Rimac Concept_One contro Tesla P90D e Ferrari LaFerrari

Rimac Concept_One contro Tesla P90D e Ferrari LaFerrari

25 ago, 2016

Il pilota britannico voleva scoprire per davvero quanto veloce fosse la e così è venuto in Croazia ed ha portato con sé una Tesla P90D con la modalità Ludicrous e l’ultima Ferrari da strada, la Ferrari .

di

Fonte: Rimac Automobili

 

Sono sicuro che il video avrà un impatto importante e che la gente vorrà sapere di più, così ho deciso di dare un po’ di informazioni di base sulla gara:

Quando abbiamo concepito il Concept_One, la nostra idea non è mai stata “solo” per fare una versione elettrica di una supercar. L’idea è sempre stata quelle che un propulsore elettrico offre nuove opportunità per rendere più emozionante e controllabile una supercar, e in ultima analisi – più veloce.

Il pilota britannico Archie Hamilton voleva scoprire quanto veloce fosse la Concept_One per davvero e così è venuto in Croazia ed ha portato con sé una Tesla P90D Tesla con la modalità Ludicrous e l’ultima Ferrari stradale – la Ferrari LaFerrari.

Mentre le altre auto elettriche hanno una grande prestazione in partenza, perdono rapidamente il loro vantaggio all’aumentare della velocità. Inoltre, la maggior parte delle altre auto elettriche tendono a surriscaldarsi dopo un paio di impegnative corse di accelerazione. Abbiamo tre “armi segrete” per combattere i talloni d’Achille ‘delle auto elettriche, quando si tratta di prestazioni. Detto tra di noi, io vi sussurro un po’ di questi segreti:

1. Tonnellate di potenza e di coppia

Con quattro motori di coppia massima di 1.600 Nm a velocità quasi 0 e ben oltre 1.000 CV di potenza, la Concept_One ha abbastanza coppia e potenza per mantenere i suoi pneumatici occupati anche alle alte velocità.

2. Raffreddamento

La Concept_One ha sette sistemi di raffreddamento indipendenti e diversi sotto sistemi più piccoli. Abbiamo lavorato duramente per massimizzare le prestazioni per l’uso in pista e non solo per alcune corse di accelerazione.

3. Cambio

Ciascuno dei quattro motori è collegato ad un cambio indipendente. Mentre i motori anteriori hanno riduttori di singolo rapporto, ogni motore posteriore ha il suo cambio a doppia frizione in carbonio a due velocità. Questo ci aiuta ad avere grande accelerazione e anche di raggiungere una velocità molto elevata in alto. Soprattutto, permette la Concept_One di accelerare molto rapidamente anche ad alte velocità.

In primo luogo, Archie ha schierato- la Concept_One contro una Tesla P90D Tesla con modalità Ludicrous – la berlina con accelerazione più veloce al mondo che ha dimostrato che le auto elettriche possono anche dare un calcio nel sedere ai grandi del settore. Essendo una berlina familiare con molto spazio e in una completamente diversa categoria di prezzo, questo confronto non è davvero giusto. Ma in termini di prestazioni, la Tesla è l’auto che più si avvicina alla Concept_One nel mondo dell’auto elettrica. Si tratta di una macchina impressionante e si comporta molto bene a basse velocità. Su un’accelerazione completa di un ¼ di miglio, la differenza tra la Tesla e la Concept_One è abbastanza grande.

Fortunatamente, Archie ha portato un’altra grande macchina in pista. La Ferrari LaFerrari. Essendo una ibrida, la Ferrari LaFerrari sfrutta i vantaggi dei motori elettrici per integrare il V12 aspirato. Sapevamo che la Concept_One fosse veloce, ma averla in partenza contro la potente Ferrari LaFerrari mi ha fatto diventare “un po’ nervoso”. Io davvero non sapevo cosa aspettarmi. Prima Archie ha avuto l’opportunità di testare la Concept_One e ha detto:

«Se dovessi mettere i miei soldi su qualcosa, la Ferrari LaFerrari deve vincere. Sicuramente”.

Naturalmente – come potrebbe una macchina costruita da una piccola società croata, realizzata in un paese che non ha mai avuto un’industria automobilistica, con un finanziamento estremamente limitato e, peggio di tutto, senza un motore a combustione interna, battere la cosa migliore su quattro ruote omologate per la circolazione stradale che sia mai uscito da Maranello? Beh, a quanto pare, si può.

Con la Ferrari LaFerrari, Archie in realtà ha fatto tre giri di pista – due dei quali sono nel video. Nella seconda manche (che non è nel video), la Ferrari LaFerrari è andata in stallo durante la partenza in modo che Archie ha deciso di alzare il piede, considerando che la differenza era semplicemente troppo grande. La storia di fondo è piuttosto illustrativa di alcuni dei vantaggi delle auto elettriche. La Concept_One non ha alcuna modalità speciale per la massima accelerazione. Ha solo bisogno di essere in modalità Race ed in prima marcia. Il conducente deve solo accelerare ed il controllo della trazione ed il Torque Vectoring faranno del loro meglio per tradurre il maggior numero di elettroni liberi il più possibile in accelerazione pura. La modalità corsa è personalizzabile come qualsiasi altro modo attraverso il sistema di infotainment della Concept_One e può essere utilizzata anche per ogni giorno di guida. L’unico parametro rilevante per l’accelerazione è che in questo modo, la coppia massima su tutti quattro i motori è abilitata. Nient’altro è stato appositamente ottimizzato per le corse di massima accelerazione.

La maggior parte delle supercar convenzionali hanno modalità di accelerazione speciali, chiamate “Launch Control”. Queste modalità fanno un bel po’ di cose – portano il regime del motore a combustione al numero di giri giusti e lo mantengono prima di innestare la frizione, che significa cambiare marcia al momento giusto e controllano lo slittamento delle ruote ecc. Purtroppo, anche con un pilota abile ed il dovuto allenamento, in realtà non funziona ogni volta.

Chiunque può fare un lancio perfetto in una Concept_One o in una Tesla. Basta che l’auto sia sul pavimento. La vettura farà il resto. Ogni volta. Con le auto convenzionali, in realtà non funziona così. Ci vogliono diversi tentativi per fare una partenza giusta.

La pista è stata prenotata solo per la mattina ed i tempi sono stati registrati tra le 5 e le 6. Le condizioni non sono stati ottimali perchè la pista era piuttosto fredda e dovuto a che la pista non veniva utilizzata per un lungo periodo di tempo, la superficie era in cattive condizioni e piuttosto sporca. Ancora, la Concept_One ha raggiunto in 2,69 secondi i 100 km/h ed in 9,92 secondi il quarto di miglio. Rispetto alle prove del mondo reale della “Santa Trinità” (Ferrari LaFerrari, Porsche 918 e McLaren P1), sembra abbastanza competitivo.

Il dato è molto interessante in modo che quando avrò un po’di tempo, farò un’analisi dettagliata delle piste delle accelerazioni e la velocità finale, il G-Force, la potenza e gli schemi di consumo di energia per altri fan degli EV. Eppure, c’è ancora molto spazio per ulteriori miglioramenti.

La Concept_One particolare nel video è una macchina di un cliente che è stata consegnata negli Stati Uniti dopo che il video è stato registrato. Ciò non significa che abbiamo smesso di migliorare la Concept_One. Come si può immaginare, ha molta elettronica e software che possono essere aggiornati in modalità wireless anche quando l’auto è nelle mani del cliente in un altro continente.

Alcune delle cose su cui stiamo lavorando per renderla ancora più veloce sono:

1. Traction Control – la nostra architettura di powertrain ci dà la possibilità di controllare ogni ruota con estrema precisione. Mentre il controllo di trazione tradizionalmente dovrebbe tenere le ruote in modo da non scivolare, una piccola e molto controllata quantità di scorrimento può essere un beneficio per l’accelerazione. Quando viene rilevato uno slittamento eccessivo, è importante tagliare la coppia su quella particolare ruota appena sufficiente per ripristinare la trazione mantenendo la vettura stabile, in modo di avere una macchina che può mantenere tutti i quattro pneumatici sul limite ad una velocità piuttosto alta, senza alcun collegamento meccanico tra gli pneumatici per tenerli alla stessa velocità. Stiamo migliorando costantemente le nostre strategie e gli algoritmi per ottenere i migliori risultati, ma abbiamo ancora molte idee che vogliamo implementare per ottimizzare gli algoritmi di controllo della trazione ed il Torque Vectoring.

2. Avere più potenza è sempre una buona cosa. Lasciatemi dire che il nostro propulsore ha un potenziale per averne un po’ di più.

3. Erogazione potenza durante la marcia – Anche mentre la Concept_One è in marcia, l’erogazione di potenza non viene mai interrotta poiché i motori anteriori forniscono una coppia alle ruote anteriori in modo indipendente. Al fine di ridurre i tempi di spostamento e rimuovere qualsiasi stress della trasmissione, stiamo sincronizzando la velocità del motore alla velocità di riferimento per la marcia successiva – accelerando il motore sulla scalata o rallentandolo in basso (in modo generatore – utilizzando l’inerzia del rotore per recuperare l’energia tornata indietro nella batteria) nelle decelerazioni. L’intero processo dura solo 150 millisecondi, ma esiste la possibilità di accelerare ulteriormente questo. Come la Concept_One ha una coppia sufficiente in accelerazione come quasi tutte le auto da una partenza da ferme, anche in seconda marcia, non vi è alcuna necessità di spostarla nella vita reale e così tempi di cambiata non sono veramente rilevanti per la normale guida su strada. Si contano in situazioni come questa.

4. Gomme – Mentre gli pneumatici Pirelli P Zero hanno prestazioni incredibili, sono i nostri pneumatici scelti, perché sono gomme Street Real – utilizzabili su strada in tutte le condizioni e dai conducenti medi. Gli pneumatici ad alte prestazioni, come il P Zero Corsa, offrono prestazioni ancora più elevate. Altri produttori di supercar consegnano le loro auto con tali pneumatici ad alte prestazioni orientati dalla fabbrica. Noi offriremo l’opzione per i nostri clienti al più presto. Con l’orientamento verso più pneumatici ad alte prestazioni, la Concept_One sarebbe in grado di avere più potenza in basso e accelerare ancora più veloce.

Come si può vedere nel video, la Concept_One è già piuttosto veloce. Ma stiamo lavorando sodo per renderla ancora più veloce. Naturalmente, questa non è l’unica cosa che stiamo facendo. Non verso una proiezione a lungo termine.

Mentre le prestazioni in rettilineo sono abbastanza impressionanti, il nostro obiettivo principale durante lo sviluppo della Concept_One era sulle prestazioni laterali. Le curve ad alta velocità e le piste da corsa sono il vero parco giochi per il sistema Rimac All Wheel Torque Vectoring e per la Concept_One. Speriamo di avere presto l’opportunità di mostrare come la macchina si comporta contro altre supercar in quelle condizioni. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare il proprietario per averci permesso di usare la sua macchina per questo video. E’ incredibile il supporto che ci offrono i nostri clienti. Grazie mille!

Mate Rimac

Fondatore, CEO e CTO

A proposito di Archie Hamilton

Archie Hamilton è un pilota professionista che ha corso nella famosa gara di Le Mans 24 ore due volte. E’ stato anche vice campione di Formula Renault, multiple vincitore nel GT Open con Corvette e Porsche. E’ stato fatto membro del prestigioso British Racing Drivers Club, per i suoi successi nelle corse automobilistiche.

Accanto ai suoi impegni di corsa Archie ha un canale YouTube chiamato Archie Hamilton Racing che coinvolge supercar e le corse.

In English

Challenge Rimac Concept_One vs. Tesla P90D vs. LaFerrari

British racing driver and YouTuber Archie Hamilton wanted to find out how fast the Concept_One really is so he came to Croatia and brought with him a Tesla P90D with Ludicrous Mode and the ultimate road-going Ferrari – the LaFerrari.

By Mate Rimac

Source: Rimac Automobili

I’m sure that this video will have quite an impact and that people will like to know more so I decided to give a little bit of background information about the race:

When we conceived the Concept_One, our idea was never “just” to make an electric version of a supercar. The ideas always was that an electric powertrain brings new opportunities to make supercars more exciting, controllable and ultimately – faster.

British racing driver and YouTuber Archie Hamilton wanted to find out how fast the Concept_One really is so he came to Croatia and brought with him a Tesla P90D with Ludicrous Mode and the ultimate road-going Ferrari – the LaFerrari.

While other electric cars have great performance off the line, they quickly loose their breath as speed increases. Also, most other electric cars tend to overheat after a couple of hard acceleration runs. We have three “secret weapons” to battle the Achilles’ heels of electric cars when it comes to performance. Just between you and me, I’ll whisper a bit about those secrets:

1. Tons of power and torque.

With four motors outputting 1.600 Nm at almost 0 speed and well over 1.000 hp, the Concept_One has enough torque and power to keep its tires busy even at high speeds.

2. Cooling.

The Concept_One has seven independent cooling systems and several smaller sub-systems. We have worked really hard to maximize the performance for track use and not just for a couple of acceleration runs.

3. Gearbox.

Each of the four motors is connected to an independent gearbox. While the front motors have single-ratio reduction gearboxes, each rear motor has its own two-speed dual-carbon-clutch gearbox. This helps us to have great acceleration while also having a very high top speed. Most importantly, it allows the Concept_One to accelerate very quickly even at high speeds.

First, Archie has lined-up the Concept_One against a Tesla P90D with Ludicrous mode – the world’s fastest accelerating sedan that has shown that electric cars can kick the behinds of the industry’s big guys. Being a family sedan with lots of space and in a completely different price category, this comparison isn’t really fair. But in terms of performance, the Tesla is the closes thing to the Concept_One in the electric car world. It is an impressive car and performs very well at low speeds. On a full ¼ mile, the difference between the Tesla and the Concept_One is quite large.

Fortunately, Archie brought a big gun to the track. The LaFerrari. Being a hybrid, the LaFerrari utilizes the advantages of electric motors in order to complement the naturally aspirated V12. We knew that the Concept_One was fast, but having it on the line against the mighty LaFerrari made me a bit nervous. I really didn’t know what to expect.

Before Archie had an opportunity to test the Concept_One, he said:

“If I had to put my money on anything, the LaFerrari has to win. It surely has to.”

Of course – how could a car form a small Croatian company, made in a country that never had a car industry, with extremely limited funding and, worst of all, without a combustion engine, beat the best thing on four street-legal-tires that ever came out of Maranello? Well, as it turns out, it can.

With the LaFerrari, Archie actually did three runs – two of which are in the video. In the second run (which is not in the video), the LaFerrari stalled during launch so Archie has decided to cut it out, as the difference was just too large. The background story is quite illustrative of some of the advantages of electric cars. The Concept_One has no special mode for maximum acceleration. It just needs to be in Race Mode and first gear. The driver just needs to floor it and the Traction Control and Torque Vectoring will do their best to translate as many free electrons as possible into pure acceleration. The Race Mode is customizable like any other mode through the Concept_One’s infotainment system and can also be used for every day driving. The only relevant parameter for acceleration is that in this mode, maximum torque on all four motors is enabled. Nothing else is specially tuned for maximum acceleration runs.

Most conventional supercars have special acceleration modes, called “Launch Control”. Those modes do quite a few things – they rev the combustion engine to the right RPM and hold it there before engaging the clutch, they shift gears at the optimum time, control wheel slip etc. Unfortunately, even with a skilled racing driver and proper pre-conditioning, it doesn’t really work every time.

Anybody can make a perfect launch in a Concept_One or in a Tesla. Just floor it. The car will do the rest. Every time. With conventional cars, it doesn’t really work like that. It takes several attempts to make a right launch.

The track was booked for the morning only so the runs were recorded between 5 and 6 a.m. The conditions haven’t been great as the track was quite cold and as this runway is not being used for a long time, the surface is in a bad condition and quite dirty. Still, the Concept_One achieved 2,69 seconds to 100 km/h and 9,92 seconds on the quarter mile. When compared to real-world tests of the “Holy Trinity” (LaFerrari, Porsche 918 and McLaren P1), that seems pretty competitive. The data is quite interesting so when I catch a bit of time, I will make a detailed analysis of the acceleration runs and post speed, g-force, power and energy consumption diagrams for fellow EV fans to geek-out. Still, there is a lot of room for improvement.

The particular Concept_One in the video is a customer car that has been delivered to the US after the video was recorded. That doesn’t mean that we have stopped to improve the Concept_One. As you can imagine, it has lots of electronics and software that can be updated wirelessly even when the car is in the customer’s driveway on another continent. Some of the things we’re working on to make it even faster:

1. Traction Control – our powertrain architecture gives us the opportunity to control each wheel extremely precisely. While traction control traditionally should keep the wheels from slipping, a small and very controlled amount of slip can be beneficiary for acceleration. When excessive slip is detected, it is important to cut the torque on that particular wheel just enough to restore traction while keeping the car stable, which is challenging with a car that can keep all four tires on the limit at quite a high speed, without any mechanical connection between the tires to keep them at the same speed. We are constantly improving our strategies and algorithms to get the best results but we still have lots of ideas that we want to implement to optimize the Traction Control and Torque Vectoring algorithms.

2. More power is always a good thing. Let me just say that our powertrain has potential for a bit more of it.

3. Shifting – even while the Concept_One is shifting, power delivery is never interrupted since the front motors still deliver torque to the front wheels independently. In order to reduce shifting time and remove any driveline stress, we are synchronizing the motor speed to the target speed for the next gear – accelerating the motor on downshifts or slowing it down (in generator mode – using the rotor’s inertia to feed the energy back into the battery) for upshifts. The whole process takes just 150 milliseconds but there is potential to further accelerate this. As the Concept_One has enough torque to outpefrom almost any car from a standing start even in second gear, there is no need for shifting in real life so gear shifting times are not really relevant for normal road driving. They do count in situations like this.

4. Tires – while the Pirelli P Zero tires have incredible performance, they are our tire of choice because they are real street tires – usable on the road in all conditions and by average drivers. High performance-tires such as the P Zero Corsa offer even higher performance. Other supercar manufacturers deliver their cars with such high-performance oriented tires from the factory. We will be offering that option to our customers soon. With more performance-oriented tires, the Concept_One would be able to put more power down and accelerate even faster.

As you can see in the video, the Concept_One is already pretty fast. But we’re working hard to make it even faster. Of course, this is not the only thing we’re doing. Not by a long shot.

While the straight-line performance is quite impressive, our main focus while developing the Concept_One was on lateral performance. High-speed corners and racetracks are the real playground for the Rimac All Wheel Torque Vectoring System and the Concept_One. Hopefully we’ll have an opportunity to show how the car performs against other supercars in those conditions as well soon.

I would like to use this opportunity to thank the owner for letting us use his car for this video. It is incredible how supportive our customers are. Thank you so much!

Mate Rimac

Founder, CEO and CTO

About Archie Hamilton

Archie Hamilton is a professional racing driver having raced in the world famous Le Mans 24 Hour race twice. He has also been a Formula Renault Vice Champion, a multiple race winner in the International GT Open for Corvette and Porsche. He was made a member of the prestigious British Racing Drivers Club, for his achievements in motor racing.

Alongside his racing commitments Archie has a YouTube channel called Archie Hamilton Racing which involves supercars and racing.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Archie Hamilton laferrari Mate Rimac rimac concept_one tesla model sp90d

Lascia una risposta

 
Pinterest