Non chiamatelo Raduno… è un social network non virtuale !!!

Non chiamatelo Raduno… è un social network non virtuale !!!

22 set, 2014

Importantissima funzione del Raduno Internazionale di Veicoli Elettrici di Monza, dove ci si conosce di persona e ci si scambiano importanti informazioni per ottimizzare l’uso degli EV e per affrontare le diverse problematiche

di Marcelo Padin

Direttore Editoriale Electric Motor News

 

Carvico, Osio Sotto (BG) e Monza. 21 settembre 2014. Si è svolto con grande successo il Raduno Internazionale di Veicoli Elettrici come previsto nei diversi momenti dell’organizzazione.

Già !!!. Questa è la denominazione ufficiale, ma in realtà è molto più di un raduno di appassionati utenti di veicoli elettrici.

In un mondo sempre più virtuale, il “trait d’union” dei veicoli elettrici e delle rispettive problematiche guardate dal punto di vista dell’utente permette di contattarsi attraverso i social network virtuali per informazioni, risoluzioni dei problemi o semplicemente per il piacere di trovarsi tra persone che hanno lo stesso obiettivo o che usano lo stesso tipo di mobilità elettrica.

Questa però è la vera occasione di trovarsi di persona per scambiare opinioni, pareri, informazioni ed esperienze. Così durante la tappa di avvicinamento delle Terre dell’Est a Carvico siamo stati testimoni dell’incontro tra persone che sono arrivate da Ventimiglia e da Udine con delle vetture elettriche; che difficilmente si sarebbero trovate in altre occasioni.

Identica situazione per quanto riguarda l’incontro da chi è arrivato in scooter Vectrix da Chiavari che ha potuto conoscere i costruttori del Buggy elettrico arrivati dalla provincia di Pesaro Urbino – per citare solo degli esempi.

 

Da Carvico verso Osio Sotto

L’incontro è avvenuto puntale nei pressi della stazione di ricarica di Carvico (www.evbility.com); e da subito si è capito che i veicoli elettrici presenti sarebbero state di più di quelle originalmente previste e che a fine carovana delle Terre dell’Est a Osio Sotto sono arrivati ad un totale di 23.

I due Buggy elettrici in apertura e chiusura di carovana hanno attratto l’attenzione di tantissime persone nei centri urbani; in modo particolare perché la domenica in tarda mattinata la gente è più rilassata e ricettiva, quindi in grado di apprezzare le vetture ed in alcuni casi anche questo tipo di mobilità; mostrando interesse .. e non solo a guardare. Infatti, qualcuno si è avvicinato a richiedere altre informazioni.

La scelta di attraversare i centri comunali è stata la decisione giusta di , Direttore di Agenda21 Isola Bergamasca Dalmine Zingonia; che ha permesso di mostrare a chi è arrivato da lontano il Convento del Baccanello a Calusco d’Adda, il Castello del Colleoni a Solza ed il Castelo di Marne, nell’omonima frazione del Comune di Filago; abbinando l’aspetto culturale all’iniziativa.

 

A Osio Sotto … modernissimo camion e storica Balilla

Arrivati alla stazione di ricarica EVbility di Osio Sotto, il camion Smith Electric di proprietà di Niinivirta (www.niinivirta.it) ci aspettava insieme ad una Fiat Balilla elettrificata; le due punte di diamante dell’incontro di Osio Sotto.

In questo caso, sia Kevin Morstabilini, Paolo Ferraresi e la Sig.ra Margherita di Niinivirta hanno avuto molto lavoro per spiegare aspetti tecnici e pratici del camion elettrico, che bisogna sempre ricordare non è un pezzo da mostrare nelle manifestazioni bensì un mezzo da lavoro che viene impiegato tutte le mattine nelle consegne in centro a Milano per conto dell’azienda di trasporti italo finlandese.

In questo momento della giornata, ci sono stati altri incontri “a tema” tra persone che sono utenti di auto elettriche ma che difficilmente si sarebbero trovati; come chi è arrivato dal San Bernardino in Svizzera con la nuova – ed esclusiva per l’Italia – Volkswagen e-Golf e colui che è arrivato da Treviso; mentre in questo caso è stata dimostrata la solidarietà tra gli utenti “elettrici”; quando è arrivata una telefonata da Roncadelle (BS) di chi si trovava in difficoltà  di autonomia per arrivare fino ad Osio Sotto e calcolando i chilometri è stato “dirottato” all’altra stazione EVbility di Dalmine, dove ha potuto ricaricare grazie all’aiuto di Massimiliano Bruzzesi che gentilmente è andato a “soccorrerli” con il suo Vectrix e con la sua carta dei servizi della Regione Lombardia, visto che l’utente arrivava da Vicenza e non avrebbe potuto ricaricare.

Così, dopo qualche minuto il buon Max insieme a questa persona e la sua signora sono arrivati entrambi ad Osio Sotto ed hanno potuto rifocillarsi grazie al buffet allestito dagli agricoltori della zona che lavorano in collaborazione con Agenda21 Isola Bergamasca Dalmine Zingonia.

 

Atto finale all’Iper di Monza

La maggior parte dei partecipanti all’incontro delle Terre dell’Est ha deciso di proseguire la marcia in elettrico verso Monza, con tappa finale all’Iper del Viale delle Industrie del capoluogo brianzolo.

Bisogna dire che il lavoro svolto dall’organizzazione è stato ottimo ed alla fine della giornata il Presidente di ClassOnlus aveva molti motivi per essere sorridente e contento.

Un ottantina di veicoli elettrici si sono dati appuntamenti; con i mezzi più svariati che spaziavano dalla moto da cross alla vecchia e cara Lambretta elettrificata, dalla supersportiva Fisker Karma equipaggiata con il range extender alla vettura da competizione di Cono Prinzo con la quale il milanese ha corso per diverse stagioni, passando per le diversie Renault Twizy, Birò, Smart Electrid Drive, le onnipresenti Renault Zoe e Nissan Leaf; Tesla Model S, BMW i3 ed una vecchia Fiat Cinquecento Elettra; con spazio anche per una moto elettrica che ha gareggiato nel TT dell’Isola di Man.

Un successo che va al di là dalle aspettative e che premia tutti.

Perche da questa giornata; tutti sono ritornati a casa più ricchi … di conoscenze … di esperienze … per muoversi meglio in questo difficile, ma sempre meno sconosciuto, mondo dei veicoli elettrici.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: agenda 21 isola bergamasca dalmine zingonia camillo piazza class onlus davide fortini EVbility

Lascia una risposta

 
Pinterest