Il bus ibrido Volkswagen che non è mai esistito

Il bus ibrido Volkswagen che non è mai esistito

29 mar, 2015

Il prototipo del Microbus del 1977

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

27 Marzo 2015. Non c’è davvero niente di nuovo sotto il sole, come si suol dire.

Ora, un bus da quasi 40 anni fa, è emerso a dimostrare il punto della situazione.

Mentre le auto ibride sono emerse solo come una pratica alternativa ai veicoli a combustione interna nel corso degli ultimi 15 anni, questo recente successo è stato preceduto da decenni di sperimentazione.

La storia è piena di tentativi oscuri di migliorare l’efficacia sia da inventori intraprendenti che da case automobilistiche.

Sfogliando un libro del 1979 intitolato “Il Libro completo dei veicoli elettrici”, oltre a Jalopnik (via Charged EV) è inciampato su un microbus ibrido sperimentale di taxi Volkswagen.

Nonostante il titolo autorevole. il libro non include l’anno in cui questo ibrido preistorico è stato costruito, ma un sito di fan del microbus tedesco segnala come il 1977.

L’ibrido è stato dotato di un motore quattro cilindri boxer raffreddato ad aria montato sul posteriore proprio come un normale Microbus, spostando da 1,6 litri di cilindrata e potenza di 50 cavalli.

Tuttavia, il motore utilizzato era apparentemente una versione di tipo I del Maggiolino, non quel tipo IV un po’ diverso che tipicamente equipaggiava il Microbus.

Il motore è accoppiato ad un motore elettrico Bosch, alimentato da 11 accumulatori che permettono la trazione solo elettrica.

Il consumo di carburante è stato stimato a 20 mpg secondo gli standard del tempo, e questo è probabilmente il dato più impressionante di questo veicolo.

La sua performance è stata molto meno impressionante; ci sono voluti 30 secondi per raggiungere le 60 mph (97 km/h), raggiungendo la velocità massima di 65 mph (105 km/h).

Questo potrebbe essere il motivo delle altre modifiche apportate da Volkswagen.

Per preparare il Microbus per servizio taxi, VW aggiunto una porta scorrevole elettrica latterale, ed una paratia divisoria tra il conducente e l’abitacolo.

Volkswagen Microbus ha immaginato l’ibrido come un modo efficace per spostare le persone intorno alle città, anche se non è chiaro se abbia avuto mai la possibilità di farlo veramente.

Non ci sono dettagli sulla storia operativa del ibrido, e non è nemmeno conosciuto il suo eventuale destino.

Alla fine, sia la Toyota Prius che la Honda Insight ibride sono state usate con batterie al nichel-metallo idruro ad alta densità energetica, invece di batterie al piombo-acido dal ibrido VW.

Eppure, è interessante riflettere su cosa sarebbe successo se i propulsori ibridi avessero raggiunto la produzione circa due decenni prima chel’Honda Insight e la Toyota Prius arrivassero sulla scena.

 

.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Jason Torchinsky volkswagen

Lascia una risposta

 
Pinterest