Risorge la P1 nel Museo Porsche

Risorge la P1 nel Museo Porsche

28 gen, 2014

Anteprima mondiale nel quinto anniversario del

Il primo Porsche Design del mondo – il ritorno della “P1″

Fonte: Porsche AG

 

Stoccarda. Germania. 27 gennaio 2014. Dal momento della costruzione della prima vettura sportiva a portare il nome Porsche – la Tipo 356 del 1948 – l’azienda Dr. Ing. h.c. F. Porsche AG è stata considerata come il principale produttore di auto sportive del mondo.

Eppure la storia dell’azienda risale a un periodo molto precedente: nel 1898, ha presentato il “veicolo elettrico , ” (noto come “P1″ per brevità) – primo progetto Porsche del mondo.

Dopo 116 anni, il veicolo originale e non restaurato è stato recuperato ed arricchisce la collezione del Museo Porsche come una sensazione unica di tecnica e storia di tutto il mondo.

A cinque anni da quando ha aperto nel gennaio 2009, l’aggiunta di questo progetto vede il Museo Porsche riorientare la sua mostra permanente. Accanto a una ristrutturazione del layout per l’area dedicata al prodotto e la storia del motorsport, la “P1″ ora forma un centrotavola utilizzato per introdurre i visitatori alla prima parte della mostra – il “prologo”.

Il concetto automobilistico innovativo della “P1″ colmerà il divario tra il passato e gli attuali sviluppi, come la Porsche 918 Spyder . Come valore di riferimento tecnologico, la 918 Spyder segue una lunga tradizione che ha iniziato 116 anni fa con la “P1″.

La “P1″ – progettata e costruita da Ferdinand Porsche – è stato uno dei primi veicoli immatricolati in Austria ed ha circolato sulle strade di Vienna il 26 giugno 1898. Porsche ha impresso il codice “P1″ (che stà per Porsche, numero 1) su tutti i componenti chiave, dando così al veicolo elettrico il suo nome non ufficiale. Il volume delle idee realizzate all’interno di questo veicolo rimane notevole anche oggi. L’azionamento elettrico molto compatto, pesa solo 130 kg, ha offerto una potenza di 3 HP. Per brevi periodi, si possono raggiungere fino a 5 hp sovraccaricando la tensione, permettendo alla P1 di raggiungere fino a 35 km/h di velocità. Quando guidata in questo modo, il veicolo viene azionato attraverso un regolatore da 12 velocità. L’autonomia complessiva del veicolo potrebbe estendersi fino a 80 chilometri, una notevole distanza per un veicolo di quel periodo.

Un’ulteriore innovazione è stata la carrozzeria alternativa della Lohner, che ha permesso di usare il veicolo sia in estate che in inverno.

La prima prova pratica effettuata dalla “P1″ si è svolta nel settembre 1899 alla mostra automobilistica internazionale nella capitale tedesca Berlino. Già nel 1899, la corsa per produrre i migliori sistemi di azionamento era feroce. Una gara per i veicoli elettrici su una distanza di 40 km è stata annunciata a Berlino per il 28 settembre in modo di testare le prestazioni dei veicoli, con un premio da assegnare al vincitore. Il percorso ha richiesto una grande quantità di abilità da parte dei partecipanti, che hanno dovuto affrontare delle sfide quali ad esempio le pendenze. Con tre passeggeri a bordo, Ferdinand Porsche ha guidato la sua “P1″ tagliando il traguardo 18 minuti prima del secondo concorrente. Più della metà dei partecipanti non è riuscito a raggiungere il traguardo a causa di difficoltà tecniche. Ferdinand Porsche ha vinto il test di efficienza e la sua “P1″ ha registrato il minor consumo energetico nel traffico urbano.

Il venerdì 31 gennaio 2014, il Dr. , Presidente del Consiglio di Vigilanza della Dr. Ing. h.c. F. Porsche AG di Stoccarda e , Presidente e CEO di Porsche AG, sveleranno la “P1″ davanti a un pubblico di invitati.

Il fine settimana successivo, il 1° e 2 febbraio, la “P1″ potrà essere vista gratuitamente come parte delle celebrazioni del quinto anniversario del Museo Porsche.

Il museo è aperto da martedì a domenica, dalle 9:00 alle 18:00. Per maggiori informazioni, si prega di visitare il sito www.porsche.com/museum.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Egger-Lohner Ferdinand Porsche matthias mueller Matthias Müller modello C.2 Phaeton museo porsche porsche p1 Wolfgang Porsche

Lascia una risposta

 
Pinterest