento delle monovolume compatte. Verso i due milioni di esemplari prodotti

Roma, 5 Dicembre 2007. La nuova gamma Opel Zafira, esposta in anteprima mondiale al Bologna Motor Show 2007 ed attesa nelle concessionarie a partire da metà 2008, presenta una serie di interventi all’estetica ed alla meccanica con i quali la principale Casa del gruppo General Motors in Europa punta oggi a portare avanti la già brillante carriera di prima automobile al mondo ad offrire 7 posti abbinati ad una grande flessibilità interna. I primi di questi interventi trasmettono una rinnovata sensazione di dinamismo; i secondi rispondono alle attuali tendenze in fatto di potenza ed economicità d’uso.

In attesa che, all’inizio del prossimo anno, dalle catene di montaggio esca il duemilionesimo esemplare di Opel Zafira, la seconda generazione di questa monovolume compatta può essere già considerata un grande successo di pubblico: lanciata a metà del 2005, ha conquistato il vertice del mercato europeo con oltre 450.000 esemplari venduti, pari al 10% circa del segmento. In Italia, la versione di punta sarà la nuova Cosmo, massima espressione della rinnovata sportività di Zafira: appendici aerodinamiche e minigonne laterali, eliminazione delle barre portapacchi per un profilo più aerodinamico e sportivo.

, , parla della nuova Opel Zafira, come della «proposta giusta al momento giusto. Sappiamo che i nostri clienti sono già molto soddisfatti della qualità, dell’affidabilità, della praticità e della flessibilità di Zafira. Adesso però abbiamo voluto renderla ancora più sportiva. Così facendo Zafira resterà un punto di riferimento nel segmento europeo delle monovolume compatte».

Frontale caratterizzato da un preciso andamento a “V”

Opel Zafira è caratterizzata da un frontale molto originale e da nuovi elementi stilistici posteriori che le danno una connotazione molto sportiva. La larga barra anteriore cromata comprende il marchio Opel e racchiude il cofano spiovente, attirandolo verso la mascherina, ora completamente cromata, suddivisa in due sezioni. Le linee a forma di “V” che circondano le sedi dei fari fendinebbia si inseriscono anch’esse nel paraurti anteriore, mentre gli alloggiamenti dei fari hanno un effetto cromato. Nella parte posteriore della vettura troviamo due cellule tridimensionali trasparenti in corrispondenza dei gruppi ottici di colore rosso. Questi presentano una striscia di colore bianco-argento che attraversa la fascia posteriore cromata.

All’interno dell’abitacolo troviamo bordature cromate lucide, che circondano i comandi del climatizzatore e dell’autoradio, ed una nuova finitura della plancia strumenti e dei pannelli porta. La console centrale ed il volante della versione Cosmo hanno una finitura laccata nera. Gli impianti audio e di comunicazione mobile con navigatore, lettori di CD e di DVD e compatibilità MP3 hanno collegamenti stereo per apparecchi esterni come gli iPod.

Opel Zafira conserva ovviamente il sistema Flex7 di configurazione dei sedili che in un certo senso è il “marchio di fabbrica” di questa monovolume compatta. La flessibilità di questo sistema non ha confronti: permette infatti di riconfigurare facilmente gli interni senza dover smontare alcun sedile.

Tecnologie d’avanguardia

Maggiore economicità e potenza.

I progettisti della nuova Zafira hanno perseguito con grande attenzione questi due obiettivi, solo apparentemente contrastanti. I futuri clienti Zafira potranno scegliere tra otto differenti motorizzazioni di diversa potenza: dai 94 CV della conveniente versione 1.6 ecoM a metano a basso impatto ambientale ai 240 CV della sportivissima OPC con motore 2.000 turbo benzina. Per il mercato italiano il motore di punta sarà sempre il 1.9 CDTI 16V da 150 CV. Le caratteristiche di questi propulsori si traducono in bassi costi chilometrici, che sono a loro volta la somma di molti fattori differenti come i ridotti consumi di carburante, le limitate spese di manutenzione, i lunghi intervalli tra i tagliandi di manutenzione programmata e l’elevato valore sul mercato dell’usato. Non a caso Opel Zafira si è classificata al primo posto nel premio “Best Value 2006” organizzato dalla rivista specializzata tedesca “Auto Bild”.

La nuova gamma Zafira presenta importanti soluzioni tecnologiche che sono uniche su un’automobile di questa categoria. E’ il caso dell’autotelaio elettronico IDSPlus con taratura continua degli ammortizzatori (CDC), che assicura un esclusivo livello di comfort di marcia e di sicurezza. All’interno di questo sistema integrato di controllo della vettura, le centraline ed i sensori di sottosistemi come ESPPlus (di serie su tutta la gamma Opel), ABS e CDC (Chassis Dynamic Control) si scambiano continuamente informazioni, consentendo al sistema principale di ottimizzare la regolazione dell’assetto. Sulla vettura inoltre è presente una versione ulteriormente evoluta del controllo elettronico della stabilità che permette il controllo anche del complesso automobile-rimorchio ed in grado di rilevare l’intensità di eventuali imbardate e di correggerle, agendo in modo appropriato sull’impianto frenante.

Con la nuova Zafira, Opel introduce nel segmento delle monovolume compatte i fari auto-adattivi (AFL) con lampade bi-xenon che accompagnano i movimenti del volante. Il tetto panoramico è un’altra particolarità di Zafira che rende più gradevole e luminoso l’ambiente interno (se necessario, tendine elettriche proteggono gli occupanti quando i raggi del sole sono troppo forti). Una pratica console centrale con cinque scomparti porta-oggetti corre per tutta la lunghezza del soffitto. Soluzioni innovative come queste sottolineano una volta di più il moderno concetto di flessibile monovolume compatta che da sempre accompagna la gamma Zafira.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alain Visser Chief Marketing Officer di GM Europe metano opel zafira

Lascia una risposta

 
Pinterest