Nuove tecnologie Hyundai per migliorare consumo ed emissioni

Nuove tecnologie Hyundai per migliorare consumo ed emissioni

6 ott, 2014

Salone di Parigi 2014: presenta nuove tecnologie per migliorare consumi ed emissioni

  • Due nuovi propulsori (1.0 e 1.4 litri) ad alta efficienza
  • Nuovi modelli ibridi e bifuel per ridurre le emissioni di CO2
  • Lo “stato dell’arte” della motorizzazione ad (): ix35 e Intrado

Fonte:

 

Al Salone di Parigi 2014 Hyundai presenta le proprie novità in tema di motori ad alta efficienza, nonché il meglio della propria tecnologia FCEV (Fuel Cell).

In merito al crescente interesse della clientela verso vetture di piccola cilindrata, l’azienda espone al proprio stand (pad. 3) del Salone di Parigi 2014 due motori turbo benzina ad iniezione diretta ad alta efficienza (1.0 ed 1.4 T-GDI) nonché una i40 ibrida (48 volt) ed una i30 a metano. Tutto ciò sottolinea l’impegno dell’azienda a ridurre ulteriormente l’impatto ambientale dei propri veicoli.

Allan Rushforth, Senior Vice President e COO di Hyundai Motor Europe, ha commentato: “Hyundai è fortemente dedicata a sviluppare una mobilità sostenibile per gli appassionati di tutt’Europa. Oltre alla ix35 Fuel Cell (Hyundai è la prima azienda al mondo ad aver realizzato e commercializzato un veicolo FCEV di serie, con 10 unità vendute anche in Italia), stiamo continuando a sviluppare veicoli che sfruttano nuove tecnologie e combustibili alternativi, per ridurre emissioni e consumi e migliorare l’esperienza di guida”.

 

i40 ibrida 48V

La i40  Ibrida 48V riduce notevolmente le emissioni di CO2 ed il consumo di carburante rispetto al modello standard da cui deriva (1.7 CRDi), e la sua realizzazione costa solo un quarto di una completa soluzione ibrida. Quest’inedita i40 adotta una batteria di carbonio-piombo da 48 volt, che aumenta la potenza del 15% riducendo nel contempo le emissioni di CO2 fino al 20%.

Grazie al generatore a cinghia (BSG) che sostituisce il tradizionale alternatore, il propulsore è in grado di ripartire praticamente senza alcuna vibrazione o rumore. La i40 48V Ibrida può così funzionare, a bassa velocità ed alle velocità di crociera, nella singola modalità elettrica. La batteria a piombo-carbonio si ricarica in fase di decelerazione e si rigenera in fase di frenata, con il BSG che funziona come un generatore. Invece, in accelerazione, il BSG assiste il motore termico con ulteriori 10kw di potenza, tutti atti a ridurre i consumi di carburante e le emissioni di CO2. Se abbinato ad un turbocompressore di maggiori dimensioni, le prestazioni della i40 possono crescere fino a 155 CV, con una coppia massima che può arrivare a 360 Nm.

E’ stata adottata una batteria a carbonio-piombo grazie all’ottimo rapporto tra prestazioni e costi, per la rapidità della ricarica e per la lunga durata ed affidabilità. Peraltro, non richiede sistemi di raffreddamento particolari e può quindi essere alloggiata nel vano della ruota di scorta, senza compromettere la capacità di carico dell’auto. Una volta esaurita, è inoltre completamente riciclabile.

Le tecnologie adottate sulla i40 Ibrida sono economicamente vantaggiose, presentano dimensioni compatte, comportano un minimo aumento di peso (solo 46 kg) e possono facilmente equipaggiare l’auto, con grandi potenzialità d’applicazione sulle future vetture Hyundai di produzione.

 

Hyundai i30 CNG (a metano)

Sulla nuova Hyundai i30 a metano debutta il nuovo motore 1.4 T-GDI “made in Hyundai”, la più recente applicazione del programma Hyundai di Ricerca e Sviluppo sull’alimentazione a metano: in questo caso il propulsore è stato associato ad una inedita trasmissione DCT (doppia frizione) a sette marce.

In questa inedita configurazione, la Hyundai i30 CNG vanta emissioni CO2 di soli 87 g/km significativamente ridotte rispetto alla “sorella” con motore a combustione interna (ICE). In questo modo, centra con tre anni d’anticipo sull’entrata in vigore (2017) i rigidi standard Euro6c. Alimentato a metano (CNG), il motore sviluppa 117 CV con una coppia massima di 206 Nm erogata dai da 1.500 ai 3.500 giri.

Il metano è contenuto in un innovativo serbatoio rettangolare alloggiato all’interno del vano posteriore, per non erodere in alcun modo la generosa abitabilità della Hyundai i30. In posizione protetta, viene rivestito con una matrice poliammidica impermeabile al gas (all’interno) ed è protetto esternamente da elementi plastici ad alte prestazioni rinforzata con fibra di vetro. Rappresenta una soluzione resistente e a basso costo per contenere ogni tipo di gas, e pesa il 50% in meno rispetto ad un equivalente serbatoio in acciaio.

Fino a 15 chili di gas a 200 bar possono essere inseriti nel serbatoio. Una nuova valvola regolatrice della pressione riduce la pressione del gas fino al corretto livello di funzionamento per alimentare il motore in due passaggi: prima a 20 bar e poi da 4 ad 11 bar. La centralina bi-fuel utilizza come carburante sia benzina sia metano, con uno “switch” automatico alla modalità “benzina” una volta esaurito il metano.

 

Intervista -- PR Manager Hyundai Motor Company Italy

 

 

La Nuova Generazione

L’abitabilità e la concretezza incontrano lo stile e l’eleganza

• Design d’avanguardia con linee eleganti e raffinate, in linea con la “Fluidic Sculpture 2.0”

• La Nuova Generazione i20 vanta un’abitabilità al vertice della categoria

• Equipaggiamenti completi, con soluzioni uniche per il segmento B

• Grande comfort e dinamica di guida: Nuova i20 è stata sviluppata sulle strade di tutt’Europa

• Concepita, progettata e realizzata in Europa per il mercato europeo.

• Il terzo modello della strategia Hyundai “Product Momentum 2017”

Presentando sul mercato la nuova generazione di i20, Hyundai Motor Europe intende rafforzare ulteriormente la propria presenza nel “segmento B” del vecchio continente, dove l’azienda ha venduto oltre 1 milione di vetture dal lontano 2002 (100mila in Italia), fra la Getz e la popolare prima versione di i20 (che da sola ha superato le 40mila unità vendute in Italia). Gli obiettivi chiave del nuovo modello, che sottolinea la grande attenzione posta da Hyundai verso il mercato e gli appassionati del vecchio continente, sono quelli di rivolgersi ad un pubblico ancor più ampio e variegato, per sviluppare ulteriormente la positiva percezione del brand in Italia ed in Europa.

La Nuova Generazione i20 è stata progettata e sviluppata interamente in Europa: tre elementi chiave in particolare sottolineano come possa rappresentare la scelta ideale dei consumatori europei: abitabilità al vertice della categoria, tecnologia e grande comfort di guida – il tutto racchiuso in una vettura solida, funzionale e dal raffinato design.

La Nuova i20 evidenzia un ulteriore, storico passo avanti rispetto al 2002 -- quando i primi esemplari della Hyundai Getz vennero commercializzati in Europa. Anche se, oggi come ieri, Hyundai resta fedele al principio di fornire al cliente un “valore” che supera ogni aspettativa, come già avvenuto con la nuova i10 ed il rinnovato crossover ix35, due driver del successo Hyundai in Italia. Peraltro, con questa nuova i20 Hyundai ha “chiuso il cerchio”, rinnovando completamente la propria gamma di automobili e SUV negli ultimi quattro anni.

Più lunga, più bassa e più larga rispetto al modello precedente, la Nuova Generazione i20 è stata sviluppata presso l’Hyundai Motor Design Centre Europe di Rüsselsheim (Germania), capitanato da Thomas Buerkle. Il design del nuovo modello segue naturalmente la filosofia stilistica “Fluidic Sculpture 2.0”, elemento distintivo dell’azienda e della gamma “made in Europe“, con linee eleganti ed un profilo scolpito che conferiscono alla vettura un look sofisticato. In particolare, su questa nuova “compatta da città”, la griglia esagonale gioca un ruolo chiave nel design del frontale, con una parte alta che ospita il marchio Hyundai e raccorda i sottili fari anteriori (con luci diurne a LED), ed una zona inferiore in cui i fendinebbia sono posizionati alle estremità. Lungo la fiancata, un’alta linea di cintura si raccorda efficacemente al posteriore, dove gli ampi gruppi ottici sembravo “avvolgere” il portellone. Le numerose colorazioni disponibili (metallizzate, perlate o pastello) sottolineano l’originale stile della vettura, e potranno essere abbinate ad interni monocromatici neri o con inserti bicolori (come già avvenuto con successo con la i10). Anche l’aerodinamica è nettamente migliorata – da 0,32 a 0,30 Cd.

Realizzata su una nuovissima ed innovativa piattaforma tecnologica, nella Nuova Generazione i20 l’interasse è stato incrementato di 4,5 centimetri (2570 mm), per regalare ancor più spazio per gli occupanti. All’interno di una scocca realizzata in acciaio ad alta resistenza, spicca l’abitabilità interna da “prima della classe”: ben 1892 mm a disposizione per le gambe (fra spazio anteriore e posteriore). Tanto spazio a disposizione dei passeggeri quindi, che beneficeranno anche di una capacità di carico nel bagagliaio (326 litri), che la colloca in vetta alle “segmento B” attualmente in commercio sul mercato.

Uno dei “focus” principali dei tecnici in fase di sviluppo è stato quello di equipaggiare la Nuova i20 con le più moderne tecnologie a disposizione – sia in tema di sicurezza attiva e passiva che di ergonomia e comfort di guida. Ecco così che, a fronte della console centrale (con elementi bicolore di qualità e soffici al tatto) inclinata di 5° verso il guidatore per farlo sentire a proprio agio, alla docking station per connettere il proprio smartphone, al climatizzatore automatico con sistema anti-appannamento ed al tettuccio elettrico panoramico “a tutta lunghezza” (novità assoluta per il “segmento B”), la Nuova i20 sarà equipaggiata di serie con sei airbag, ESC (Electronic Stability Control), HAC (per agevolare le partenze in salita), ESS (Emergency Stop Signal) e VSM (Vehicle Stability Management). Inoltre, saranno a disposizione anche altre tecnologie d’avanguardia come l’LDWS (Lane Departure Warning System), una vera rarità fra le compatte del segmento B.

La Nuova Generazione i20 è disponibile in quattro motorizzazioni -- tutte omologate Euro6. Due propulsori ‘Kappa’ benzina: 1.2 MPI (in due livelli di potenza, 75 ed 84CV – la base della futura versione GPL in arrivo in Italia nei primi mesi del 2015) ed l’inedito 1.4 MPI 100CV -- ora dal peso più contenuto. Due anche i motori a gasolio ‘U-II’: entrambi, il 1.4 da 90CV ed il brillante 1.1 turbodiesel 3 cilindri da 75 CV, già presenti sulla generazione precedente ma che hanno beneficiato di una serie di aggiornamenti tecnici tali da mantenerli al “top” in tema di efficienza. Ad esempio, entrambi sono oggi più brillanti e vantano una miglior accelerazione nella fascia 80-120km/h. La diverse versioni della nuova i20 saranno equipaggiate con cambio a 5 marce (1.2 MPI), 6 marce (1.4 MPI, motori diesel) o trasmissione automatica (1.4 MPI).

Come ogni altra Hyundai distribuita in Italia, anche la Nuova i20 offre naturalmente i “5 Anni con chilometraggio illimitato”, patrimonio che solo Hyundai può vantare sul mercato nazionale: include 5 anni di garanzia, 5 anni d’assistenza stradale e 5 anni di controlli gratuiti.

Realizzata interamente nello stabilimento di Izmit (Turchia), dove già viene prodotta la i10, la Nuova Generazione i20 rappresenta, dopo la nuova i10 e la Genesis, il terzo modello nato dalla strategia Hyundai “Product Momentum 2017” -- operazione che vedrà Hyundai lanciare 22 nuovi modelli e derivati in Europa entro la fine del 2017, veicoli innovativi destinati a sostenere adeguatamente la strategia di rafforzamento di Hyundai in tutti i campi del business automotive europeo: vendita, ma anche progettazione,  ingegnerizzazione  e  produzione  di  vetture  “made in Europe” e destinate alla clientela europea. Peraltro già oggi, la quota di auto Hyundai costruite totalmente in Europa e vendute in Italia e nel resto del vecchio continente supera il 95%.

La Nuova Generazione di i20 debutta giovedì 2 ottobre 2014 alle ore 16.00 al Salone Internazionale di Parigi e sarà in vendita in Italia ed Europa a partire da novembre 2014.

 

Foto nuova Hyundai i20


 

Le vetture ad idrogeno (celle a combustibile) ix35 Fuel Cell e Intrado

Oltre a nuovi propulsori, Hyundai presenta le più recenti evoluzioni delle vetture a celle a combustibile -- tra cui ix35 Fuel Cell, la prima auto ad idrogeno prodotta in serie. L’azienda ha già dimostrato le capacità della ix35 FCEV con un viaggio di 700 chilometri attraverso l’Europa, oltre ad aver già commercializzato numerosi esemplari in vari paesi europei, tra cui Italia, Danimarca, Norvegia, Francia Germania, Olanda, Svezia e Regno Unito.

Lo stand Hyundai ospita anche la Hyundai concept car Intrado, svelata al mondo all’inizio di quest’anno (Salone di Ginevra). Intrado significa una nuova direzione per Hyundai: rappresenta la visione di come le auto potranno essere in grado di soddisfare ogni futura esigenza di mobilità. Andando ben oltre un esercizio di stile, Intrado dimostra la convinzione di Hyundai che tecnologie avanzate applicate all’automobile ed un design intelligente possono, insieme, risultare più efficaci nel coinvolgere guidatore e passeggeri in un’esperienza di guida indimenticabile.

 

Foto

 

 

Foto

 


 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: carlo sabbatini celle a combustibile fuel cell hyundai hyundai i20 hyundai intrado hyundai ix35 fcev hyundai motor company italy idrogeno mondial de l'automobile salone parigi

Lascia una risposta

 
Pinterest