Shell svela concept car energeticamente ultra efficiente

Shell svela concept car energeticamente ultra efficiente

8 mag, 2016

Fonte: Royal Dutch Shell

 

L’Aia. Paesi Bassi. 22 aprile 2016. Shell ha presentato una concept di city car che, se un giorno andrà in produzione, potrebbe produrre delle riduzioni dei materiali in uso e dell’energia nel settore dei trasporti su strada.

La vettura a tre posti è la prova tangibile del miglioramento dell’efficienza energetica che può essere raggiunto utilizzando delle tecnologia all’avanguardia oggi disponibili attraverso un processo di “co-engineering” per cui carrozzeria, progettazione del motore e lubrificanti sono tutti creati insieme.

Test indipendenti e un rigoroso studio del ciclo di vita mostra che il Concept Car della Shell avrebbe raggiunto una riduzione del 34% nel consumo di energia primaria nel corso dell’intero ciclo di vita rispetto ad una macchina tipica da città disponibili nel Regno Unito.

La avrebbe usato circa la metà dell’energia necessaria per la costruzione e la gestione di una tipica piccola vettura familiare disponibile nel Regno Unito e il 69% inferiore a quella di un tipico veicolo sport utility disponibili nel Regno Unito.

La Shell Concept Car è un ripensamento totale della citycar T.25 design prodotto nel 2010 per i quali la Shell ha prodotto un olio prototipo per migliorare l’efficienza energetica del veicolo. La nuova macchina è il risultato di una collaborazione di coengineering tra I progettist leader del mondo del veicolo, del motore e dei lubrificanti, con ciascuno dei tre elementi del veicolo sviluppato su misura per funzionare in modo ottimale l’uno con l’altro.

Ci vuole una visione olistica sulla riduzione del consumo energetico concentrandosi sulla progettazione a partire dalla selezione dei materiali; la riduzione della domanda di energia tramite il ridimensionamento aggressivo, semplificando e  migliorando l’efficienza della fornitura di energia attraverso il design innovativo del motore e la formulazione del lubrificante per minimizzare l’impatto in termini di utilizzo complessivo del ciclo di vita di energia.

Il consumo di benzina della vettura è stato misurato utilizzando una serie di protocolli di controllo tecnico dei veicoli che coprono sia lo stato stazionario che gli stili di guida urbana. I risultati dei test di esempio includono un consumo di stato stazionario di 107 miglia per gallone [2.64 litri per 100 km] [38 km/Litro] [89,1 miglia per gallone US] a 70 km/h / 45 mph e un miglioramento di 4.67g CO2/km sul Nuovo ciclo di guida europeo (NEDC) dall’uso di lubrificanti su misura, equivalenti a un miglioramento del 5% nel rendimento del carburante rispetto ai lubrificanti standard disponibili nel Regno Unito.

, che ha sostenuto il progetto, ha detto:

“Questa è una pietra miliare significativa dell’ingegneria automobilistica. Sono molto orgoglioso di ciò che gli scienziati della Shell ed i loro partner e Gordon Murray Design hanno raggiunto. Le conoscenze acquisite da questo progetto potrebbero essere di trasformazione in termini di come affrontiamo il consumo di energia nel settore dei trasporti su strada. Il consumo di energia e il cambiamento climatico sono questioni importanti per la società. Questo progetto dimostra che se usiamo il meglio della tecnologia di oggi, compreso il taglio dei lubrificanti, si potrebbe potenzialmente avere un impatto importante sul consumo di energia e ridurre le emissioni di CO2. Il miglioramento dell’economia derivante dalla progettazione collaborativa di motore e lubrificanti è impressionante e mette in evidenza gli enormi benefici ottenuti dagli stretti rapporti tra i partner del progetto. Essa mostra anche il ruolo potente che i lubrificanti possono potenzialmente svolgere per aiutare a raggiungere gli obiettivi di riduzione di CO2″.

La Shell Concept Car è stata testata in modo indipendente in un impianto di prova automobilistico certificato in Gran Bretagna, accanto ad una serie di altre vetture in condizioni comparabili per misurare le emissioni di risparmio di carburante e di CO2.

Nel test formale NEDC la Shell Concept Car ha prodotto emissioni di CO2 inferiori rispetto sia ad una tipica auto a benzina da città (28%) che ad una vettura ibrida (32%).

Shell è disponibile in tutti i fluidi per l’auto, intende ‘progettare’ specialmente l’olio del motore per integrare e migliorare l’efficienza complessiva del veicolo, principalmente minimizzando l’attrito.

Il team tecnologico lubrificanti Shell ha creato l’olio motore su misura, in base al suo prodotto premium con .

Parallelamente, il gruppo motore guru e Geo Technology ottimizzato è un motore a benzina tre cilindri riprogettato ed ottimizzato per diminuire l’attrito di molti dei componenti interni del motore. Sulla parte fredda del NEDC, questi fluidi riducono le emissioni di CO2 del 7,1% e nel ciclo combinato del 5,0%, rispetto ai lubrificanti standard disponibili nel Regno Unito, evidenziando ancora una volta il valore della co-progettazione del motore e dei fluidi.

Costruito intorno alla piattaforma iStream® brevettata da Gordon Murray Design, la Shell Concept Car rappresenta un radicale ripensamento sul modo in cui le automobili vengono progettate, sviluppate e prodotte. Esso combina tecnologia leggera d’avanguardia – la vettura pesa solo 550 kg – ed è costruita con materiali scelti con cura, che hanno un basso impatto energetico e di CO2. Le esperienze di Gordon Murray in Formula Uno sono state utilizzate per sviluppare la vettura, in particolare la sua resistenza agli urti e la leggerezza. Un certo numero di componenti della macchina sono stati creati mediante la stampa 3D per accelerare la costruzione di questo veicolo prototipo.

La vettura utilizza anche la fibra di carbonio riciclata per la sua carrozzeria che può essere montata per un quarto del prezzo di una macchina convenzionale in acciaio e quasi l’intera macchina può essere riciclata alla fine della sua vita. La vettura si avvale di una versione modificata dell’App Shell Unit tramite uno smartphone. Questa applicazione fornisce al guidatore un feedback in tempo reale tramite un grafico sullo schermo in cui si sottolinea il fatto che il consumo di carburante dipende in larga misura del comportamento del conducente.

Dal punto di vista dello stile, la Shell Concept Car offre una nuova interpretazione del veicolo ‘alto e stretto’ che permette guardare da una posizione più alta fino al fattore divertimento con la sua posizione di guida centrale sportiva e due sedili per i passeggeri dietro. Il design produce una disposizione dei posti a sedere estremamente particolare consentendo di ospitare tre persone, nonostante le minute dimensioni esterne della vettura e gli dà un diametro di sterzata inferiore a quella di un taxi di Londra, che lo rende ideale per la guida in città.

Il Dr. , Vice Presidente, del gruppo di ricerca lubrificante Shell ha dichiarato:

“La nostra macchina può essere piccola, ma è ricca di potenzialità. Vogliamo accelerare la conversazione su come rendere i veicoli stradali più efficienti e meno inquinante di carbonio. Nelle prossime settimane e mesi, non vediamo l’ora di condividere le nostre intuizioni di ricerca di questo progetto con i progettisti di motori, i produttori di automobili, gli accademici ed altri esperti di tutto il settore automobilistico.”

 

In English

Shell unveils ultra energy efficient concept car

Source: Royal Dutch Shell

The Hague. Nederland. 22 April 2016. Shell has today (22 April 2016) unveiled a concept city car which, if it were ever to go into production, could deliver material reductions in energy use in the road transport sector. The three seater car is tangible proof of energy efficiency improvements that can be achieved by using cutting edge technology available today through a process of “co-engineering” whereby vehicle body, engine design and lubricants are all created together.

Independent testing and a rigorous life-cycle study shows that Shell’s Concept Car would deliver a 34% reduction in primary energy use over its entire lifecycle when compared to a typical city car available in the UK.

The Shell Concept Car would use around half the energy required to build and run than a typical small family car available in the UK and 69% less than that of a typical sports utility vehicle available in the UK.

The Shell Concept Car is a total rethink of the Gordon Murray Design T.25 city car produced in 2010 for which Shell produced a prototype oil to improve the vehicle’s energy efficiency. The new car is the result of a coengineering collaboration between world leading vehicle, engine and lubricant designers, with each of the three elements of the vehicle tailored to work optimally with each other. It takes a holistic view on energy reduction focusing on design material selection; reduced energy demand via aggressive downsizing, and streamlining while enhancing the efficiency of energy delivery through innovative engine design and lubricant formulation to minimise the impact in terms of overall energy lifecycle use.

The car’s gasoline consumption has been measured using a range of vehicle testing protocols covering both steady state and urban driving styles. Sample test results include a steady state consumption of 107 miles per gallon [2.64Litres per 100km] [38km/Litres] [89.1 miles per gallon US] at 70kmph/45mph and an improvement of 4.67g CO2/km on the New European Driving Cycle (NEDC) from the use of bespoke lubricants, equivalent to a 5% improvement in fuel efficiency compared to standard lubricants available in the UK.

Mark Gainsborough, Executive Vice-President of Shell’s global lubricants businesses which backed the project said, “This is a significant automobile engineering milestone. I’m very proud of what Shell’s scientists and their partners at Geo Technology and Gordon Murray Design have achieved. Insights gained from this project could be transformational in terms of how we address energy use in the road transport sector. Energy use and climate change are major issues for society. This project shows that if we use the best of today’s technology, including cutting edge lubricants science, we could potentially have a major impact on energy use and reduce CO2 emissions. The improvement in economy derived from the collaborative design of engine and lubricant is impressive and highlights the enormous benefits achieved from close relationships between design partners. It also shows the powerful role that lubricants can potentially play in helping achieve CO2 reduction targets.”

The Shell Concept Car was independently tested at a UK certified automotive testing facility alongside a range of other cars under comparable conditions to measure fuel economy and CO2 emissions. In the formal NEDC test the Shell Concept Car produced lower CO2 emissions than both a typical petrol-powered city car (28%) and a hybrid car (32%).

Shell provided all the fluids for the car, specially ‘designing’ the motor oil to complement and enhance the overall efficiency of the vehicle, principally by minimising friction. Shell’s Lubricants technology team created bespoke engine oil, based on its premium product Shell Helix Ultra with PurePlus Technology. In parallel, engine guru Osamu Goto’s group at Geo Technology optimised the three cylinder petrol engine by re-designing and optimising many of the internal engine components associated with friction. On the cold portion of the NEDC, these fluids reduced CO2 emissions by 7.1% and on the combined cycle by 5.0%, compared to standard lubricants available in the UK, again highlighting the value of co-designing engine and fluids.

Built around Gordon Murray Design’s patented iStream® platform, the Shell Concept Car represents a radical rethink on the way in which cars are designed, developed and produced. It combines cutting-edge lightweight technology – the car weighs just 550kg – and is built using carefully chosen materials which have a low energy and CO2 footprint. Gordon Murray’s experiences in Formula One™ racing have been used to develop the car, particularly its crashworthiness and lightness. A number of the car’s components were created using 3D printing to accelerate the construction of this prototype vehicle. The car also uses recycled carbon fibre for its body that can be assembled for a quarter of the price of a conventional steel car and almost the entire car can be recycled at the end of its life. The car makes use of a modified version of Shell’s Drive App via a smartphone. This App provides the driver with real time feedback via an on-screen graphic which emphasizes the fact that fuel consumption is highly dependent on driver’s behaviour.

From a styling perspective, the Shell Concept Car offers a new take on the ‘tall and narrow’ look, and dials up the fun factor with its sporty central driving position and two passenger seats behind. The design produces an extremely novel seating arrangement allowing three people to be carried despite the car’s diminutive exterior dimensions and gives it a turning circle smaller than that of a London taxi, making it ideal for urban driving.

Dr. Andrew Hepher, Vice President, of Shell’s lubricant research team said: “Our car may be small, but it’s packed with potential. We want to accelerate the conversation about how we make road vehicles more energy efficient and less carbon-intensive. In the coming weeks and months, we look forward to sharing our research insights from this project with engine designers, car manufacturers, academics and other experts across the automotive sector.”

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Andrew Efer Geo Technology gordon murray Mark Gainsborough Osamu Goto PurePlus Technology shell concept car Shell Helix Ultra Vice Presidente Esecutivo di Shell global lubricants businesses Vice Presidente gruppo di ricerca lubrificante Shell

Lascia una risposta

 
Pinterest