Successo del robot elettrico Starship al Washington DC Auto Show

Successo del robot elettrico Starship al Washington DC Auto Show

5 feb, 2017

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

30 Gennaio 2017. Cosa fareste se una piccola scatola su ruote che arriva all’altezza del ginocchio con una bandiera topping per segnalare la sua antenna alta ronza verso di voi elettricamente su un marciapiede a 4 miglia all’ora?

Si scopre che tre quarti dei pedoni di diverse città che hanno visto uno non si è fermata o addirittura la fissano e la evitato per poi continuare per la loro strada.

Quella scatola è un robot elettrico da consegna sul marciapiede e la società britannica ora dispone di 75 a 80 di loro che sono in collaudo in 59 città in 16 paesi, tra cui gli Stati Uniti.

Una dimostrazione delle caselle di consegna robot è stato un successo inaspettato la scorsa settimana nei giorni della stampa del e uno dei pochi racconti degni di nota da quell’evento.

Presentata come “The Policy Show “, nella maggior parte delle volte, i giorni della stampa di solito offrono annunci da agenzie governative, organizzazioni non profit, e le case automobilistiche con le nuove iniziative e/o aspetti normativi.

Quest’anno, lo spettacolo era vicino a un deserto arido per quanto è riguardato la politica. Praticamente nessun oratore voleva andare a verbale dicendo nulla di nuovo sulla politica, e la maggior parte ha solo ribadito documenti o dichiarazioni rilasciate in precedenza.

Così la veloce presentazione del manager di Marketing e Comunicazione di Starship, , ha attirato una folla di giornalisti e forse più domande di qualsiasi altro evento di stampa.

Harris-Burland si trovava nel mezzo di una zona in cui una coppia di robot da marciapiede sfrecciava attorno, avviandosi, fermandosi e girando senza scontrarsi con lui, con gli ostacoli e nemmeno con gli spettatori.

Essi sono, ha detto, il 99 per cento autonomi.

Ma per situazioni non familiari o complesse, tra cui il momento dell’attraversano delle strade, chiedono l’aiuto di un operatore umano in una struttura centralizzata che ha accesso ai quattro sensori del robot e le nove telecamere, e può dirigerla per indicare cosa fare.

Questo modello è simile a quelli delle diverse case automobilistiche, tra cui Audi, che prevarrebbe su come saranno i primi veicoli a guida autonoma.

I robot a sei ruote possono trasportare fino a 10 kg (22 libbre) di carico, pari a tre o quattro sacchetti pieni, e l’autonomia della batteria è di circa 4 miglia (6 km), o due ore.

I tre usi principali dovrebbero essere le consegne di generi alimentari, cibi preparati e pacchi in generale.

La distribuzione attraverso dei robot elettrici di consegna da marciapiede compie diversi obiettivi: dalle piccole imprese locali fino alla rapidità delle consegna offerte dai concorrenti più grandi.

Taglia la congestione del traffico, eliminando i veicoli di consegna molto più grandi dalle strade e riduce le emissioni perché la stragrande maggioranza di tali veicoli oggi sono diesel.

Harris-Burland ha ottenuto una risata dalla folla quando ha suggerito che la società era davvero “molto offesa”, quando si è scoperto che i pedoni in gran parte ignorato i robot.

Sono progettati per resistere a atti di vandalismo, con un blocco sul vano di carico che può essere rilasciato solo da parte dell’acquirente (attraverso un app da smartphone) e gli allarmi che si inseriscono se il robot viene sollevato da terra.

E’ stato testato sotto “piogge torrenziali” e fino a 2 pollici di neve, che grazie ai suoi pneumatici ricostruiti pesantemente può attraversare, ha detto, notando che forse potrebbe essere dotato di uno spazzaneve.

Il suo sensore GPS consente la società di rintracciare la posizione del robot con scarto dei pollici, ha detto Harris-Burland.

Starship vorrebbe in ultima analisi “offrire i nostri servizi a tutte le imprese locali negli Stati Uniti”, ha detto, con l’obiettivo di fornitura on-demand ad un costo di 1 dollaro.

Se l’acquirente o l’azienda paga e quanto spetterebbe a Starship, dipenderà dagli accordi commerciali con gli utenti, ha suggerito.

I test in diverse città sono ancora un programma pilota, ha detto, e Starship non offre ancora i robot da consegna come un servizio commerciale.

Sono già in fase di test da parte del servizio postale svizzero per la posta speciale e la consegna rapida dei pacchi.

In Washington, i robot elettrici da consegna Starship saranno testati dal servizio di consegna Postmates on-demand.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Henry Harris-Burland starship technologies washington auto show

Lascia una risposta

 
Pinterest