Le elettriche nella prima corsa di auto americana del 1895

Le elettriche nella prima corsa di auto americana del 1895

4 gen, 2015

La prima corsa automobilistica americana del 1895

Tra le sette vetture partecipanti … due erano elettriche

di Marcelo Padin

Fonte: “First Automobile Race America 1895″, testimone oculare di Storia, www.eyewitnesstohistory.com (2006).

 

Henry Ford ricevette la maggior parte del credito per lo sviluppo della vettura negli Stati Uniti, tuttavia, non è stato lui a produrre la prima automobile americana.

Questa distinzione va ai fratelli – Charles e Frank – che hanno creato il loro primo “trasporto senza cavalli” a benzina nel 1893.

Come i fratelli Wright, i Duryea erano meccanici di bicicletta con la passione per l’innovazione.

Il 16 Settembre 1893 i fratelli costruirono la loro prima auto in un laboratorio situato in un edificio nel centro di Springfield, MA.

La loro nuova invenzione è stata collaudata per le strade della città nei test nel settembre 1893. Sfoggiava un motore a benzina, monocilindrico e un cambio a tre velocità montato su una carrozza usata. Riusciva a raggiungere una velocità massima di 7,5 miglia all’ora (12 km/h).

L’anno seguente, Frank sviluppò una seconda auto con un motore a due cilindri più potente.

Fu questa vettura che ha corso e vinto la prima gara automobilistica americana il Giorno del Ringraziamento, il 27 novembre 1895.

La gara è stata patrocinata dal Times Herald e si sviluppò in un percorso di 54 miglia (87 km) dal centro città di fino ad Evanston e ritorno.

C’erano cinque concorrenti oltre a Duryea: 2 auto elettriche e 3 macchine Benz a benzina importate dalla Germania.

La gara è iniziata al mattino presto in condizioni di neve. Poco più di 10 ore dopo, fu il primo a tagliare il traguardo dopo aver sopravvissuto a un viaggio colpito da numerosi guasti e compiendo le rispettive riparazioni. La velocità media fu di 7,3 miglia all’ora (11,746 km/h) e ha portato a casa un premio di $ 2.000 ($ 49.500 al valore di oggi).

“Dopo una sosta per il rifornimento benzina, e di un’attesa di quattro minuti per un treno ad un passaggio a livello, abbiamo continuato”.

Frank Duryea ha descritto la sua esperienza nella sua autobiografia:

“Ho iniziato con i disegni sui piani per una nuova auto, della quale di volta in volta, stavo facendo degli schizzi durante l’estate scorsa. Ma il mio lavoro è stato interrotto dalla necessità di preparare la vecchia macchina per la gara promossa da HH Kohlsaat del Chicago Times-Herald. Questa gara è stata fissata per il 2 novembre e come pilota, la società mi ha inviato in quella data a Chicago con la macchina.

Solo la e le vetture Duryea erano pronte ad iniziare, in modo che il gara è stata posticipata al Giorno del Ringraziamento, il 28 novembre 1895 …

Quando è arrivato il Giorno del Ringraziamento, mi ha trovato ancora una volta a Chicago con la macchina …”

Una neve pesante era caduta durante la notte e abbiamo vissuto momenti difficili per andare dai nostri quartieri nella sedicesima strada fino a Jackson Park.

Di quasi un centinaio di iscritti, solo sei vetture erano nella griglia di partenza.

Di queste sei, due sono stati i veicoli elettrici iscritti da Morris e Salom di Philadelphia, e di Chicago.

Dei quattro veicoli con motore a benzina, H. Mueller & Go. di Decatur, Illinois, RH Macy & Co. di New York, e il De la Vergne Refrigerating Machine Co. di New York, ciascuno di loro venuti alla partenza con l’importatore tedesco Benz.

La Duryea Motor Wagon della Società è stata l’unica vettura a benzina di fabbricazione americana ad iniziare.

Il via è stato dato alle 8:55 e la Duryea fu la prima auto.

“Con me come arbitro c’era il signor Arthur W. White. La macchina ha fatto un buon percorso nella neve soffice scompattata a Jackson Park, ma quando siamo arrivati alla parte più movimentata della città, la superficie stradale era costituita da solchi e lastre di ghiaccio, sulle quali la vettura sbandava pericolosamente da un lato all’altro.

Mentre ancora eravamo in testa, la ruota anteriore sinistra colpì un solco in un angolo tale che il braccio dello sterzo si ruppe. Questo braccio era stato filettato e avvitato al telaio, ed è stato un problema estrarre la parte rotta del braccio filettato. Quando questo è stato finalmente compiuto, per nostra fortuna, trovammo un negozio di un fabbro dove abbiamo forgiato, filettato e sostituito il braccio”.

Come conseguenza del nostro ritardo, la Macy Benz ci sorpassò e mantenne il vantaggio fino a Evanston, dove abbiamo riguadagnato il primo posto.

Dopo aver fatto il giro a Evanston, esaltati per essere di nuovo in vantaggio, abbiamo iniziato il viaggio di ritorno.

La Duryea Runabout del 1894 con

Non eravamo ancora arrivati a Humboldt Park, quando uno dei due cilindri cessò di funzionare …

Questa riparazione è stata completata in 55 minuti e abbiamo ricominciammo ad andare, sentendo che il Macy Benz doveva essere sicuramente più avanti di noi, ma più tardi abbiamo saputo che il Macy non era andato così lontano.

Si era rotta nella neve di Humboldt e Garfield Park che avevano costretto i motori ad un lavoro pesante, ma questo ci ha anche indicato che tutti i concorrenti erano dietro di noi.

Dopo una sosta per la benzina, e di un’attesa di quattro minuti per un treno ad un passaggio a livello, abbiamo continuato fino al traguardo di Jackson Park, arrivando alle 19:18

Il motore aveva sempre mostrato grande affidabilità, e in nessun momento siamo stati costretti a scendere per spingere.

Dopo aver ricevuto le congratulazioni dal piccolo gruppo che rimase al traguardo, tra i quali c’erano anche gli inviati della Duryea Motor Wagon Company, ho girato la macchina e tornai nei quartieri della sedicesima strada.

La Mueller Benz, l’unica altra macchina che è riuscita a finire, è arrivata al traguardo alle 08:53 guidata dall’arbitro, il signor , dopo che il signor Mueller era crollato dalla stanchezza”.

Le auto elettriche non hanno avuto una grande giornata e si sono ritirate tutte quasi subito…

Le foto della Duryea vincitrice, dotata di motore a scoppio

 

 

 

Le elettriche presenti nella prima corsa automobilistica su strada negli USA

L’ di e

Electrobat stata la prima automobile elettrica di successo mai creata.

L’ingegnere meccanico Henry G. Morris ed il chimico Pedro G. Salom di Philadelphia, Pennsylvania erano responsabili di questa meraviglia di ingegneria.

Pedro J. Salom è stato il presidente del Lead Electrical Reduction Company che è stata costituita nel 1899. Quest’azienda ha fabbricato dei prodotti a sostegno della produzione delle prime batterie.

Salom era un ingegnere elettrochimico.

Con solide conoscenze nel settore delle batteria per automobili, hanno deciso insieme di collaborare e rendere disponibili i veicoli stradali a batteria.

Electrobat era il risultato dei loro sforzi congiunti.

L’auto è stata brevettata il 31 agosto 1894 ed è entrato in produzione nel 1895. E’ stato un veicolo lento, pesante, costruito come una versione più piccola di un auto a batteria.

Il veicolo era davvero una carrozza molto pesante, con pneumatici in acciaio per sostenere il peso immenso causato dall’allora nuova batteria al piombo.

I due uomini hanno poi fondato la Morris e Salom Electric Wagon e Carriage Company – la prima società di auto elettrica negli Stati Uniti d’America.

Il primo giro di prova per questa prima auto elettrica si svolse su Broad Street.

Un permesso speciale è stato richiesto dal Municipio, e un poliziotto ha dovuto viaggiare davanti all’EV, avvisando dell’arrivo a qualsiasi carrozza e per evitare che gli animali avvessero panico.

Con la ricerca e lo sviluppo delle versioni successive, l’Electrobat era più leggeri, più veloce e meno sgraziato.

Avevano pneumatici e sterzo nelle loro ruote posteriori. Le versioni più recenti erano dotate da due propulsori da 1,5 CV (1,1 kW) che percorrevano 25 miglia (40 km) con ogni singola carica alla velocità di 20 mph (32 km/h).

La coppia poi ha ampliato il proprio business ed ha continuato a costruire una dozzina di carrozze a due ruote basate su questo modello.

Questi veicoli erano allora in concorrenza con le carrozze trainate da cavalli, in quei tempi in servizio a Philadelphia, Boston e New York City.

Hanno basato la loro strategia sul modello di stalle che venivano noleggiati con cavalli e carrozze per il viaggio, da giorno in giorno o anche per tutto il mese.

Morris e Salom hanno realizzato 4 tipi di Electrobat. Il primo tipo è stato fatto nel 1894 e pesava £ 4250 (1955 kg) con una batteria da 1600 £ (736 kg) con percorrenza fino a 50 miglia (80 km) alla velocità di fino a 15 mph (24 km/h). Per sostenere il peso, montava pneumatici in acciaio.

Con l’aumento della ricerca, le ulteriori modelli diventarono di gran lunga migliori.

Il secondo modello è stato migliorato e pesava £ 1650 (759 kg) con una batteria 640 £ (294 kg). Il modello aveva due motori da 1 1/2 hp, pneumatici ed un’autonomia fino a 25 miglia per carica (40 km) a 20 mph (32 km/h). La carrozzeria è stata progettata e realizzata presso il Charles S Caffery Carriage Co, dall’altra parte del fiume a Camden, nel New Jersey, (con l’aiuto di cuscinetti e assi di Walter C Baker). La trazione era sulle loro ruote posteriori.

Il quarto prototipo è stato fatto nel tardo 1895 ed è stato ancora più leggero rispetto agli altri. Questo modello è stato il migliore del lotto e pesava 800 £ (368 kg) con una batteria di 350 £ (161 kg) con due motori da 75 libbre (34,5 kg) in grado di raggiugnere la velocità di 15 mph (24 km/h) per 20-25 miglia (32-40 km/h).

L’Electrobat II ha preso la medaglia dai giudici nel primo concorso automobilistica americano, la corsa del Chicago Times-Herald nel 1895.

Due anni più tardi, nel 1897, le sono stati dati il Philadelphia Scott Medal, che era un premio internazionale assegnato a coloro che hanno contribuito alla avanzamento dell’umanità. Electrobat ha fatto la storia e ha contribuito notevolmente alla comprensione dell’uomo di automobili. Era una meraviglia della scienza, ed è stato un passo avanti come nessun altro.

Morris e Salom hanno poi venduto il loro brevetto a Isaac L. Rice di Electric Storage Battery e la società è stata reincorporati come Electric Vehicle Company.

Le foto della vettura elettrica Electrobat

 

 

La elettrica quattro posti del 1890

1890 Morrison Sturgis Electric Four Passenger Automobile

Nel 1891 William Morrison (già produttore di automobili elettriche) firmò un contratto con la Battery Company americana gestito da Harold Sturgis per produrre e promuovere la batteria Morrison.

Sturgis ha avuto una delle auto elettriche Morrison e per dimostrare l’affidabilità del veicolo e degli accumulatori. Nel 1893, espose la sua Sturgis Morrison alla Fiera Mondiale colombiana di Chicago.

Due anni dopo iscrisse la Sturgis Morrison modificata nella prima gara automobilistica di Chicago.

 

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Charles B. King charles duryea chicago chicago times herald duryea Electrobat evanston frank duryea henry Morris morrison sturgis Mueller Benz pedro salom sturgis

Lascia una risposta

 
Pinterest