Nissan Friend-me a Shanghai

Nissan Friend-me a Shanghai

21 apr, 2013

Nissan Friend-ME: la concept car per le nuove generazioni
Uno stile travolgente, rivolto ai giovani che misurano la mobilità in “kilobit” al secondo 
 
•La risposta ai sogni dei giovani cinesi, una categoria di clienti in continua espansione •Ogni serata con gli amici è un’avventura, grazie allo spazio interno all’insegna della privacy e dell’interconnessione
•Nissan conferma la propria ambizione di conquistare la leadership sul mercato cinese

Fonte: Nissan Italia

Shanghai, Cina, 20 Aprile 2013 – Nissan ha svelato oggi il concept Friend-Me, una berlina quattro posti pensata per una generazione di utenti che vive l’auto in modo completamente diverso. Caratterizzata da un portamento sicuro e imponente, dato dalle linee scolpite e filanti, Friend-Me è un’autentica creatura della notte: sarà impossibile non notarla sotto le scintillanti luci della città.

Pur essendo un concept riproducibile su scala globale, Nissan Friend-Me nasce per rispondere alle aspirazioni di un segmento di mercato destinato a diventare ben presto il più influente del mondo: i “ Bālínghòu”, ossia i circa 240 milioni di cinesi nati negli anni ‘80. Nello specifico, Friend-Me si rivolge alla popolazione tra i 20 e i 30 anni, tenendo conto delle dinamiche sociali in cui si colloca.

“I ragazzi Bālínghòu rappresentano un’enorme fetta del più grande mercato internazionale e sono nel fiore degli anni”, esordisce François Bancon, Division General Manager della Divisione Product Strategy and Product Planning di Nissan. “I loro gusti influenzeranno inevitabilmente le tendenze globali dell’automobilismo nei prossimi decenni, perciò riteniamo fondamentale ascoltare la loro opinione, rispettarla e dare ai loro sogni una forma accessibile. Vorremmo che Friend-Me fosse la prima battuta di un dialogo aperto e continuo.”

Per una generazione di figli unici, il tempo libero trascorso con gli amici è di inestimabile valore.

Provocante con garbo

Friend-Me spicca subito per le linee solide e filanti della carrozzeria, che comunicano forza e appeal.

Una mix che ben si addice al delicato equilibrio che i Bālínghòu della classe media sono tenuti a rispettare. “Abbiamo ribattezzato questa soluzione Distilled Da Qi”, spiega , Vice President di Nissan Design China. “Da Qi significa emanare un’aura particolare, distinguersi dalla banalità, ma al tempo stesso integrarsi nel contesto, senza stonare. È una sottile questione di equilibrio che abbiamo cercato di risolvere andando all’essenza del concetto. Il risultato è una berlina che aggiunge una dimensione giovane e rivoluzionaria alla categoria.”

L’assetto basso e ampio con sbalzi all’anteriore e al posteriore trasmette un maggiore senso di concretezza, grinta e sportività rispetto alle berline classiche. Oltre alle proporzioni trasgressive, anche i particolari elementi di design accennano alla nuova impronta stilistica della Casa nipponica. Ad esempio, lo slancio fluido ed energico dato dalla griglia a V prosegue lungo il cofano e la spalla, creando un ritmo suggestivo e di grande effetto.

I fari e i gruppi ottici posteriori sono accentuati dall’originale forma a boomerang.

Il profilo del veicolo descrive appieno la graduale transizione verso il concept Distilled Da Qi. Il tetto sottile, leggero e fluttuante e la forma ascendente in corrispondenza del montante C risuonano producendo una sofisticata armonia, mentre la tinta carrozzeria color grigio neon – sviluppata espressamente per gli amanti della tecnologia – sottolinea la silhouette dell’auto di notte, in tutto il suo splendore.

Consolle monolitica Oracle per avventure da condividere

All’interno, i sedili anteriori e posteriori, sia del conducente che dei passeggeri, sono separati, ma presentano lo stesso stile high-tech e lo stesso status: a bordo di Friend-Me non esistono distinzioni. I passeggeri hanno accesso alle stesse funzioni e informazioni del conducente: velocità, navigazione, carburante… Tutte.

La condivisione è resa possibile da una console centrale unica, che si estende dal cruscotto allo spazio tra i sedili posteriori, un monolite con una speciale finitura nero onice. Gli schermi, visibili da qualunque sedile, si confondono con la superficie, comparendo solo per mostrare i contenuti richiesti dagli utenti – che possono essere trasferiti anche dallo smartphone per divertirsi con gli amici.

Un sogno alla portata di tutti

Nissan Friend-Me è un sogno che si realizza e come tale sarà alla portata dei giovani clienti cinesi. Basata su un’architettura Nissan già esistente, la nuova berlina richiede un quantitativo minimo di componenti specifici.

Il motore previsto sarà un ibrido PureDrive – ecologico, parsimonioso e sufficientemente scattante per la guida in città.

Il sogno di Nissan Friend-Me è stato reso possibile dalla collaborazione tra i design team di Nissan Design China (NDC) – lo studio fondato a Pechino nel 2011 – e il Nissan Global Design Center (NGDC), sotto l’egida di , Senior Vice President e Chief Creative Officer di Nissan. Oltre a essere uno dei progetti più ambiziosi mai messo a punto da NDC, Friend-Me è il primo frutto delle ricerche tutt’ora in corso per esplorare le esigenze e le aspirazioni della clientela cinese.

“Nissan è rinomata per la straordinaria capacità di cogliere al volo le preferenze della clientela, in particolare cinese”, conclude Bancon. “E Friend-Me è solo l’inizio.”

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Francois Bancon nissan friend me salone shanghai Shiro Nakamura Taiji Toyota

Lascia una risposta

 
Pinterest