Nissan Gripz Concept, il Crossover Sportivo

Nissan Gripz Concept, il Crossover Sportivo

18 set, 2015

Nissan introduce una sensazionale concept car 2+2 che porta il concetto di crossover – inventato dal marchio – ad un nuovo livello .

Ispirato alla leggendaria sportiva 240Z, debutta al Salone di Francoforte per anticipare la visione Nissan del crossover di domani, all’insegna di un nuovo linguaggio di design in cui la geometria si fa emozione

• Una nuova tipologia di crossover compatto pensato per le giovani generazioni: le telecamere nei fari permettono di filmare e condividere i viaggi

• Ispirato alle auto tradizionali da rally nel deserto e alle moto da competizione

• Design entusiasmante ed avventuroso, omaggio alla storica 240Z, l’icona sportiva della tradizione Nissan

• Sistema di propulsione ibrido associato ad un motore elettrico

• Introduce il nuovo linguaggio di design Nissan legato ad una “geometria emozionale”

• Le videocamere integrate ‘dashcam’ portano la tecnologia legata alla sicurezza di Nissan ad un livello superiore

Fonte: Nissan Italia

 

Francoforte, Germania. 15 Settembre, 2015. Progettato da designer europei e giapponesi, Nissan Gripz Concept rappresenta un “guerriero sportivo della strada” e fonde le caratteristiche di un crossover compatto con le performance e il brivido di una vettura sportiva.

Un design radicale conferisce a Nissan Gripz Concept un’immagine  entusiasmante e avventurosa, grazie al suo design estremo associato all’innovativo sistema di propulsione ibrido. Con Nissan Gripz Concept Nissan cambia nuovamente le regole del gioco e fornisce un’anticipazione dell’evoluzione futura dei crossover.

E’ un’auto dalla doppia personalità, da un lato perfetta per gli spostamenti quotidiani e, dall’altro, ideale per una vera e propria avventura durante il weekend. Con Nissan Gripz Concept si possono affrontare le strade cittadine in settimana, per poi divertirsi a guidare su percorsi più emozionanti e coinvolgenti nel tempo libero.

Ispirazione

All’impronta di crossover compatto, Nissan Gripz Concept combina la linea grintosa e l’assetto di una vettura sportiva, per affrontare al meglio le condizioni di guida più sfidanti.

Il risultato rende omaggio ad uno dei primi “Crossover” Nissan – l’iconico Safari Rally- il premiato Nissan 240Z. Nel 1970 queste vetture sportive sono state riprogettate utilizzando le esperienze raccolte dalla gamma Nissan 4×4 per far fronte alle condizioni impegnative della penisola di Baja, delle aperte pianure del Kenya, Uganda e l’odierna Tanzania. Queste auto da rally erano caratterizzate da una altezza da terra rialzata,  da una sospensione rinforzata e sfoggiavano una finitura nero opaco per il vano motore e il  bagagliaio in contrapposizione con il resto della carrozzeria di colore rosso-arancio intenso.

Le Nissan 240Z rappresentavano la prova che le auto sportive non dovevano essere basse al suolo per essere divertenti. Nissan Gripz Concept lo dimostra ancora una volta – integrando l’esperienza Nissan nei crossover, nei 4×4, nelle auto sportive, per proporla alle nuove generazioni, con un propulsore elettrico dalle ottime prestazioni.

Propulsione

Equipaggiato con il sistema Series Hybrid EV, un innovativo prototipo di sistema ibrido basato sulle tecnologie dei veicoli elettrici (EV), Nissan Gripz Concept permette un’esperienza di guida morbida, raffinata e piacevole paragonabile a quella di una Nissan LEAF elettrica, con un notevole risparmio di carburante.

Il sistema unisce le diverse tecnologie di controllo che Nissan ha progettato durante anni di esperienza nello sviluppo di veicoli elettrici. Questa struttura offre una notevole accelerazione se paragonata a quelle dei veicoli ibridi tradizionali, con una risposta uniforme, rapida e lineare all’insegna dell’estrema efficienza e silenziosità.

Design

Nissan Gripz Concept – che debutta al Salone di Francoforte – è visto come un nuovo concept di design che non anticipa la sostituzione di un modello esistente, ma sicuramente rivela alcune delle nuove caratteristiche di design Nissan di “geometria emozionale”, che si ritroveranno sulle future proposte del marchio.

Il modello presenta quattro elementi chiave di design visti per la prima volta in Europa sulla Nissan Sway, una delle stelle dell’ultimo  Salone di Ginevra.  Come Sway, è dotata di una griglia V-motion, luci anteriori e posteriori a forma di boomerang, un tetto scorrevole e un montante C discendente.

Ma le somiglianze finiscono qui. Sway suggerisce una possibile evoluzione per le berline compatte, invece Nissan Gripz Concept è una proposta ben diversa .

Il design radicale unisce la leggerezza del ciclismo stradale con la forza di una vettura da rally per ottenere il massimo in termini di “potenza agile”.

Il risultato rende omaggio anche all’iconica Nissan 240Z vincitrice del Safari Rally nel 1971, con una finitura nero opaco per il cofano e un colore rosso – arancio intenso per il corpo centrale.

“Nissan ha aperto la strada all’idea di un crossover compatto e questo si riflette nell’enorme popolarità di Qashqai e Juke e la conseguente crescita di mercato del segmento con l’arrivo di altri produttori. Nissan Gripz Concept non è da interpretare come una sostituzione diretta di questi due veicoli, ma rappresenta piuttosto gli estremi verso i quali il crossover compatto può essere spinto” ha dichiarato , Senior Vice President e Chief Creative Officer.

Nato dalla collaborazione tra Nissan Design Europe a Londra e Nissan Global Design Centre in Giappone, gli esterni di Nissan Gripz Concept sono realizzati seguendo il concetto di  “Geometria Emozionale”, che crea un forte contrasto tra superfici dinamiche, tese, ma anche spigolose.

Prendendo la semplicità high-tech di una  bicicletta da corsa come fonte di ispirazione, il concept include un telaio in carbonio su cui i pannelli della carrozzeria sono posizionati, come  fosse un rivestimento corazzato.

Elementi in carbonio e a vista accentuano il design, valorizzando caratteristiche come la forma a boomerang data al bordo della struttura della porta anteriore. Le due porte anteriori si aprono verso l’esterno e scorrono verso l’alto, mentre le due semi-porte posteriori sono incernierate posteriormente, per accedere agevolmente all’interno dell’abitacolo 2+2.

Il frontale è dominato dalla griglia V-motion di Nissan, montata verso il basso e circondata dalle luci rettangolari con dei fasci sia in alto sia in basso. All’interno dei fari vi sono delle telecamere che registrano ogni movimento, un po’ come il casco con telecamera, utilizzato da molti ciclisti. Attraverso la tecnologia live feed, viaggi speciali su ampie strade si possono trasmettere  ovunque, permettendo cosi agli amici di seguire il viaggio sul proprio pc, tablet o smartphone in tempo reale.

Le luci di marcia a forma di boomerang si trovano sopra i fari, sulla parte superiore dei parafanghi anteriori, dove si denota la linea di demarcazione tra il cofano nero opaco e il colore del corpo principale rosso – arancio.

Un nero più opaco si trova sul passaruota esteso, l’elemento triangolare compresso e irregolare – che viene utilizzato per aumentare l’altezza da terra – e il pilastro A che conduce al tetto scorrevole.  Il tetto è dotato di un pannello vetrato centrale con pannelli  di colore grigio disposti su entrambi i lati dei posti a sedere.

Questi si riducono in larghezza, mentre convergono verso la parte posteriore della vettura confluendo nelle luci posteriori, che rispecchiano la forma a boomerang delle luci di marcia anteriori e si avvolgono con i tre quarti posteriori dell’automobile.

Dietro la vettura, il color nero opaco evidenzia la linea tronca della coda con spoiler incorporato, mentre sotto la porta del bagagliaio sono posizionati due collettori cromati a forma trapezoidale.

Le ruote a tre razze da 22 pollici si ispirano anche alle biciclette da corsa essendo leggere, ma robuste e contraddistinte da pneumatici ad alta pressione relativamente sottili, che sono stati appositamente realizzati da Bridgestone. La grafica rossa e bianca sulle pareti laterali della vettura è ripresa sul volante.

Mentre l’esterno è stato realizzato in Europa, un team con sede in Giappone si è dedicato agli interni. Per entrambi, la semplicità funzionale è stata la chiave di tutta la progettazione.

Caratterizzata da un mix di grigio opaco e rosso-arancio intensi, l’interno della vettura sottolinea l’ispirazione al Tour de France con tubi a vista, sedili stampati e linee sovrapposte che echeggiano l’effetto rivestimento presente negli interni.

I sedili e la console centrale  si ispirano direttamente alle biciclette, così come le porte che hanno proprio la forma della sella delle bici da corsa. Il volante a tre razze, invece, riprende le ruote della vettura, fino alla speciale grafica presente sul lato degli pneumatici.

Come la Nissan Sway Concept e le recenti vetture di produzione, Nissan Gripz Concept ha un cruscotto ‘Gliding Ala’. Questo design elegante e sottile combina la potenza con la semplicità e incarna perfettamente la filosofia del concept.

“Quale sarà l’influenza di questo progetto sulla prossima generazione di crossover Nissan è ancora da vedere, anche se siamo curiosi di capire la reazione del pubblico del Salone di Francoforte” ha aggiunto Nakamura .

‘Nissan Gripz Concept’ Dimensioni (mm)

Lunghezza 4.100

Larghezza 1.890

Altezza 1.500

Passo 2.580


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: iaa nissan gripz concept salone francoforte Shiro Nakamura

Lascia una risposta

 
Pinterest