Restaurato l’Ayrton & Perry del 1881

ayrtonperry_02

7 apr, 2012

Restaurato l’ del 1881

di V. Christian Manz
Fonte: Prestige Electric Car.com

5 aprile 2012. Uno dei primo tricicli elettrici, costruito nel 1881 dai britannici William Ayrton e John Perry, è risorto dalle mani dei fondatori di Autovision, uno dei musei più singolari sulle automobili.

Il museo Autovision si trova nella città tedesca di Altlußheim vicino al famoso circuito di Hockenheim e ospita mostre interessanti sulla storia automobilistica, come un vasto assortimento di motori rotativi Wankel e veicoli che li montarono. La nuova stella del museo è arrivata pochi mesi fa e si tratta di una replica del secondo triciclo elettrico mai costruito, una ricreazione degli Ayrton e Perry circolanti in Inghilterra nel 1881. Questo triciclo è stato presentato solo pochi mesi dopo il triciclo elettrico dal francese Gustave Trouvé, che lo ha esposto alla Mostra di energia elettrica a Parigi, considerato oggi come il primo al mondo.

La costruzione della replica non è stata facile, poiché pochi disegni di questo triciclo sono giunti fino a noi. Horst Schultz Museo e la sua gente hanno indagato per oltre un anno per completare il puzzle su come avrebbe potuto essere il veicolo e tutti i suoi dettagli. Ora è tornato e pienamente operativo.

E’ interessante notare che cinque anni prima del primo triciclo di Carl Benz, considerato la prima automobile al mondo, già circolava un triciclo elettrico più silenzioso, più confortevole e con performance relativamente buone. Si parla di una velocità di circa 15 km / h ed una autonomia di 40 chilometri.

Sin dal 1880, gli ingegneri elettrici Ayrton e Perry hanno lavorato nella loro nativa Inghilterra per sviluppare strumenti per fornire misure dirette di elettricità. Erano gli inventori dell’amperometro e del voltmetro che sono oggi indispensabili per conoscere amperaggio e voltaggio. I due ingegneri hanno presentato i loro strumenti alle associazioni interessate e grazie al grande supporto pubblicitario poterono iniziare a venderli dal 1884, anche se erano ben lungi dall’essere affidabili e dovevano essere costantemente ricalibrati. Era comunque un inizio, così come il primo triciclo elettrico che questi due ingegneri riuscirono a finire e a guidare.

Il triciclo è dotato di due ruote anteriori di grandi dimensioni, la ruota sinistra è quella motrice, oltre a una guida piccola ruota posteriore. Al contrario del triciclo Trouvé francese, che montava dei pedali ausiliari perché non si fidano del suo funzionamento, Ayrton e Perry hanno ottenuto buoni risultati. La velocità è controllata da una leva sulla sinistra del sedile, che collega differenti celle della batteria. La leva sulla destra permette di scegliere la direzione, si trova un po’ alle spalle del pilota cosa che la rende un po’ scomoda.
L’originale aveva batterie al piombo che si potevano ricaricare – cosa che non era facile a quei tempi – mentre la replica ha batterie al litio, che aumenta l’autonomia di fatto alle 70 miglia.

Durante la ricerca dei dettagli tecnici per la ricostruzione, i tedeschi trovarono, oltre a qualche immagine tecnica, un articolo scritto nel 1884 che parlava il grande vantaggio dei veicoli elettrici. Un ignoto autore ha dichiarato che si pensava di costruire stazioni per il cambio delle batterie in tutte le principali città al mondo per offrire la possibilità di spostarsi senza limiti. “Le batterie esaurite si possono cambiare facilmente con altre cariche e si può continuare il cammino.” Questa idea sta tornando di moda al giorno d’oggi.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Ayrton & Perry

Lascia una risposta

 
Pinterest