Le novità della Volkswagen al Salone di Pechino

Le novità della Volkswagen al Salone di Pechino

24 apr, 2014

Fonte: Volkswagen Group Italia

Pechino, Cina. 22 aprile 2014. Volkswagen ha presentato al Salone di Pechino la Nuova Touareg ed il Concept T-ROC, entrambi previsti con propulsione ibrida; mentre la Golf si è arricchita delle versioni Golf R 400 e Golf Edition. Completa il panorama delle nuove auto rivolte al mercato cinese la New Midsize Coupé

 

Nuova Touareg

La SUV Volkswagen in anteprima mondiale a Pechino

Perfezionamento tecnico ed estetico

Restyling per frontale e posteriore; fari bixeno di serie

Nuovi servizi online, TDI Euro 6 e frenata anti collisione multipla

Dieci informazioni importanti sulla nuova Touareg:

1. Nuovo design per frontale e posteriore.

2. Tutte le versioni con fari bixeno di serie.

3. Frenata anti collisione multipla di serie su tutte le versioni V6 TDI.

4. Novità per gli interni: rivestimenti in pelle in tinte diverse, inserti decorativi ed esclusiva illuminazione con luce bianca degli elementi di comando.

5. I motori V6 TDI con catalizzatore SCR e filtro antiparticolato di nuovo sviluppo (versione europea) ottemperano alla normativa Euro 6.

6. Tutte le Touareg dotate di serie di funzione di avanzamento per inerzia (disaccoppiamento del motore).

7. I servizi online mobili quali Google Earth™ Mapping Service, Google Street View™ e Informazioni sul Traffico Online saranno disponibili in Europa in autunno.

8. Nuovi colori carrozzeria e nuovi cerchi (fino a 21 pollici).

9. I nuovi pacchetti R-Line rendono grintosi esterni e interni.

10. Lancio sul mercato previsto a fine estate (autunno in Italia).

La Touareg è uno dei SUV di categoria superiore di maggior successo al mondo. Nell’arco di un decennio la Volkswagen ha venduto circa 720.000 esemplari del suo fuoristrada di alto livello; solo nell’ultimo anno sono stati più di 70.000 gli automobilisti che si sono affidati a una nuova Touareg per avere il meglio dai due mondi: strada e off-road.

In occasione del Salone dell’Automobile di Pechino, la Volkswagen presenta in anteprima mondiale una versione evoluta della Touareg. La generazione 2014 si riconosce esteticamente dal nuovo design del frontale, del posteriore e dei cerchi, nonché dai nuovi colori della carrozzeria.

Dal punto di vista tecnico, tutte le versioni V6 TDI sono ora dotate di frenata anti collisione multipla (che, in caso di incidente, evita ulteriori impatti), fari bixeno e funzione di avanzamento per inerzia (disaccoppiamento del motore). In modalità di avanzamento per inerzia, il motore viene disaccoppiato dal cambio automatico a 8 rapporti per sfruttare l’energia cinetica nei tratti in discesa o in assenza di richieste di potenza, così da ridurre ulteriormente i consumi. Anche una maggiore cura aerodinamica e i nuovi pneumatici con resistenza al rotolamento ottimizzata contribuiscono a ridurre i consumi nell’uso quotidiano. Inoltre, i motori V6 TDI della Touareg sono stati riprogettati per ottemperare alla norma sui gas di scarico Euro 6 che entrerà in vigore in Europa dal 2015.

 

Perfezione tecnica

Grazie all’ottimizzazione del telaio, il comportamento di guida risulta ancora più agile e il comfort maggiore. Rimangono disponibili a richiesta le sospensioni pneumatiche che, sui terreni accidentati, consentono per esempio di aumentare l’altezza dal suolo fino a un massimo di 300 mm, mentre a velocità elevate (a partire da 140 km/h) provvedono ad abbassare automaticamente la carrozzeria. Il processo di evoluzione ha interessato anche la regolazione automatica della distanza ACC con Front Assist e funzione di frenata di emergenza City (ora con funzione stop&go).

 

Più pregiata e connessa alla rete

Per caratterizzare gli interni della Touareg entrano in gioco nuove dotazioni che interessano gli inserti decorativi, i colori dei rivestimenti in pelle, le soluzioni di illuminazione e gli elementi di comando. In abbinamento al nuovo sistema di radio-navigazione RNS 850 e alla predisposizione per telefono cellulare, a partire dall’autunno la Touareg sbarcherà in Europa con i servizi online mobili. Nella prima fase saranno disponibili servizi come la Ricerca dei Punti di Interesse (POI) tramite Google, la visualizzazione mappe su Google Earth™ Mapping Service, la funzione Google Street View™ e le Informazioni sul Traffico Online. L’ultimissima versione della Touareg, disponibile con motore Diesel (TDI), benzina (FSI e TSI) e come modello ibrido (TSI più motore elettrico), verrà lanciata sul mercato alla fine dell’estate (autunno in Italia).

 

Design e allestimenti degli esterni

Frontale

Il design del frontale della Touareg è stato sottoposto a un completo restyling. L’attenzione viene catturata dai gruppi ottici, ora più grandi; tutte le versioni inoltre disporranno di serie dei fari bixeno.

Al centro della vettura, i gruppi ottici trapezoidali creano una linea con la nuova calandra del radiatore, anch’essa di nuovo design. A differenza del modello precedente, la griglia è impreziosita da quattro lamelle cromate trasversali invece di due. Le due lamelle inferiori si allungano visivamente fino a raggiungere i fari.

Calandra del radiatore e fari definiscono così una superficie di notevole ampiezza, sotto la quale si inserisce il paraurti di nuova concezione, studiato in modo da enfatizzare ulteriormente lo sviluppo orizzontale delle linee.

Il nuovo design fa apparire la Touareg ancora più larga. Sulla stessa lunghezza d’onda si inserisce il look completamente nuovo della parte inferiore del paraurti.

Analogamente alla nuova Scirocco R, la sportiva 280 CV firmata Volkswagen, la presa d’aria inferiore forma ora, invece di una “V”, una grande “A” stilizzata e incorniciata dalle prese d’aria laterali. La nuova Touareg assume così un aspetto ancora più imponente.

Ordinando il pacchetto Chrome & Style, segue in basso un listello cromato che prosegue sulla fiancata e sul posteriore. Scendendo ulteriormente, sono posizionati i fendinebbia che, analogamente al paraurti, sono stati oggetto di rivisitazione. Da notare, infine, il nuovo spoiler anteriore, cui si deve in particolare il miglioramento aerodinamico a livello di sottoscocca e ruote anteriori.

 

Parte posteriore

Vista da dietro, la Touareg, ancora più curata nei minimi dettagli, è riconoscibile dal suo nuovo e ben definito paraurti che, analogamente al frontale, sottolinea l’imponenza del SUV.

Ordinando il pacchetto Chrome & Style, ritroviamo anche in questo caso il listello cromato integrato nel paraurti. Tra i terminali dell’impianto di scarico è stato integrato un diffusore, anch’esso di nuova concezione. Nel paraurti i designer hanno inserito i retronebbia a LED e riproposto i catadiottri. In corrispondenza del portellone spiccano, dal basso verso l’alto, il logo VW di nuovo design e una linea caratteristica più marcata tra i gruppi ottici posteriori.

 

Fiancate

Sono due i nuovi cerchi che caratterizzano la fiancata della Touareg. Se si preferisce la versione 18 pollici, ci sono i cerchi in lega leggera Arica, con design a dieci razze dal carattere marcatamente sportivo. Cinque razze doppie distinguono, invece, i nuovi cerchi in lega leggera da 20” Masafi. Oltre ai cristalli laterali che assorbono la luce fino al 65%, viene ora offerta anche una variante il cui vetro assorbe la luce fino al 90% e che risulta così quasi totalmente impenetrabile dall’esterno.

 

Colori carrozzeria

Per la nuovissima Touareg sono previsti complessivamente dodici colori, di cui cinque nuovi: Light Silver Metallic, Sand Gold Metallic, Moonlight Blue Metallic, Black Oak Brown Metallic e Reef Blue Metallic.

 

Design e allestimenti degli interni

Elementi di comando

Gli interni della Touareg esprimono uno straordinario connubio tra la robustezza di un SUV e l’eleganza tipica della classe superiore. Manopole di nuova concezione, perfezionate a livello tattile ed estetico, sono state sviluppate per tutte le principali funzioni. Salta inoltre all’occhio l’illuminazione di tutti gli elementi di comando che ora risulta completamente bianca anziché rossa. Un’altra novità: gli inserti cromati che circondano i moduli di comando come la regolazione dell’assetto. Sopra il sistema di infotainment nella consolle centrale è stato inoltre ampliato il set centrale dei tasti/indicatori con l’aggiunta dei comandi per il riscaldamento del volante e del parabrezza.

 

Rivestimenti e inserti

Risulta ampliata anche la gamma dei rivestimenti e degli inserti in legno. Per esempio la pelle Vienna: a completare le tonalità Titanschwarz, Corn Silk Beige e Marrone Naturale è stato inserito il Marrone Bonanza (marrone scuro). Oltre a queste quattro tonalità è possibile ordinare la pregiata pelle Nappa nel nuovo colore St. Tropez (sabbia chiara). Un’ulteriore novità sono i due inserti decorativi in legno pregiato Sapelli Mahagoni ed Engineered Ebony.

 

Dotazione particolarmente ricca

Tra le dotazioni di serie dei modelli V6 FSI e V6 TDI figurano i fari bixeno (ora per tutte le versioni), i cerchi in lega leggera da 17” (pneumatici 235), il cruise control comprensivo di volante multifunzione, il sistema di infotainment RCD 550 con touchscreen, il sistema start/stop, il sistema di recupero dell’energia, la funzione di avanzamento per inerzia (disaccoppiamento del motore), il climatizzatore automatico Climatronic, lo sterzo Servotronic e l’ESC con stabilizzazione del rimorchio. A differenza delle altre versioni, la V8 e la Touareg Hybrid vantano una dotazione di serie più ricca che comprende per esempio i cerchi in lega leggera da 18” (pneumatici 255), il pacchetto di design Chrome & Style, i sedili comfort rivestiti in pelle Vienna, gli inserti decorativi in legno pregiato, la funzione di apertura e chiusura elettrica per il portellone, un impianto antifurto e il sistema di chiusura e avviamento Keyless Access.

Sempre di serie, il divano posteriore scorrevole longitudinalmente di 160 millimetri con possibilità di regolare l’inclinazione dello schienale.

All’occorrenza è sufficiente premere un tasto per sbloccare elettricamente il divano posteriore che si abbatte in pochi secondi portando così la capacità del bagagliaio fino a 1.642 litri.

 

R-Line sportiva

Anche per la nuova Touareg sono previsti i pacchetti di equipaggiamento spiccatamente sportivi R-Line (Esterni e Interni). Negli esterni il pacchetto R-Line aggiunge per esempio cerchi in lega leggera da 19” Salvador (disponibili a richiesta cerchi da 19, 20 e 21 pollici), paraurti con design R-Line, prese d’aria in nero lucido con ulteriori listelli cromati, sottoporta maggiorati, diffusore in nero lucido nel posteriore (anch’esso con ulteriori listelli cromati), terminali di scarico cromati delle versioni Touareg V8 e uno spoiler posteriore pronunciato e sportivo. All’interno, il pacchetto R-Line arricchisce la Touareg con volante sportivo, inserti decorativi R-Line in Silver Lane, listelli battitacco R-Line, pedaliera in acciaio inox e cristalli posteriori bruniti. A richiesta, il pacchetto può essere ampliato con un padiglione nero, inserti decorativi in nero laccato e sedili sportivi con rivestimenti in pelle Nappa  (bicolore) o in Alcantara / Nappa con logo R sugli appoggiatesta.

 

Un SUV high-tech

Grazie ai suoi numerosi sistemi di assistenza e comfort, la Touareg è uno dei SUV più innovativi disponibili sul mercato. Di seguito sono riportati alcuni esempi.

Il suo freno di stazionamento viene azionato tramite pulsante. Nella Touareg il livello dell’olio motore viene visualizzato elettronicamente. A richiesta, il portellone può aprirsi e chiudersi automaticamente.

Grazie all’amplissimo tetto scorrevole panoramico, disponibile per tutte le Touareg, anche nelle giornate buie la luce non mancherà. Il sistema di assistenza Area View utilizza quattro telecamere per controllare la zona che circonda la vettura per garantire così maggiore sicurezza.

La protezione è ulteriormente assicurata dalla possibilità di avere fino a nove airbag. Il Lane Assist impedisce di deviare dalla corsia; in caso di cambio di corsia, invece, il Side Assist avvisa della presenza di eventuali veicoli in avvicinamento da dietro. La regolazione automatica della distanza ACC con Front Assist e funzione di frenata di emergenza City frena in caso di emergenza fino a fermare la vettura.

La protezione proattiva degli occupanti abbina i sistemi di assistenza e, in caso di collisione, garantisce non solo che le cinture di sicurezza vengano tese, ma, a seconda della dinamica trasversale, che i finestrini e il tetto panoramico scorrevole vengano chiusi. Innovativi risultano inoltre i fari bixeno con Dynamic Light Assist (quest’ultimo disponibile a richiesta). Il sistema di abbaglianti permanenti basato su telecamera “analizza” i veicoli provenienti in senso contrario e quelli che precedono regolando automaticamente gli abbaglianti tramite uno specifico dispositivo presente in ogni faro, senza abbagliare.

Considerando tutte queste caratteristiche, la Touareg risulta quindi una delle automobili più sicure.

 

Motore e tecnologia a trazione integrale

Motori V6 e V8

A seconda dei mercati, la Touareg a trazione integrale viene offerta con motori Turbodiesel (V6 e V8 TDI), motori benzina (V6 e V8 FSI), motore turbo benzina (V6 TSI) e come modello ibrido (V6 TSI + motore elettrico).

Tutti i motori V6 vengono proposti in abbinamento a un cambio automatico a 8 rapporti e sono dotati di serie di sistema start/stop; utilizzano inoltre il sistema di recupero dell’energia per sfruttare l’energia cinetica.

 

4Motion

Tutte le versioni di accesso della Touareg vengono proposte con trazione integrale 4Motion e ripartitore di coppia autobloccante Torsen (pendenza superabile 31°). Inoltre, tutte le Touareg dispongono di un programma di marcia Offroad che tramite un interruttore a due stadi adatta ABS, EDS e ASR all’impiego fuoristrada, attiva il sistema di assistenza nelle partenze in salita e adatta i punti di innesto del cambio automatico.

A richiesta, la Touareg V6 TDI 258 CV può essere equipaggiata con il pacchetto Terrain Tech che, anziché il differenziale Torsen, prevede lo schema di trazione 4XMotion con un ripartitore di coppia ancora più fortemente orientato all’impiego fuoristrada, comprendente un riduttore e due differenziali, uno centrale e l’altro posteriore, con un bloccaggio fino al 100% (pendenza superabile: 45°).

Questa versione dispone di un interruttore girevole a cinque stadi tramite il quale il guidatore può adattare il SUV alle condizioni di impiego.

 

Motori Diesel in Europa – V6 TDI con catalizzatore SCR e filtro DPF e V8 TDI

In Europa i Clienti possono scegliere fra tre TDI e la Touareg Hybrid.

I TDI erogano una potenza di 204 CV, 258 CV (ora con 13 CV in più) e 340 CV. La Touareg Hybrid raggiunge invece 380 CV di potenza. D’ora in poi i due V6 TDI ottempereranno alla norma sui gas di scarico Euro 6 che entrerà in vigore da settembre 2015.

Nel processo di riprogettazione, i due motori sono stati dotati di un nuovo modulo di catalizzatore SCR con filtro DPF, di un sistema di dosaggio SCR (con additivo AdBlue) e di un ulteriore catalizzatore di blocco (elimina l’ammoniaca in eccesso); inoltre l’impianto di depurazione dei gas di scarico dispone di un catalizzatore a ossidazione.

Parallelamente è stato possibile ridurre i consumi del V6 TDI BlueMotion Technology 204 CV da 7,0 l/100 km (a fronte di emissioni di CO2 di 184 g/km) a 6,6 l/100 km (con emissioni di CO2 pari a 174 g/km).

Come anticipato, è stata aumentata la potenza della versione 258 CV: il V6 TDI eroga ora 13 CV in più sebbene, anche in questo caso, siano stati ridotti i consumi: da 7,2 l/100 km (a fronte di emissioni di CO2 di 189 g/km)  a 6,8 l/100 (pari a emissioni di CO2 di 178 g/km). Il Diesel più potente si conferma il V8 TDI 340 CV.

 

Motori benzina in Europa – propulsione ibrida con V6 TSI e motore elettrico

In Europa la Volkswagen offre la Touareg Hybrid con un V6 TSI (turbo benzina a iniezione diretta) 245 kW / 333 CV e un motore elettrico 38 kW / 52 CV. Se i due motori lavorano contemporaneamente (boost), ne risulta una potenza che raggiunge i 279 kW / 380 CV e una coppia massima di 580 Nm. Tuttavia, con un consumo di soli 8,2 l/100 km ed emissioni di CO2 pari a 193 g/km, la Touareg Hybrid stabilisce nuovi standard di riferimento per i SUV benzina adatti ai percorsi offroad. Inoltre, la vettura può raggiungere anche i 50 km/h in modalità esclusivamente elettrica, quindi a emissioni zero. Come tutte le Touareg, anche la versione ibrida può gestire un peso rimorchiabile fino a 3,5 tonnellate.

 

Motori benzina e Diesel nel mondo – motori V6 e V8

In Asia la nuova Touareg sarà disponibile con tre motori benzina e due Diesel.

I motori benzina per la Cina erogano 290 e 320 CV (per i due V6 TSI) e 360 CV (V8 TSI). Per la Russia, la Casa tedesca ha in programma per la nuova Touareg due motori benzina che erogano una potenza di 249 CV (V6 FSI) e, analogamente alla Cina, 360 CV  (V8 FSI). Negli USA e in Canada, la Volkswagen offrirà la Touareg come V6 FSI (280 CV), in versione ibrida (380 CV) e come V6 TDI  (239 CV).

 

Consumi ridotti fino al 6%

Grazie a numerosi miglioramenti aerodinamici (tra cui, aperture per le prese d’aria sul frontale, gusci degli specchietti retrovisori esterni modificati, nuovi spoiler sulle ruote), a pneumatici con resistenza al rotolamento ottimizzata e a una riduzione degli attriti all’interno del cambio automatico a 8 rapporti di serie, la Volkswagen è riuscita a ridurre i consumi fino al 6% (V6 TDI 204 CV).

Nell’impiego quotidiano, i consumi vengono ulteriormente ridotti grazie a un sistema start/stop ottimizzato (ora il motore viene spento già a velocità inferiori ai 7 km/h) e al sistema di recupero dell’energia. Inoltre, una funzione di disaccoppiamento del motore offerta di serie sulle versioni V6 (disponibile finora solo per la Touareg Hybrid) migliora i consumi nell’uso quotidiano. Infatti, non appena il guidatore rilascia il pedale dell’acceleratore, il motore viene separato dal cambio: questo stato di funzionamento viene definito veleggiamento, ossia avanzamento per inerzia. Ciò è possibile a velocità fino a 130 km/h, quindi anche in autostrada.

 

T-ROC. Il futuro design dei SUV Volkswagen

Anteprima asiatica della concept T-ROC

La T-ROC dispone di tetto a sezioni rimovibili e strumentazione digitale

Imponente design del frontale con fari a LED e telecamere integrate

Dieci informazioni importanti sulla concept car T-ROC:

1. Il design futuristico del frontale apre nuove strade per i SUV compatti della Volkswagen.

2. Frontale e posteriore sono dotati di telecamere supportate, in condizioni di oscurità, da fari con tecnologia LED.

3. Le due metà del tetto possono essere smontate e riposte nel bagagliaio.

4. La T-ROC monta un motore Turbodiesel 184 CV con 380 Nm di coppia massima. Come cambio viene impiegato un DSG a 7 marce.

5. Il consumo del 2.0 TDI è pari a 4,9 l/100 km.

6. Questa concept car è dotata di trazione integrale permanente 4Motion nella versione più recente con frizione Haldex 5.

7. La T-ROC prevede tre diverse modalità di marcia: Street, Offroad e Snow.

8. Sulla T-ROC sono presenti una strumentazione completamente digitale e comandi del climatizzatore digitali.

9. Un tablet funziona da display per l’infotainment.

10. La T-ROC è realizzata sulla base della piattaforma modulare trasversale MQB. E’ lunga 4.179 mm, larga 1.831 mm e alta 1.501 mm; il passo misura 2.595 mm.

 

Con la Tiguan e la Touareg, la Volkswagen offre due dei SUV (Sport Utility Vehicle) di maggior successo prodotti in Europa. Una gamma che la maggiore Casa automobilistica europea ha intenzione di ampliare significativamente introducendo nuovi modelli di segmenti diversi. La Volkswagen ha svelato già nel 2013 il possibile aspetto di un SUV di grandi dimensioni per gli Stati Uniti o la Cina con i prototipi CrossBlue e CrossBlue Coupé; è in corso lo sviluppo del veicolo per la produzione in serie. Nel segmento medio, nel 2012 la Volkswagen è riuscita a dimostrare con il prototipo Cross Coupé, anch’esso con riferimento concreto alla produzione in serie, quanto può essere estremamente parco nei consumi un SUV a trazione integrale a propulsione ibrida TDI plug-in. Un modello compatto per il segmento di prezzo inferiore è già nella fase di sviluppo con la Taigun; la versione più recente di questo prototipo di SUV è stata appena presentata nella città indiana di Nuova Delhi. Ora, in anteprima asiatica al Salone di Pechino 2014 segue un’ulteriore anticipazione su un futuro SUV Volkswagen: la T-ROC, un prototipo con posizionamento inferiore alla Tiguan che non è stato concepito solo per la “giungla urbana”.

 

Tetto a sezioni rimovibili

La concept car presentata a Pechino segue una nuova linea di design e interni. Questa tre porte unisce le doti di un SUV a trazione integrale, che non teme nemmeno i tracciati rocciosi offroad, con la “leggerezza” estiva di una cabriolet.

La sezione centrale del tetto è infatti composta da due metà che, con poche operazioni manuali, possono essere rimosse e stivate nel bagagliaio.

La sua anima fuoristradistica si riflette anche sul nome: ROC è infatti ripreso dalla parola inglese “rock” che significa roccia o pietra. Con la T, invece, è stato creato un collegamento con i nomi dei SUV Volkswagen presenti, Tiguan e Touareg, e futuri, Taigun.

 

Street/Offroad/Snow

La T-ROC monta un motore Turbodiesel a iniezione diretta da 184 CV e prevede tre diverse modalità di trazione: Street, Offroad e Snow. A seconda della modalità variano i parametri della trazione integrale 4Motion, del motore, del cambio DSG a 7 marce, dell’ABS e della funzione di partenza assistita in salita e di marcia assistita in discesa. Le modalità possono essere attivate mediante un comando intuitivo posizionato sul pomello della leva del cambio DSG; la modalità attiva viene visualizzata sulla strumentazione completamente digitale all’interno di una finestra pop-up.

 

Esterni

Dimensioni e peso. La T-ROC ha una lunghezza di 4.179 mm, per 1.831 di larghezza e 1.501 di altezza. La carrozzeria si basa sul pianale modulare trasversale MQB. La costruzione con materiali leggeri consente di limitare il peso del SUV a soli 1.420 kg. Gli sbalzi limitati (anteriore 811 mm, posteriore 772 mm) e le carreggiate ampie rispetto alla larghezza della carrozzeria, pari a 1.578 mm (anteriore) e 1.564 mm (posteriore) hanno un effetto positivo sull’estetica e sull’equilibrio delle proporzioni. Il passo è di 2.595 mm.

Sull’asse anteriore e su quello posteriore il SUV è dotato di cerchi in lega leggera compositi da 19” con pneumatici 245/45.

 

Design di tendenza

Con la T-ROC il team dei designer della Volkswagen, sotto la guida di Walter de Silva e di Klaus Bischoff, ha dato vita a un’ulteriore evoluzione orientata al futuro del DNA dei SUV del brand, pur conservando la storia della Volkswagen. Tale evoluzione si esprime in modo particolarmente significativo sul frontale.

Si nota subito la calandra del radiatore tridimensionale dotata di ampie aperture a nido d’ape: un nuovo elemento di design dominante, alto e ampio al centro, che va restringendosi verso le fiancate, incorniciato in alto da un listello nero lucido che sembra tagliato con una lama, racchiuso lateralmente dai doppi proiettori a LED e delimitato in basso da una traversa in look alluminio. Questa traversa, che va restringendosi verso le fiancate, è più di un semplice elemento decorativo, infatti all’esterno ospita le luci diurne a LED e gli indicatori di direzione, anch’essi a LED (quando si attivano gli indicatori di direzione le luci diurne bianche diventano luci lampeggianti arancioni). Se sono attive solamente le luci diurne, automaticamente si accenderà il relativo punto luminoso a LED al centro dei doppi proiettori. I fari con tecnologia LED esterni costituiscono gli anabbaglianti; attivando gli abbaglianti si accendono anche i fari con tecnologia LED adiacenti, anch’essi alloggiati all’interno dei proiettori. Altrettanto caratteristica a livello estetico è la parte inferiore del frontale: quasi come se si mettesse uno specchio sotto la calandra del radiatore, i suoi profili riaffiorano nella presa d’aria inferiore. Il paraurti è racchiuso in basso da robuste protezioni sottoscocca.

 

Fari orientabili multifunzionali

Tra la calandra del radiatore e la presa d’aria inferiore, a dominare il design del frontale è un elemento trasversale in tinta con la carrozzeria. All’esterno, nella stessa sezione, sono integrati moduli proiettori rotondi di grandi dimensioni, che a livello estetico ricordano la leggendaria Volkswagen Karmann Ghia Tipo 34. Tuttavia, diversamente da cinquant’anni fa, la tecnica che sta dietro alle coperture in vetro è in grado oggi di fare molto più che semplicemente illuminare: ognuno dei due proiettori rotondi è infatti dotato al centro di un listello composto da tre LED, che formano i fendinebbia. Sopra il listello è integrato un Power LED, con funzione di faro orientabile.

Sotto il listello composto da tre LED la Volkswagen ha integrato una telecamera mobile. Non appena attiva la modalità Offroad, il guidatore può accendere anche i fari orientabili e le telecamere. In questa modalità i Power LED e le telecamere seguono l’angolo di sterzata della T-ROC; l’immagine della zona circostante viene trasmessa su un ampio display (tablet estraibile) integrato nella consolle centrale, per consentire al guidatore di individuare eventuali pietre o buche immediatamente davanti alla vettura e quindi di evitarle.

 

Il design delle fiancate è chiaro e preciso

Le fiancate presentano linee decise e forti. Nella parte superiore, il tetto nero lucido,  insieme al parabrezza, all’ampio spoiler sul tetto e al lunotto, forma una linea scura che caratterizza il profilo della T-ROC come una coupé. Al di sotto della linea del tetto un listello in alluminio si estende fino alla base dei montanti posteriori facendo sembrare la vettura più bassa di quanto non sia realmente, con i suoi 1.501 mm di altezza. Dalla fiancata i montanti posteriori stessi appaiono come un roll-bar spostato in posizione decisamente arretrata. Le metà del tetto rimovibili sono integrate tra questo roll-bar immaginario e la cornice del parabrezza. Una volta smontate queste, e abbassati tutti e quattro i cristalli laterali, la T-ROC si trasforma in una cabriolet, specialmente per guidatore e passeggero anteriore.

La linea dei cristalli si estende all’altezza del montante anteriore fino al cofano motore e al parafango, facendo apparire il cofano motore particolarmente lungo. Un’impressione di fatto poi sottolineata dal parabrezza spostato in posizione decisamente arretrata.

Nella zona sottostante la linea dei cristalli si collega la cosiddetta linea caratteristica, sul cui asse sono integrate le maniglie delle porte, delimitata davanti e dietro da robusti passaruota. Ogni linea segue una propria logica, e questa caratteristica è tipica del design della Volkswagen.

Un altro elemento di spicco del profilo sono le razze dei cerchi in lega leggera da 19” con le superfici interne verniciate in tinta con la carrozzeria. Di particolare pregio sono i listelli sottoporta cromati. I robusti inserti offroad in materiale sintetico scuro di colore Cool Granit proteggono la carrozzeria.

 

Design della parte posteriore

Gli elementi dei montanti posteriori del portellone, al pari dello spoiler sul tetto, sono rifiniti in nero lucido. Al di sotto si apre la suddivisione del posteriore, anche qui coerentemente improntata a un andamento orizzontale delle linee. I gruppi ottici posteriori a LED sono tridimensionali; lateralmente formano parte del parafango, mentre verso l’interno fanno parte del portellone. In modo analogo ai listelli delle luci diurne del frontale, anche i gruppi ottici posteriori sono dotati di elementi in alluminio che appaiono come sospesi nel vuoto. Anche gli elementi dei gruppi ottici posteriori adiacenti al portellone sono completamente in alluminio.

 

Telecamere anche nella parte posteriore

Nel frontale, i profili esterni della calandra si rispecchiano nella presa d’aria. Nel posteriore il profilo del portellone sembra riflettersi nella superficie destinata alla targa. A destra e a sinistra di questa superficie si trova un elemento rotondo di grandi dimensioni, integrato in un inserto nero lucido. Come nella parte anteriore, anche qui sono integrati tre LED, che formano le luci di retromarcia. Il Power LED posizionato al di sopra in questo caso svolge la funzione di retronebbia. Al di sotto dei tre LED è installata un’altra telecamera che consente di visualizzare anche lo spazio retrostante la T-ROC. Anche le immagini della telecamera per la retromarcia vengono proiettate sul tablet integrato nella consolle centrale. Sotto i moduli rotondi dei proiettori e della telecamera seguono lateralmente gli elementi terminali dell’impianto di scarico (in alluminio opaco, con profilo in carbonio) integrati nel paraurti e le protezioni sottoscocca con quattro elementi in alluminio.

 

Interni

Concepita per l’avventura

La T-ROC è una quattro posti con interni di nuova concezione. Tutti gli elementi sono studiati sul fronte della funzionalità in misura tale da riflettere il carattere offroad della T-ROC. Ciò significa, quindi, che le dotazioni sono robuste, maneggevoli e dalla struttura mobile, come ad esempio il touchscreen della consolle centrale concepito come tablet o la telecamera HD integrata in corrispondenza dello specchietto retrovisore interno, elementi che possono essere utilizzati anche al di fuori della T-ROC.

 

Protagonisti il blu e l’antracite

Stilisticamente, la plancia piatta presenta una suddivisione orizzontale. L’elemento centrale è il dash pad verniciato in Bluesplash Metallic. In particolare, per quanto riguarda i modelli orientati al lifestyle, come la up! e la Beetle, la Volkswagen punta sugli interni verniciati anche di serie. Anche i cosiddetti listelli decorativi sulle porte, la mascherina della consolle centrale e gli inserti a forma di ala del volante rivestito in pelle della T-ROC sono verniciati in tinta con la carrozzeria.

Le altre superfici degli interni, esclusi i sedili, sono in una tonalità di antracite denominata Adamantium Dark. I quattro sedili rivestiti in pelle presentano invece una gradazione di blu che sfuma in antracite.

 

Strumentazione digitale

I comandi, gli indicatori di stato e le funzioni di climatizzazione a bordo della T-ROC sono completamente digitali. In linea con tale concezione, per la strumentazione viene utilizzato un display a colori da 12,3”. A seconda della modalità di marcia – Street, Offroad o Snow – si attiva una gamma di colori e informazioni studiati in funzione della situazione. Per esempio, il “fondo scala” del tachimetro in modalità Offroad passa da 260 a 80 km/h. L’interazione con la strumentazione diventa accattivante grazie a informazioni continue e animazioni nitide; i dati vengono visualizzati con un’estetica digitale assolutamente originale.

 

Schermo per infotainment configurabile a piacere

Come touchscreen per il sistema di infotainment viene impiegato un tablet inserito nella plancia; i due terzi superiori del display sporgono dal cruscotto. Il display Multitouch è configurabile a piacere.

Analogamente alla strumentazione davanti al guidatore, anche sul tablet la gamma di colori e informazioni varia a seconda della modalità di marcia. In modalità Offroad il tablet viene inoltre utilizzato come schermo per le telecamere. Anche la telecamera HD integrata nel supporto dello specchietto retrovisore interno, in grado di filmare sia verso l’esterno che all’interno dell’abitacolo, viene comandata mediante il tablet.

 

Funzione di climatizzazione con regolazione digitale

Anche la funzione di climatizzazione della T-ROC può essere gestita completamente in formato digitale, mediante un display AMOLED (Active Matrix Organic LED) superbrillante e ad alta risoluzione. Le funzioni clima vengono impostate mediante questo touchscreen. Il display AMOLED è integrato nella consolle centrale. Una grande novità è la logica di comando in funzione del corpo che consente di regolare individualmente una “temperatura percepita”, quindi non solo il flusso d’aria, per le singole parti del corpo. Il climatizzatore regola infatti automaticamente le impostazioni di temperatura e ventilazione, oltre alla ripartizione dell’aria. Il design della mascherina della consolle centrale, la cui configurazione si ispira alle protezioni integrali dei caschi da motocross, esprime grande amore per i dettagli.

 

Tecnologia

Potente ed efficiente. La T-ROC monta un motore Turbodiesel con coppia elevata e parco nei consumi: il 2.0 TDI 184 CV, utilizzato anche sulla sportiva Golf GTD. Sulla concept car, il Diesel high-tech garantisce una velocità massima di 210 km/h, un’accelerazione di 6,9 secondi per lo sprint da 0 a 100 km/h e una disponibilità di 380 Nm di coppia a partire da 1.750 giri. Tutto ciò a fronte di un consumo medio pari a 4,9 l/100 km (con emissioni di CO2 di 129 g/km) . La distribuzione della potenza per la trazione integrale 4Motion è assicurata da un cambio a doppia frizione DSG a 7 rapporti.

 

Trazione integrale 4Motion

In condizioni di marcia normali, la trazione integrale 4Motion, dotata dell’ultima generazione di frizione Haldex, trasmette la potenza del motore quasi interamente sull’asse anteriore, caratteristica che rende la vettura particolarmente parca nei consumi. Il sistema 4Motion mantiene tuttavia anche in questo caso la trazione integrale permanente, dato che l’asse posteriore viene riattivato immediatamente con maggiore forza non appena si rileva uno slittamento a carico dell’asse anteriore oppure qualora i sensori della T-ROC registrino un aumento dell’accelerazione trasversale. Il 4Motion si avvale di una funzione di precontrollo che dipende dalle condizioni di marcia. Non appena necessario, l’asse posteriore viene quindi attivato in poche frazioni di secondo mediante la frizione Haldex.

 

Street/Offroad/Snow

La T-ROC prevede tre modalità di marcia selezionabili dal guidatore: Street, Offroad e Snow. A seconda della modalità variano i parametri della trazione integrale, del gruppo motore-cambio e della funzione di partenza assistita in salita e di marcia assistita in discesa. Le modalità possono essere attivate mediante un comando intuitivo posizionato sulla leva del cambio DSG; la modalità attiva viene visualizzata sulla strumentazione digitale all’interno di una finestra pop-up.

 

Street

La modalità standard è la Street. La trazione integrale attiva l’asse posteriore solamente qualora le condizioni di trazione o dell’accelerazione trasversale lo richiedano.

 

Offroad

In modalità Offroad, grazie alla pressione di un pulsante, viene attivata una distribuzione della coppia preimpostata in rapporto 50:50 tra asse anteriore e posteriore, così come tutta una rete di sistemi di assistenza per ottimizzare la guida in fuoristrada.

In questo caso, sono integrate le funzioni di marcia assistita in discesa, di partenza assistita in salita, una taratura ancora più precisa del pedale del gas, una specifica funzionalità del cambio DSG e dell’ABS Plus. Quest’ultimo opera su terreni sconnessi, con una logica di intervento diversa e quindi aiuta, per esempio sui ghiaioni, ad accorciare gli spazi di frenata. Inoltre in modalità Offroad possono essere collegate le telecamere anteriore e posteriore.

 

Snow

Per chi ama sciare, la modalità Snow offre un ulteriore vantaggio in termini di sicurezza attiva. Come in modalità Offroad, anche in questo caso la trazione integrale passa a una distribuzione base della potenza di 50:50 e, inoltre, viene attivato l’ABS Plus.

Parallelamente viene adattata la gestione di motore e cambio al fine di ridurre la trazione in maniera adeguata al fondo nevoso.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: salone pechino volkswagen nova touareg volkswagen t-roc

Lascia una risposta

 
Pinterest