Le auto Green del Salone di Shanghai

Le auto Green del Salone di Shanghai

24 apr, 2015

Abbondanza di ibridi plug-in

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

Shanghai, Cina. 21 Aprile 2015. Lo status della Cina come il più grande mercato di auto nuove nel mondo significa che il 2015 è ora altrettanto importante per gli acquirenti di auto sia al di fuori del paese che all’interno.

Mentre ci sono ancora molte creazioni bizzarre, lo spettacolo di Shanghai è anche piena di concept e di auto di produzione da costruttori globali.

I veicoli suggeriscono quello che verrà negli Stati Uniti e in Europa, nonché nei mercati cinesi.

Il governo nazionale cinese e alcune delle suoi più grandi città continuano a promuovere le “New Energy Vehicles” – tra cui le auto elettriche, le ibride plug-in ed i veicoli ad idrogeno a celle a combustibile – e questa influenza politica può essere vista nella lista dei delle nuove auto presentate.

Tale elenco è pieno di ibridi plug-in, così come di altre automobili verdi.

Qui vi proponiamo una sintesi dei debutti più importanti.

 

Concept car

L’, 2015 è un concept plug-in ibrido che continua la serie Prologue di Audi delle anteprime dei futuri design.

Audi Prologue All Road Concept

Presenta lo stesso powertrain comparso precedentemente nella coupé a guida autonoma Prologue che Audi ha mostrato al Consumer Electronics Show a gennaio.

Quindi, sotto la carrozzeria, c’è un 4.0 litri turbo V-8 con un motore elettrico a sandwich tra esso e la trasmissione automatica a otto velocità.

Una notevole potenza di 724 cavalli e 663 libra-piedi di coppia viene inviata a tutte le quattro ruote, mentre l’energia da 14,1 kWh del pacco batterie agli ioni di litio offre un’autonomia di 33 km in sola modalità elettrica.

Audi Prologue Allroad non è destinata alla produzione, ma allude fortemente allo styling dei futuri modelli Audi.

Si prevede che Audi offrirà versioni ibride plug-in di quasi tutti i modelli, quindi una produzione di auto plug-in di diverso tipo potrebbe finire un giorno negli showroom.

La FNR è una vettura elettrica futuristica con capacità di guida autonoma. È dotata di motori hubeless a magneti permanenti sulle ruote e un sistema di ricarica wireless automatizzato.

Forse non a caso è un disegno del genere fantastico, Chevy non ha messo a disposizione le specifiche tecniche, per non parlare di come funzionano questi sistemi.

La guida avviene con sensori di bordo e un impianto radar montato sul tetto, che consentono l’FNR di mappare il suo ambiente.

La sua carrozzeria del tipo baldacchino e porte a “libellula” nascondono un interno a quattro posti, con sedili anteriori girevoli a 180 gradi per affrontare i sedili posteriori durante la guida autonoma.

FNR non è destinata alla produzione, ma dimostra come la guida autonoma potrebbe influenzare i disegni delle future automobili.

La Peugeot 308 R Hybrid si basa sulla berlina 308 della casa automobilistica francese, ma è piuttosto un animale diverso.

Sotto la carrozzeria bicolore c’è un powertrain ibrido che produce 500 CV che la rendono differente da qualsiasi altra berlina compatta che si possa incontrare.

Quella potenza viene fornita da un motore da 1.6 litri turbo quattro cilindri e cambio automatico a sei velocità, con due motori elettrici e una batteria agli ioni di litio da 3 kWh.

Le modalità multiple di guida consentono al conducente di passare dal funzionamento completamente elettrico ad un’impostazione “Hot Lap” che estrae massima potenza sia dal motore a combustione interna e motori elettrici.

L’accelerazione della 308 R Hybrid è da 0-62 mph in 4,0 secondi, mentre la velocità massima è limitata a 155 mph, secondo Peugeot.

L’ultimo concept plug-in hybrid di Volkswagen prevede lo stile delle future auto di lusso del marchio tedesco.

La C Coupé GTE è una “coupé a quattro porte” più grande dell’attuale CC su base Passat, con porte posteriori full-size e una linea del tetto bassa.

Volkswagen C-Coupé GTE Concept

Il propulsore è costituito da un motore a benzina quattro cilindri turbo e cambio automatico a otto rapporti con motore elettrico integrato.

Le due fonti di alimentazione erogano 241 CV combinato e 369 libra-piedi di coppia alle ruote anteriori.

Volkswagen stima che la C Coupé GTE consumerà 102 MPGe nel ciclo combinato – ed il ciclo di prova europeo è molto ottimista – con 31 miglia di serie elettrica a velocità fino a 81 mph.

La C Coupe GTE non andrà in produzione, ma il suo stile sarà applicato ai futuri modelli VW di alto di gamma, tra cui la prossima berlina Phaeton.

Audi aveva precedentemente mostrato l’ibrida A6 L e-tron concept plug-in nel 2012, e ora la versione di produzione fa il suo debutto a Shanghai.

Il propulsore è costituito da un motore a benzina 2,0 litri turbo a quattro cilindri e cambio automatico a otto rapporti con un motore elettrico integrato.

Insieme, producono una potenza combinata di 245 CV e 368 Nm di coppia – che viene inviata solo alle ruote anteriori.

Una batteria da 14,1 kWh agli ioni di litio fornisce fino a 31 chilometri di autonomia, mentre Audi stima che l’efficienza di combustibile è di 107 MPGe in condizioni di guida miste.

L’A6 L e-tron sarà venduta solo in Cina, ma data la propensione di Audi per i modelli ibridi plug-in, qualcosa di simile potrebbe sbarcare anche negli Stati Uniti.

Audi svelerà l’ennesima versione della sua plug-in ibrida Q7 e-tron quattro a Shanghai.

Mentre l’iniziale Q7 e-tron quattro era caratterizzata da un 3.0 litri diesel V-6, la Q7 e-tron quattro TFSI 2.0 è equipaggiata con un 2.0 litri turbo benzina a quattro cilindri.

Il motore è abbinato ad un cambio automatico a otto rapporti e motore elettrico che agiscono su tutte e quattro le ruote.

La potenza combinata è valutata in 367 HP e 516 Nm di coppia – rispetto i 373 CV e 516 libra-piedi per il diesel.

La batteria da 17,3 kWh agli ioni di litio è in grado di fornire fino a 33 chilometri di autonomia elettrica, mentre le stime Audi nel ciclo combinato per quanto riguarda l’economia di carburante è di 94.1 mpg nel ciclo di prova cinese.

Questo modello per il mercato asiatico sarà probabilmente una delle tre varianti Q7 e-tron, insieme con il diesel TDI e un modello con specifiche tecniche per gli Stati Uniti con un motore a benzina più grande.

Svelata il mese scorso, la 2016 è il SUV ibrido plug-in X5 che l’azienda ha presentato in giro per oltre un anno.

E’ alimentata da un motore quattro cilindri 2.0 litri turbo accoppiato ad un cambio automatico a otto rapporti e motore elettrico.

BMW X5 xDrive 40e

Quando opera come un ibrido, la X5 può inviare 309 CV e 331 libra-piedi di coppia a tutte le quattro ruote.

La batteria agli ioni di litio da 9 kWh eroga energia sufficiente per un’autonomia solo elettrica di 19 miglia, a velocità fino a 75 mph.

Le vendite statunitensi dovrebbero iniziare questo autunno.

La versione ibrida plug-in della berlina  2016 fa anche la sua prima apparizione pubblica a Shanghai.

Il powertrain possiede un motore 2.0 litri turbo quattro cilindri con una coppia di motori elettrici e una batteria agli ioni di litio da 18,4 kWh – delle stesse dimensioni di quella utilizzata nel Chevy Volt 2016.

La potenza totale del sistema è stimata in 335 CV e 432 libra-piedi di coppia.

Cadillac CT6 PHEV

Cadillac prevede un risparmio di carburante di più del doppio rispetto quella di una CT6 convenzionale, ma le cifre di autonomia e di efficienza saràanno rivelate più vicino al lancio statunitense della vettura.

Quella batteria radoppia la dimensione di qualsiasi altra auto plug-in ibrido attualmente in commercio e potrebbe produrre fino a 30 miglia di autonomia elettrica in fase di test EPA.

La CT6 PHEV possiede anche il sistema Regen on Demand prima visto nella coupé ELR.

Questo sistema permette al guidatore di regolare l’aggressività della frenata rigenerativa, ed è gestito con i paddles al volante.

Una rinfrescata è stata presentata più di un anno fa, al New York Auto Show 2014 e ora è il turno di sua sorella che ha avuto un trattamento simile.

La Lexus ES 300h 2016 presenta caratteristiche riviste nello stile che include una nuova calandra, fari e luci diurne a LED, così come alcune modifiche minori sul posteriore.

Lexus dice anche che ha irrigidito la struttura e ha aggiunto maggior isolamento. Il sistema Lexus Safety + di aiuti elettronici al conducente è anche disponibile.

Il propulsore rimane invariato, con un motore a ciclo Atkinson da quattro cilindri e 2,4 litri e motore elettrico che erogano 200 HP con trazione sulle ruote anteriori.

Volvo S60L T6 Twin Engine

Volvo continua ad ampliare la sua gamma di plug-in ibridi con questo modello basato sulla berlina S60.

Al centro c’è un 2,0 litri a quattro cilindri simile a quello utilizzato nella XC90 T8 2016 con il Twin Engine ibrido plug-in, ma con un solo turbocompressore invece di turbocompressore e sovralimentatore.

Ecco perché si tratta di un “T6″ e non un “T8″.

Un motore elettrico è inserito tra il motore e un cambio automatico a otto rapporti.

Insieme, mandano 306 CV e 405 Nm di coppia. Un secondo motore in grado di alimentare le ruote posteriori, permette alla vettura di avere la trazione integrale.

Per una guida meno vigorosa, la batteria agli ioni di litio da 11.2 kWh è in grado di fornire un’autonomia in modo solo elettrico di 33 miglia. La ricarica da una presa di casa richiede 4,5 ore.

Il mercato cinese con la S60L T6 Twin Engine darà Volvo la terza ibrida plug-in, dopo la V60 diesel Plug-in Hybrid nel mercato europeo e la globale XC90 T8 Twin Engine.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: audi A6 L e-tron concept plug-in Audi Allroad Prologue concept audi q7 e-tron quattro BMW X5 xDrive40e Cadillac CT6 chevrolet fnr concept China Auto Show lexus es peugeot 308 r hybrid salone shanghai shanghai auto show toyota camry hybrid volkswagen C Coupé GTE volvo s60 hybrid plug-in volvo XC90 T8 twin engine

Lascia una risposta

 
Pinterest