Rimac Automobili lancia la Greyp Bikes

Rimac Automobili lancia la Greyp Bikes

10 set, 2013

Fonte: Rimac

Londra, Inghilterra. 4 settembre, 2013 . – Salon Prive ospiterà l’anteprima mondiale della , la nuova bicicletta elettrica ad alte prestazioni proveniente dalle menti di coloro che hanno progettato e costruito il più veloce supercar elettrico.

, CEO di Rimac Automobili e , hanno dichiarato: “Il nostro obiettivo era quello di fare esperienza per arricchire la nostra tecnologia d’avanguardia, sviluppata principalmente per le supercar, e renderla accessibile ad una più ampia gamma di clienti”.

La Greyp G12 è stata progettata da zero per combinare il meglio dei due mondi – quelli delle moto e delle biciclette. Si tratta di una bicicletta quando vuoi, oppure di una moto quando ne avete bisogno. Con prestazioni eccezionali per una bici elettrica – 65 km/h di velocità massima e un’autonomia di fino a 120 km senza pedalare, potrete godere di cavalcare la Greyp . Può essere facilmente ricaricata da 0 al 100 per cento in soli 80 minuti – da una presa 220V standard.

La G12 ha una modalità speciale per rispettare le normative per i veicoli stradali – che limita la velocità e la potenza.

Eppure, la velocità top si raggiunge solo con un colpetto sul touch screen quando ne avete bisogno. Una caratteristica particolare è che non c’è bisogno di preoccuparsi della chiave poichè la G 12 è attiva con l’impronta digitale. È possibile scegliere un certo dito per avviare la moto in un certo modo. Il pollice può attivare la modalità Street, mentre il dito medio potrebbe attivare la modalità speed.

Lo stato dell’arte del pacco batterie, progettato e realizzato da Rimac Automobili, fornisce 1,3 kWh per la G12. La G 12 è dotata di batterie con elementi al Litio – Nanophosphate prodotti da A123 Systems. Queste celle sono considerate come le migliori  per le batterie ad alto rendimento attualmente esistenti.

Si può pedalare se volete, assistere il motore o guidare la G12 come una moto. E si può raggiungere la velocità di 65 km/h senza alcuna assistenza da parte del pilota. Non hai mai bisogno di sudare in sella salendo una collina, e quando si va in discesa il motore può ricaricare la batteria con fino a 2 kW di potenza in frenata. La maggior parte delle volte non c’è nemmeno il bisogno di usare i freni meccanici.

L’idea della Greyp ha preso vita quando , un noto designer di biciclette elettriche e moto elettriche ad alte prestazioni, ha raggiunto Rimac Automobili come ingegnere meccanico nel 2010. Zvonimir ha sviluppato e costruito bici elettriche dal 2001 nel suo garage, con l’aiuto di un paio di amici come un hobby. La sua prima produzione bike, la Greyborg, è stato consegnata in 27 paesi, ma ancora è rimasto un hobby del dopo il lavoro di Zvonimir.

A Mate Rimac sono piaciute le creazioni di Zvonimir, ma non gli piaceva la tecnologia impiegata, così ha deciso di progettare una moto dopo i suoi lavori standard e presentare l’idea ad Adriano – l’ uomo che ha progettato il Concept_One. Con l’aiuto di 6 ingegneri di Rimac Automobili,  Zvonimir, Mate ed Adriano hanno iniziato a progettare la primo Greyp da zero – e questa è la dodicesima moto della carriera di bike designer di Zvonimir . La G12 appunto.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Greyp Bikes Greyp G12 Mate Rimac Salon Privé Zvonimir Sucic

Un commento

  1. l’oggetto è affascinante però forse non così inedito. batterie con celle 123 , centraline kelly e motori 9c sono tecnologia alla portata di parecchia gente.

Lascia una risposta

 
Pinterest