Auto elettriche degli anni ’50

1956-vectress-fiberglass-bodied-sports-car

17 apr, 2012

Le auto elettriche del 1950 sparite: pioniere con batterie Nic-L-Silver.

By John Voelcker
Fonte: GreenCarReports – via Sports Car Illustrated, Gennaio 1960, p. 32

13 aprile, 2012. George Lippincott è stato il fondatore e presidente della Nic-L-Silver Battery Company, Santa Ana, California, che ha reso popolare una linea di batterie per auto americane nel 1950.
Ispirato dalle auto sportive con carrozzeria in fibra di vetro che a quel tempo erano in fase di sviluppo nel sud della California, egli prese in considerazione la costruzione di una propria linea di veicoli alimentati a batteria. Lippincott sperava di arrivare a costruire 10 auto al giorno e di rivolgersi ad un mercato costituito innanzi tutto dalle società elettriche e dalle autorità postali.

Nel 1958 riunì un team di ingegneri e designer – tra cui Frank Kurtis, costruttore di auto Indy – per progettare e realizzare il telaio in fibra di vetro e chiese agli esperti della Victress, produttori della sport-car Californiana, di occuparsi dello stile del corpo e di assemblare la macchina.

Il prototipo a due posti è stato realizzato in fibra di vetro laminato (con un hardtop estraibile) montati su un telaio progettato da Kurtis box con barra di sospensione a torsione completa.
Dietro i sedili c’erano 12 batterie Nic-L-Silver piombo-acido da a 4 volt, collegate in serie, ciascuna con due celle e una capacità di otto ore a 235 Ampere-ora. Il caricabatterie era incluso nella struttura.

L’auto aveva due motori elettrici e una vasta autonomia dichiarato da 100 a 150 miglia, a seconda di come il veicolo veniva guidato. La velocità massima era di 50 mph.
Il prezzo era stato fissato a poco meno di 2000 $ e il costo di sostituzione della batteria era stato stimato a circa 300 $.
La vettura è stata presentata alla Fiera Pomona nel 1959, ma solo il prototipo fu costruito prima che il progetto venisse abbandonato.

Il prototipo Pioneer non è più stato visto da allora.

L’autore dell’articolo Rick Feibusch è un giornalista automobilistico, storico ed estimatore delle auto classiche; vive in Venice, California. E’ stato attivo nel settore auto e nell’hobby delle auto d’epoca per più di 50 anni. Ha fatto di tutto dallo scrivere ed editare per siti web e riviste, organizzare raduni importanti e promozione di eventi auto di grandi dimensioni per il ripristino e la raccolta di auto d’epoca. Ha anche venduto Toyota quando erano una novità per l’America. Oggi fa principalmente valutazioni d’antiquariato, auto d’epoca e sportive, nonché hot rod e moto.

Feibusch ha scoperto questa vettura mentre faceva una ricerca sulle macchine sportive in fibra di vetro fatte in casa e in pochi esemplari da piccole aziende costruite subito dopo la seconda guerra mondiale. Sono quasi del tutto scomparse dopo l’arrivo delle auto sportive di importazione, diventate ampiamente disponibili alla fine del 1950. La fibra di vetro è stata considerata un materiale meraviglioso, ma non era ancora pienamente sviluppata in quel momento. Verso la metà degli anni Cinquanta, sia GM che Kaiser stavano producendo auto sportive in fibra di vetro, ma la maggior parte è rimasta una tantum poiché erano troppo costose da produrre commercialmente.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: anni '50

Lascia una risposta

 
Pinterest