Luminos solare per la gara australiana

Luminos solare per la gara australiana

18 lug, 2013

di Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

, l’auto solare dell’Univeristà di Stanford per il  
L’auto solare è in grado di sviluppare una velocità crociera di 55 mph (88 km/h)

Foto: Stanford Solar Car Project

11 luglio, 2013. L’ultima Università americana ad iscriversi al World Solar Challenge del prossimo ottobre in Australia ha svelato l’auto solare, si tratta del team della .

Dalla prima edizione del 1987, il World Solar Challenge è un evento biennale che copre più di 1.800 miglia (circa 2900 km) attraverso l’entroterra australianao e le squadre abbinano velocità con efficienza energetica ed aerodinamica per completare il percorso da Darwin ad Adelaide.

L’auto di Stanford, la Luminos, pesa solo 375 libbre (170 kg) e la sua superficie superiore è coperta quasi interamente con celle solari – l’ampia superficie è di vitale importanza per raccogliere più energia possibile.

Quest’anno l’obiettivo è quello di avere anche più energia, ha detto a Palo Alto online.

Luminos, come molti dei concorrenti, utilizza una batteria di bordo per fornire l’auto con energia anche quando il sole non splende. Utilizzando sia l’energia solare che la carica della batteria, l’auto della squadra può raggiungere la sua velocità massima, ma la velocità di crociera è di 55 mph (88 km/h) fin dove Luminos dovrebbe funzionare solo con l’energia solare.

Così come l’efficienza del 97 per cento dei motori elettrici sviluppati dal team, il design a quattro ruote è altamente aerodinamico, con la metà della resistenza aerodinamica di un ciclista, nonostante le sue dimensioni più grandi.

Allo stesso tempo, il design di Stanford è molto diverso da quello del veicolo concorrente dell’Università del Michigan. Dove il team del Michigan mette il loro autista in linea con un set di ruote, la squadra di Stanford ha optato per un baldacchino centrale e una forma più alare.

Stanford dice questa forma è più robusta in condizioni reali, mentre ha una stretta corrispondenza con la sua vettura del 2011 (una tre ruote, spigolosa chiamata ) per quanto riguarda le prestazioni aerodinamiche. Le sue celle solari SunPower hanno una delle più alte efficienze di conversione di produzione disponibili, mentre un progettato 3M di strato antiriflesso assicura che la maggior quantità possibile di energia del sole venga assorbita dai pannelli.

In definitiva, mentre le auto solari di oggi sono molto lontane dalle loro sorelle elettriche che circolano su strada, il World Solar Challenge e le squadre che ci gareggiano – contribuiscono al miglioramento della tecnologia automobilistica.

Dobbiamo ancora cercare di essere competitivi e far progredire la tecnologia nel tentativo di rendere un servizio efficiente, veicoli veloci, ha detto il team leader a Palo Alto online.

Abbiamo anche posto un grande peso nell’importanza del lato del engineering. Avere una esperienza educativa di questo tipo è divertente e importante per noi studenti.

Il World Solar Challenge 2013 sarà caratterizzato da 47 squadre provenienti da tutto il mondo. Si svolgerà dal 6 al 13 ottobre di quest’anno.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: luminos Matteo Matera Stanford University Wesley Ford world solar challenge xenith

Lascia una risposta

 
Pinterest