Affermazioni storiche… ancora vere

Affermazioni storiche… ancora vere

11 giu, 2012

Le auto elettriche non arriveranno; sono già qui (nel 1974 …)

di Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

9 giugno 2012. Abbiamo tutti sentito le storie su come le auto elettriche avrebbero preso il posto dei motori a combustione interna alla fine del secolo scorso, e la storia l’abbiamo anche sentita almeno una volta negli ultimi quattro decenni.

Ora sono davvero qui e il fatto che molti grandi produttori stanno investendo pesantemente nella tecnologia, suggerisce che sono qui per rimanere.

Tuttavia, è ancora interessante rivisitare alcune delle affermazioni fatte negli anni precedenti, come quelle fatte dal direttore di nel 1974.

L’anno 1974 si è trovato nel bel mezzo della crisi energetica, e l’America si è unita al resto del mondo rimescolando freneticamente le carte per promuovere le vetture più efficienti, dal momento in cui i prezzi del combustibile era salito alle stelle.

E ‘stato un decennio in cui la Honda Civic e la Volkswagen Rabbit hanno si sono fatti un nome, e anche quando l’ultima ondata pesante di veicoli elettrici ha cominciato a circolare sulle strade.

“La migliore disponibile raramente può andare oltre 100 miglia a 50 miglia all’ora”, ha scritto , Editor di Industry Week quell’anno. A questo proposito, i tempi sono cambiati poco. Molte le auto elettriche lanciate sul mercato attualmente ancora hanno autonomia di 100 miglia, a condizione che si circoli a velocità moderata. Tuttavia, le moderne auto elettriche possono portare più peso ed offrire maggiori prestazioni, proprio come le moderne vetture con motore a combustione.

“Inoltre”, ha scritto Overbeke, “hanno bisogno di 5 – a 7 ore per la ricarica”. Ancora una volta, poco è cambiato, anche se le reti di ricarica delle auto elettriche da 220-240V stanno accorciando i tempi di ricarica, ed i caricabatterie veloci diminuiscono ancora il tempo necessario per il pieno di energia.

L’affermazione di Overbeke secondo la quale la maggior parte della ricarica viene effettuata durante la notte si dimostra ancora vero; è ancora il momento migliore per le aziende energetiche per alimentarle, quando la domanda è bassa, ed è anche più conveniente per gli utenti di EV.

A quel tempo, molti affermavano che “le batterie ad alta densità di energia sono proprio dietro l’angolo” – un’altra affermazione che risuona ancora vera, se la tecnologia si è certamente mossa, e ora stiamo usando più spesso gli accumulatori agli ioni di litio, ad alta densità energetica, di più lunga durata e più compatte, rispetto alle batterie al piombo che prevalevano negli anni ’70.

La profezia finale? “Certo, la voce glamour reale è l’automobile urbana elettrica da città”.

Beh, forse non ci piace dire che sono glamour ora, ma in ambito urbano i veicoli elettrici possono svolgere ancora un ruolo importante nel portare la tecnologia ad un vero uso tradizionale. Overbeke osserva che i furgoni, gli autobus, i taxi e analogamente i veicoli da città possono essere idonei a ricevere la trazione elettrica.

Senza grandi modifiche per le infratrutture di ricaric, le auto più grandi hanno il sistema di carica veloce e autonomia che può essere più conveniente, dovrebbero costare di meno il che significa avere un pubblico maggiore.

Sia che il pubblico sia negli Stati Uniti o non è aperto al dibattito, ma in Europa l’auto elettrica urbana è in grado di decollare in grande stile – a partire dalla Renault Twizy, con veicoli come Opel RAK-e, Volkswagen Nils e Audi Urban Concept che potenzialmente potrebbero essere presto sulla strada.

Potete leggere l’articolo originale del 1974 di Overbeke cliccando nella riga seguente (PDF in lingua inglese).

Electric-Vehicle-Industry-Sounds-a-Charge

Si tratta di un affascinante spaccato del settore di quasi 40 anni fa – ed è altrettanto interessante far parte del movimento dell’industria moderna verso i veicoli elettrici.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Industry Week James Overbeke

Lascia una risposta

 
Pinterest