Tata Emo concept elettrica

Tata Emo concept elettrica

7 gen, 2012

Concept elettrica: è davvero così deprimente?

Da Nikki Gordon-Bloomfield

Fonte: GreenCarReports

6 gennaio 2012. Se hai una certa età, la parola Emo evoca immagini di broncio, di adolescenti depressi con capelli corvini che metaforicamente annegano in un mondo di dolore, poesia complessa e oscura, musica emozionale.

Così si può capire il nostro divertimento quando il colosso automobilistico indiano Tata ha deciso di nominare il suo concept elettrico più recente Tata Emo.

Sì, la maledizione dei nomi delle auto elettriche che significano anche qualcosa di completamente diverso ha colpito ancora.

Dovrebbe essere presentata ufficialmente la prossima settimana al Salone di 2012, l’Emo è quasi l’antitesi al gruppo di adolescenti depressi che condividono il suo nome.

Guardandola bene potrebbe essere la versione futuristica della popolare microcar Tata Nano, l’Emo è stata costruita per superare i difficili requisiti federali di sicurezza.

Con una linea alta ma stretta, tetto interamente in vetro, posti a sedere per quattro persone e porte posteriori che ricordano quelle della Mazda RX-8, l’Emo sembra ancora meglio di quanto non sia la Tata Nano.

Nonostante le somiglianze di aspetto e dimensionim Tata ci tiene a sottolineare che non c’è alcuna relazione meccanica tra l’Emo e la Nano.

Tuttavia quando si tratta di vedere l’interno, le due auto sono più simili di quanto si possa sperare.

Non ci sono sedili in pelle, comandi bi-zona, clima e sistemi di intrattenimento di fantasia. Come una sorta di auto da corsa perverso, ogni lusso è stato scarificato nella ricerca del risparmio di peso.

Ma le competizioni automobilistiche sono una corsa che non potrai mai vedere fare alla Tata Emo. Un non specificato tipo di batteria e motore elettrico fornisce l’Emo un’autonomia di circa 100 chilometri, mentre la velocità massima è limitata a solo 65 mph.

Il risparmio di peso continua con i pannelli interni della Emo. Mentre il telaio è costituito da una struttura in acciaio tradizionale, i pannelli esterni della carrozzeria sono realizzati in un polimero stampato che non richiedono la pittura. Naturalmente, anche questi pesano meno rispetto ai pannelli tradizionali in metallo.

In definitiva, questi risparmi di peso portano a troppi risparmi finanziari, e mentre Tata non ha intenzione di lanciare Emo come una macchina di produzione. le indicazioni segnalano che Emo potrebbe essere venduta a meno di 20.000 dollari.

Amiamo l’idea di una city car elettrica che sia divertente, leggera e che consenta di risparmiare denaro, ma la Tata Emo non lo è.

Sacrificare un portello posteriore per questioni di resistenza strutturale costringendo i conducenti a usare i sedili posteriori come una superficie di carico, colloca Emo in una posizione mediocre e compromessa … e com queste caratteristiche di Emo ci si sente un po ‘… depressi.

Come pensiero finale, dopo tutto forse Emo è il nome perfetto.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: detroit naias north american international auto show salone detroit tata emo

Lascia una risposta

 
Pinterest