La Volkswagen presenta il crossover a emissioni zero

La Volkswagen presenta il crossover a emissioni zero

19 apr, 2017

La I.D. CROZZ come trait d’union tra SUV e coupé

Prototipo elettrico con 500 km di autonomia, trazione integrale e modalità Autopilota

Il nuovo sistema CleanAir assicura aria estremamente pulita a bordo della I.D. CROZZ

La I.D. CROZZ in pillole

1. SUV e coupé: la I.D. CROZZ è un Crossover Utility Vehicle (CUV) che coniuga l’imponenza di un SUV con la dinamica tipica di una coupé.

2. Trittico: la I.D. CROZZ è una colonna portante della nuova famiglia I.D. basata sul pianale modulare per veicoli elettrici MEB.

3. Il DNA della mobilità elettrica: il design all’avanguardia della I.D. CROZZ segue il nuovo DNA stilistico per la mobilità elettrica della Volkswagen.

4. Autonomia come quella delle motorizzazioni benzina: la I.D. CROZZ, che ha 306 CV di potenza e raggiunge 180 km/h di velocità massima, necessita di essere ricaricata solo ogni 500 chilometri (NEDC).

5. Ricarica in 30 minuti: la batteria della I.D. CROZZ si ricarica all’80% in soli 30 minuti (a 150 kW DC).

6. Open Space: la I.D. CROZZ offre una spaziosità paragonabile a quella della Tiguan Allspace.

7. Comandi digitalizzati: plancia con head-up display AR, Active Info Display, tablet infotainment e doorpanel.

8. Modalità di marcia completamente automatizzata: la I.D. CROZZ viaggia da sola in modalità I.D. Pilot. Il volante viene spostato in avanti e rientra nella plancia.

9. Sistema CleanAir: indipendentemente dall’aria esterna, un nuovo sistema di ventilazione assicura aria di eccellente qualità a bordo della concept car.

10. Tenda luminosa: tramite comandi gestuali è possibile attivare un’innovativa “volta di luci” come illuminazione ambiente.

 

Anteprima mondiale della I.D. CROZZ a Shanghai

Fonte: Volkswagen Group Italia

 

Verona, Italia. 18 Aprile 2017. La Volkswagen sta sviluppando una nuova gamma di modelli elettrici concepiti in modo inedito e dal design all’avanguardia. Nel 2020 prenderà il via la produzione di serie. Ora, con l’anteprima mondiale della I.D. CROZZ al Salone dell’Automobile di Shanghai 2017 (dal 19 al 29 aprile), la Casa di Wolfsburg offre un’importante anticipazione delle nuove protagoniste della mobilità elettrica.

La I.D. CROZZ è il primo Crossover Utility Vehicle  (CUV) con sistema di trazione elettrica della Volkswagen, ed è al contempo una coupé quattro porte e uno Sport Utility Vehicle (SUV). Alle attese presentazioni della I.D. (anteprima mondiale a Parigi nel 2016) e dell’I.D. BUZZ (debutto internazionale a Detroit nel 2017) segue ora quella della I.D. CROZZ, la terza emozionante versione della famiglia I.D.. Il modello a emissioni zero si distingue per elevata autonomia, design carismatico e interni di nuova concezione. La I.D. CROZZ, dal carattere sportivo, offre un’anticipazione concreta di quanto accadrà dal 2020 e sottolinea il volto eclettico della gamma dei modelli elettrici Volkswagen di domani.

Trazione integrale e 500 km di autonomia (ciclo NEDC)

La I.D. CROZZ è un CUV a emissioni zero dal carattere sportivo, studiato per garantire la massima interattività. La sua trazione integrale elettrica convince sia nella giungla urbana, sia nei tratti accidentati percorsi da chi ama vivere all’insegna di una mobilità assoluta. Con batteria completamente carica, la I.D. CROZZ (180 km/h di velocità massima per 306 CV di potenza massima) riesce a percorrere fino a 500 chilometri (NEDC). Grazie al sistema di ricarica rapida, la batteria a elevate prestazioni ritorna all’80% della propria capacità in 30 minuti, collegandosi a un punto di ricarica con una potenza di 150 kW (DC).

Il pianale MEB ridefinisce lo spazio

La I.D. CROZZ è più compatta e bassa rispetto al più recente SUV di serie della Volkswagen, ossia la nuova Tiguan Allspace (chiamata Tiguan L in Cina). Eppure, il CUV vanta la stessa spaziosità. Il segreto dal punto di vista costruttivo? Come la I.D. e l’I.D. BUZZ, anche la I.D. CROZZ è basata sul pianale modulare per veicoli elettrici MEB di nuova concezione.

I moduli degli assi e della trazione dei modelli su base MEB vengono spostati verso gli estremi, con conseguente aumento del passo disponibile. Tutti i moduli della trazione hanno dimensioni compatte. La batteria, invece, si inserisce completamente nel pianale della vettura. La configurazione dei sedili regala inoltre elevata versatilità. Nasce così il cosiddetto Open Space, ampio e dal nuovo design, che consente così al veicolo di posizionarsi ai vertici della categoria per disponibilità di spazio.

Fari interattivi

Uno dei tratti distintivi della I.D. CROZZ è rappresentato, nel frontale, dall’illuminazione tipica delle elettriche e ibride della Volkswagen. Gli elementi luminosi (luci diurne a LED a forma di C e, al centro, fari con tecnologia LED formati da cinque sottili fasce di LED e comandabili con la massima versatilità) si fondono a formare un frontale con “occhi” che si muovono elettronicamente (Interactive Spotlight). Il carattere interattivo è fondamentale. La I.D. CROZZ, che a richiesta viaggia in modo completamente automatizzato, comunica infatti con gli altri utenti della strada proprio con questo Interactive Spotlight e “saluta” il guidatore quando si avvicina alla vettura.

Il DNA dell’elettromobilità

La caratteristica illuminazione rispecchia un design che richiama in ogni componente il DNA stilistico della mobilità elettrica. Il pianale MEB fornisce anche in questo caso i presupposti ottimali, poiché gli assi disposti alle estremità regalano maggiore dinamismo alle proporzioni, inaugurando così una nuova epoca all’insegna di un design nuovo e all’avanguardia.

, Responsabile Design della marca Volkswagen, sottolinea: “Se si potesse fare una previsione sicura al 100% su come sarà il futuro, di certo non sarebbe molto diversa da quella che abbiamo delineato con questo modello. Nel 2017, con la I.D. CROZZ mostriamo come la Volkswagen cambierà la circolazione stradale a partire dal 2020. Per noi, i tre prototipi di questa nuova generazione di veicoli a emissioni zero (ovvero I.D., I.D. BUZZ e I.D. CROZZ) segnano quindi l’inizio di una nuova rivoluzione legata a design e tecnologia con cui modificheremo per sempre la mobilità individuale e la marca Volkswagen”. La Volkswagen mira a trasferire la trazione elettrica dalla nicchia delle start-up alla grande serie entro la metà del prossimo decennio. Herbert Diess, Presidente del Consiglio di Amministrazione della marca Volkswagen, ha dichiarato al riguardo: “Entro il 2025 puntiamo a far balzare le vendite dei modelli esclusivamente elettrici a un milione di unità all’anno. La I.D. CROZZ ha un ruolo chiave in questo contesto. La produzione avrà inizio nel 2020”.

Design all’avanguardia

Il design essenziale e grintoso dalla I.D. CROZZ coniuga l’imponenza e la solidità tipiche dei SUV con la leggerezza e l’agilità delle coupé.

Una nota stilistica: il cofano motore di grandi dimensioni, con i parafanghi dall’ampio raggio e dal profilo atletico, si estende piacevolmente per l’intera larghezza dell’alto frontale. Con le loro superfici pulite, cofano motore e paraurti del CUV, verniciati in una tonalità di argento che sottolinea il carattere tecnologico del modello (Silver Spark), richiamano da vicino una scultura che sembra essere nata da un unico blocco di alluminio. Nel frontale, in posizione dominante, si inserisce l’illuminazione tipica dell’elettromobilità Volkswagen.

Il logo VW, integrato al centro tra il cofano motore e il paraurti, è anch’esso illuminato. Grazie a una linea di luce, sottile e pronunciata, il logo VW si collega a sinistra e a destra con i fari interattivi con tecnologia LED. Le linee del tetto, che si distinguono per leggerezza e nitidezza sotto il profilo visivo, disegnano forme allungate. Un altro dettaglio high-end è rappresentato dalla superficie del tetto trasparente e nero lucido. Un’altra novità è una “volta” luminosa nel tetto panoramico illuminato, che crea una luce ambiente all’interno come all’esterno.

Il posteriore iconico e la zona della spalla ampia e sportiva denotano grinta e carattere. Lo sviluppo orizzontale delle linee della vettura è sottolineato anche da una superficie trasversale di colore nero lucido al posteriore, con sottili segmenti a LED Matrix che fungono da gruppi ottici posteriori e logo VW illuminato.

Le ampie fiancate, con i passaruota dalle linee decise, i cerchi da 21 pollici e i resistenti listelli sottoporta con superficie opaca e robusta, enfatizzano l’identità forte del modello. Che la perfezione sia anche nei dettagli è evidente dall’innovativo design dei cerchi, dove il passaggio da cerchio a pneumatico è pressoché impercettibile. La combinazione ruota/pneumatico appare di dimensioni particolarmente ampie.

Tenda luminosa, attivata tramite comandi gestuali

Una novità è rappresentata dalla “volta” luminosa integrata nel tetto panoramico illuminato. Questa tenda immaginaria si apre o chiude tramite comandi gestuali. Composta da fasci di LED, scorre sul padiglione, illuminando l’abitacolo. I fasci di luce sono visibili nel tetto anche dall’esterno. Gli ordini impartiti tramite comandi gestuali somigliano a quelli del comando di un tetto scorrevole classico. Un movimento breve e veloce della mano apre o chiude completamente la tenda, mentre un gesto lento la sposta in modo continuo fino alla posizione desiderata.

I.D. Pilot per il 2025

Il 2020 sarà un anno chiave per il debutto su scala mondiale dei primi modelli con pianale MEB della Casa di Wolfsburg nello stile della I.D. CROZZ. Circa cinque anni dopo, a partire dal 2025, la guida completamente automatizzata darà il via alla successiva fase rivoluzionaria.

Come accennato, il prototipo di CUV presentato a Shanghai dispone già di questo autopilota inseribile. In modalità di marcia automatizzata I.D. Pilot, il volante multifunzione rientra nella plancia, fondendosi così con la strumentazione interamente digitale (Active Info Display) a formare un unico elemento. Ciò significa che, in modalità di marcia automatizzata, la I.D. viaggia dunque in assenza del classico volante. Il sistema di infotainment con comandi del climatizzatore integrati è anch’esso un touchpad. In modalità sia automatica, sia manuale, il guidatore riceve inoltre informazioni sulla velocità e sulla navigazione tramite l’head-up display AR (AR = Augmented Reality, realtà aumentata).

L’Open Space come chiave per una spaziosità superiore

Grazie alla trazione elettrica compatta e alla batteria agli ioni di litio integrata nel pianale della vettura, gli interni si configurano come Open Space, privilegiando una configurazione variabile in stile lounge, sinonimo di superiore spaziosità.

L’effetto cromatico del dash pad, dei braccioli e degli inserti delle porte varia a seconda dell’incidenza della luce e in funzione della posizione di seduta. Guidatore e passeggeri prendono posto su pregiati sedili integrali leggeri (con attacchi delle cinture di sicurezza integrati). Nel vano posteriore, lo spazio libero per le gambe raggiunge il livello delle vetture di classe superiore. La vita a bordo è resa ancora più piacevole, tra l’altro, dalle aree multifunzione dei comandi sulle porte (doorpanel con elementi touch capacitivi per le funzioni di climatizzatore e porte). Ma, oltre a questo, l’abitacolo della I.D. CROZZ è altamente flessibile grazie alla concezione multifunzione dei sedili. Volete portare con voi nel weekend la vostra bici da cross senza ricorrere a un portabiciclette supplementare? Nessun problema: basta sistemarla trasversalmente nel vano posteriore. Tutto questo è possibile grazie alle ampie porte incernierate/scorrevoli e ai sedili posteriori variabili. Le sedute posteriori vengono sollevate proprio come al cinema. Le porte posteriori scorrono inoltre completamente all’indietro, facilitando in questo modo le operazioni di carico. Poiché le porte anteriori si aprono ad angolo retto a 90° (un valore insolitamente elevato) e la Volkswagen ha eliminato i montanti centrali, le operazioni di carico risultano ancora più semplici.

Tutte le porte, il portellone e il vano anteriore si aprono elettricamente.

Aria pulita

Il nuovo sistema CleanAir sviluppato dalla Casa tedesca assicura un clima ottimale e personalizzato a bordo. Indipendentemente dalle condizioni ambientali, la qualità dell’aria all’interno della I.D. CROZZ è sempre di ottimo livello. Grazie all’unità di infotainment, guidatore e passeggeri possono richiamare diversi scenari climatici preconfigurati.

Infatti, la I.D. CROZZ è dotata di una nuova CleanAir-Technology. Un sistema filtrante attivo garantisce costantemente la migliore qualità dell’aria nell’abitacolo. Il menu fornisce informazioni in merito alla qualità dell’aria in auto (Air Quality Index) e all’attuale attività del sistema. E non è tutto: grazie alle condizioni climatiche preconfigurate, guidatore e passeggeri possono (nel caso del prototipo per la Cina) richiamare un flusso di aria definito, nonché una temperatura e un’umidità dell’aria come quelli presenti in luoghi particolarmente belli e piacevoli sotto il profilo climatico.

In questo modo, la I.D. CROZZ può garantire un clima fresco come quello presente sulle montagne dell’Himalaya, pur percorrendo le strade congestionate di Shanghai.

ID Volkswagen e digital key

La I.D. CROZZ adatta in automatico al guidatore tutti i parametri individuali di bordo. Questo è possibile grazie all’ID Volkswagen, un profilo individuale memorizzato in un ecosistema digitale sviluppato internamente dalla Volkswagen e attivato tramite uno smart device, che si trasforma così in una digital key. Non appena qualcuno con questa scheda di ingresso digitale si avvicina alla vettura, la I.D. CROZZ

lo riconosce. Di conseguenza, le porte vengono abilitate e vengono attivati tutti i parametri personali (comprese le impostazioni relative al clima).

Delivery service. Molto presto potrebbe diventare un’abitudine quotidiana ricevere pacchi tramite corriere espresso non più a casa o in ufficio, bensì ovunque ci si trovi. Questo nuovo delivery service sfrutta il bagagliaio da 515 litri della I.D. CROZZ come punto di consegna. Mediante tracking GPS, il corriere localizza la posizione dell’auto e riceve allo stesso tempo tramite App un’autorizzazione temporanea per l’accesso al bagagliaio. Non appena la consegna è stata effettuata e il bagagliaio è di nuovo chiuso, il proprietario della I.D. CROZZ riceve la relativa notifica tramite App o e-mail.

Aspetti principali

Emissioni zero – Trazione integrale high-end in dettaglio

Package perfezionato

Con la trazione elettrica cambia tutto. Design, spazio, comfort ed ecocompatibilità: ogni aspetto viene completamente ridefinito. Con il pianale modulare per veicoli elettrici MEB, la Volkswagen ha creato una base strutturale per poter utilizzare in modo innovativo tutti i nuovi parametri derivanti dall’adozione del motore a emissioni zero. La I.D. CROZZ è la chiara dimostrazione di tutto questo. I componenti del gruppo propulsore (due motori, l’elettronica che connette tutto in rete e la batteria ad alta tensione) si inseriscono perfettamente nel package della vettura. Così designer e ingegneri possono sfruttare spazi liberi completamente nuovi. E questo, a partire dal 2020, andrà a vantaggio anche di tutti i guidatori e i passeggeri a bordo della flotta I.D..

306 CV di potenza di sistema

La batteria agli ioni di litio con una capacità di 83 kWh si trova nel sottoscocca del CUV. Questo accorgimento crea spazio, abbassa il baricentro al livello di quello di una vettura sportiva e assicura una ripartizione ideale del peso. Lo stesso vale per i due motori elettrici. I due propulsori sviluppano una potenza di sistema di 306 CV e azionano direttamente il rispettivo asse. In condizioni normali la trazione è posteriore. Un albero cardanico elettrico distribuisce in qualche frazione di secondo la forza tra l’asse anteriore e posteriore, non appena è necessario per motivi legati alla dinamica di marcia. La I.D. CROZZ può inoltre viaggiare in modo permanente anche con trazione integrale, per esempio su tratti accidentati o coperti da neve. Al posteriore è presente un motore elettrico compatto da 204 CV (150 kW), mentre quello montato all’anteriore ha 102 CV (75 kW).

Ripartizione ideale del peso

Come importante anello di congiunzione, l’elettronica di potenza gestisce il flusso di energia ad alta tensione tra motori e batteria. L’elettronica di potenza converte la corrente continua (DC) accumulata nella batteria in corrente alternata (AC). Tramite un convertitore DC/DC viene invece alimentata l’elettronica di bordo a 12 Volt.

Grazie alla batteria integrata al centro del CUV e ai due motori, uno anteriore e uno posteriore, si ottiene una ripartizione ideale del peso tra i due assi (48% davanti e 52% dietro). In questo modo, la I.D. CROZZ può contare su caratteristiche di maneggevolezza analoghe a quelle della Golf GTI. Un ruolo importante è inoltre giocato da assetto con ammortizzatori a regolazione elettronica, asse posteriore a bracci multipli di nuova concezione e nuovo asse anteriore McPherson con propulsore integrato e telaio ausiliario disaccoppiato. Questa configurazione consente di spaziare in modo estremamente netto e agevole da un assetto caratterizzato da un’elevata dinamica, a uno orientato maggiormente al comfort.

La configurazione dell’asse anteriore e il package nella zona anteriore della vettura si traducono poi in un diametro di sterzata ridotto (10,5 m).

Il DNA della mobilità elettrica

Dimensioni e design in dettaglio

A livello della nuova Tiguan Allspace. La I.D. CROZZ è lunga 4.625 mm.

Tra gli assi si estende un ampio passo pari a 2.773 mm. Le dimensioni e l’abitabilità di questa concept car, larga 1.891 mm e alta 1.609 mm, sono assimilabili a quelle della nuova Tiguan Allspace, come pure della sua gemella cinese, la Tiguan L. I SUV con struttura analoga sono considerati capolavori di spaziosità. Proprio come il CUV elettrico Volkswagen che, tuttavia, è più corto di 77 mm, più basso di 47 mm e più largo di 56 mm rispetto alle due Tiguan.

Una rivoluzione

Con il conto alla rovescia che culminerà con l’introduzione della flotta a emissioni zero nel 2020, la Volkswagen segna l’ingresso in una nuova era non solo dal punto di vista tecnico. Klaus Bischoff,  Responsabile del Design della marca Volkswagen ha elaborato a questo proposito, in collaborazione con i suoi team, un nuovo DNA della mobilità elettrica, più espressivo e ben definito. La I.D. CROZZ, svelata a Shanghai, dimostra quanto variegata sarà la gamma delle versioni future.

Design del XXI secolo

Klaus Bischoff: “Si tratta di un design pulito ed essenziale, che non ha bisogno di spiegazioni; un design capace di coniugare forma e funzione in modo eccezionale; un design che integra naturalmente il mondo digitale del nostro secolo”.

In questo contesto la luce diventa un mezzo di comunicazione in grado di interagire con passanti e guidatore. Un insieme di sensori, che permette alla I.D. CROZZ di “vedere” l’ambiente circostante e rende possibile la guida completamente automatizzata, finisce per creare un tutt’uno con le forme, le quali sono a loro volta concettualmente legate alla rispettiva funzione.

“Tutti gli elementi confluiscono in uno stile di design, il cui DNA lascia inequivocabilmente intendere che la I.D. CROZZ è uno Zero Emission Vehicle di nuova generazione”, ha dichiarato Klaus Bischoff.

Come un diamante solitario. Il design di questa concept rappresenta, senza alcun dubbio, l’anello di congiunzione con gli altri due prototipi realizzati sulla base del pianale MEB (I.D. e I.D. BUZZ), dimostrando allo stesso tempo carisma e originalità. Come un diamante solitario, la I.D. CROZZ si eleva dalla massa, forte del suo design pulito ed essenziale, estremamente grintoso, virile e futuristico al contempo. Parafanghi pronunciati e passaruota sagomati fanno da cornice al profilo degno di un’auto sportiva, mentre l’imponente cofano motore è scandito da linee nette. Sopra questo corpo si estende il tetto in stile coupé, il cui profilo fa apparire la vettura agile e dinamica già da ferma. Una sottile fascia in tinta con la carrozzeria incornicia il tetto su entrambi i lati. I robusti supporti del tetto risultano,  invece, praticamente invisibili.

Indiscussa protagonista la trasparenza

Anche i montanti anteriori appaiono sottili e ben definiti, in quanto lo sguardo viene attirato solo dalla fascia in tinta con la carrozzeria. Una parte molto più grande dei montanti e del supporto laterale del tetto è di colore nero e si fonde sia con la parte centrale dello stesso, sia con il parabrezza panoramico e il lunotto. Un altro stilema è rappresentato dal montante posteriore, che si estende all’indietro per poi confluire internamente all’altezza della larga spalla, il cui profilo sale dolcemente verso la parte posteriore. Per quanto riguarda i cristalli laterali, i designer hanno puntato su una forma allungata e piatta; sia il montante centrale definito dai telai delle porte sia il montante posteriore sono, invece, collocati dietro il vetro, risultando invisibili.

Il design visto da una prospettiva a 360 gradi

Se una telecamera montata su un drone eseguisse un volo a 360 gradi intorno a questa concept car, risalterebbero, oltre alle linee laterali allungate del tetto, due ulteriori profili che caratterizzano il design nel suo insieme. Queste due linee conferiscono alla I.D. CROZZ un look particolarmente vigoroso e ne riducono visivamente anche l’altezza, incollandola alla strada proprio come una sportiva.

- La Linea Numero 1 scaturisce dal bordo superiore del cofano motore, da dove si estende verso destra e verso sinistra per confluire nei parafanghi, di cui delimita e avvolge la parte superiore, creando un possente arco sopra i passaruota. All’altezza degli eleganti montanti anteriori, questa linea confluisce nella linea alla base dei cristalli, sale poi verso la parte posteriore seguendo i cristalli laterali posteriori e andando a incorniciare, infine, il lunotto.

- Nell’ambito della stessa ripresa effettuata dalla telecamera, la Linea Numero 2 appare evidente solo in un secondo tempo, più esattamente a lato dei paraurti anteriori, dove si sviluppa al di sopra degli specchi retrovisori esterni basati su telecamere (e-Mirror) sotto forma di una linea caratteristica ben definita, correndo lungo l’intera fiancata parallelamente alla Linea 1. All’altezza della parte centrale delle porte posteriori tale linea sale, formando la delimitazione esterna dell’imponente zona della spalla nel posteriore, la cui forma è stata ottimizzata dal punto di vista aerodinamico.

Scenografia luminosa a 360 gradi

I fari con tecnologia LED della I.D. CROZZ non sono gli unici elementi capaci di interagire. Lungo tutto il perimetro della vettura e sul tetto sono, infatti, inseriti elementi luminosi che interagiscono e provvedono ad “animare” la carrozzeria di questa concept car, modificandone anche il look a seconda dello stato di funzionamento. E non è tutto: la I.D. CROZZ comunica con l’ambiente mediante la luce. I fari con tecnologia LED imitano in modo interattivo gli occhi umani (Interactive Spotlight). Di seguito una panoramica delle scenografie luminose.

La I.D. CROZZ è parcheggiata

Quando tutti i sistemi della I.D. CROZZ sono spenti, la parte anteriore appare come se avesse gli “occhi” chiusi. Quando la I.D. CROZZ è parcheggiata, i fari si presentano come una sottile fascia di LED.

La I.D. CROZZ si sveglia

Quando la I.D. CROZZ viene attivata, dà il benvenuto a chi siede al volante e agli eventuali passeggeri con una coreografica illuminazione a 360°: in primo luogo si illuminano di bianco/blu i loghi VW trasparenti (nella zona anteriore e sul portellone).

Partendo dal logo anteriore, si sviluppa a destra e sinistra una sottile linea bianca, che confluisce nella grafica dei fari con tecnologia LED, le cui cinque linee di luci sottili risultano ora tutte attive. Dopo alcune frazioni di secondo, la I.D. CROZZ “apre gli occhi” (anabbaglianti con tecnologia LED).

In questo caso, è anche possibile impostare il sistema in modo che la vettura “strizzi l’occhio”. Rispetto alla I.D. e alla I.D. BUZZ, i movimenti degli  “occhi” sono stati ulteriormente ottimizzati: ora possono anche scorrere avanti e indietro lungo le fasce luminose, rendendo così i relativi movimenti decisamente più fluidi e realistici. All’accensione degli anabbaglianti, si attivano anche l’illuminazione dei sensori laser sul tetto e della tenda luminosa. Allo stesso tempo, vengono illuminati i campi di rilevamento dei sensori per aprire le porte. Si illumina, infine, la grafica del frontale e della “volta di luci” nel tetto, dando vita a un suggestivo gioco di colori nella tonalità magenta-violetto. Attivando le luci diurne, infine, la I.D. CROZZ comunica che è pronta a partire. All’apertura delle porte elettriche, i campi di rilevamento dei sensori emettono delle pulsazioni; non appena la vettura parte, la luminosità dei campi di rilevamento dei sensori viene ridotta.

La I.D. CROZZ viaggia in modalità manuale

In modalità manuale la grafica dei LED relativa al frontale e al tetto cambia, colorandosi di azzurro (Light Blue). Parallelamente, anche l’illuminazione ambiente dell’abitacolo assume questa tonalità che, in virtù della sua luce particolarmente chiara, aiuta il guidatore a comandare tutte le funzioni della vettura in modo ottimale. Aumentando l’andatura, gli “occhi” si adeguano alla maggiore velocità, assumendo una caratteristica luminosa più dinamica e una forma più sottile.

La I.D. CROZZ viaggia in modalità completamente automatizzata

Non appena il guidatore attiva la I.D. Pilot, ovvero la modalità completamente automatica, l’illuminazione ambiente per gli esterni e gli interni commuta su una tonalità magenta-violetto; all’esterno della vettura fuoriescono anche gli scanner laser e una sottile corona luminosa, presente in quest’area, si illumina di bianco. In questa fase, l’illuminazione ambiente per gli esterni non è più statica, ma presenta una sorta di animazione dinamica. All’aumentare della velocità, anche in questa modalità gli “occhi” osservano la strada con uno sguardo più sportivo. Contemporaneamente i fari con tecnologia LED commutano in modalità interattiva: quando la I.D. CROZZ intende svoltare, per esempio, i fari con tecnologia LED si orientano nella relativa direzione. E non è tutto: quando il CUV rileva la presenza di persone lungo il bordo della carreggiata, le “osserva”. Mediante questa interazione estremamente antropomorfa, la I.D. CROZZ richiama su di sé l’attenzione di pedoni e ciclisti.

Benvenuti nell’Open Space. La persona al centro di tutto

La luce come fonte di informazione. Grazie alla trazione elettrica compatta e alla batteria integrata nel pianale della vettura, è stato possibile realizzare gli interni come un autentico Open Space: una configurazione flessibile e in stile lounge, caratterizzata da una spaziosità di livello superiore che rende labili i confini con gli standard di categoria superiore e pone la persona al centro di tutto. L’abitacolo dei modelli I.D. è stato, infatti, concepito, configurato e realizzato ex novo, dando vita a uno spazio essenziale e arioso. La struttura scultorea e fluida delle superfici si ispira alle forme della natura – si tratta di una conformazione bionica che supera la freddezza della tecnologia. Con le superfici dalla forma organica e i morbidi raggi di curvatura, il design accentua la percezione dell’ampiezza.

Guidare diventa anche molto più facile, in quanto l’implementazione di soluzioni digitali inedite, che hanno sostituito interruttori e leve al volante, segna l’ingresso nel nuovo mondo dei comandi intuitivi, tra cui figura anche un sistema luminoso animato nell’abitacolo. Il guidatore ha così la possibilità di percepire le informazioni anche nel suo campo visivo periferico, grazie ai cambiamenti dell’illuminazione ambiente dinamica. Se, per esempio, compaiono dei pedoni ai lati o davanti alla I.D. CROZZ, il guidatore viene avvisato tramite un cambiamento della tonalità.

Quattro sedili integrali. Sono presenti quattro sedili singoli a sé stanti; gli appoggiatesta e le cinture di sicurezza sono integrati negli schienali. I sedili sono caratterizzati da struttura leggera e proporzioni snelle. I sedili singoli, dotati di fasce centrali morbide e perfettamente ergonomiche, regalano allo stesso tempo un eccellente comfort. Il bordino lungo tutto il perimetro dona, infine, un tocco di grande pregio, mentre i fianchi dei sedili bassi rendono la salita e la discesa dalla vettura particolarmente comoda. I sedili posteriori possono essere completamente abbattuti; in alternativa – come precedentemente accennato – è anche possibile ripiegare verso l’alto solo le sedute.

Elementi di indicazione e di comando

Un nuovo linguaggio formale, abbinato a elementi di visualizzazione e di comando a loro volta inediti, crea un’atmosfera in stile lounge. In particolare, in modalità I.D. Pilot, lo spazio riservato al guidatore si fonde con l’Open Space, formando un tutt’uno. La I.D. CROZZ viene comandata mediante touchscreen intuitivi, gruppi di tasti capacitivi nonché sistemi di comando vocali e gestuali. Il “cuore” digitale riservato al guidatore è composto da volante multifunzione a regolazione e scomparsa elettriche, Active Info Display, specchietto retrovisore interno (e-Mirror), head-up display AR (dove AR sta per Augmented Reality) e doorpanel.

Un tablet come sistema di infotainment. Al centro della plancia è integrato un tablet da 10,2 pollici: un sistema di infotainment dotato di un homescreen configurabile in modo personalizzato, scegliendo tra quattro differenti icone-funzione (Messaggi, Media, Telefono o Navigazione).

Alloggiamento e monitor si fondono insieme senza soluzione di continuità

Un’assoluta novità è rappresentata dal menu CleanAir, che consente di richiamare informazioni relative alla qualità dell’aria e di attivare gli scenari climatici preconfigurati.

Volante multifunzione. Al centro del volante si trova, come di consueto, il logo VW. In questo caso, però, il logo è anche una superficie illuminata dotata di sensori, tramite la quale il guidatore può passare dalla modalità di guida manuale a quella completamente automatizzata I.D. Pilot.

È sufficiente toccare il logo VW per tre secondi per far rientrare integralmente il volante all’interno del dash pad mediante accoppiamento geometrico. Design e funzionalità rendono il volante multifunzione a regolazione elettrica dotato di rivestimento esterno in Alcantara un highlight sotto il profilo visivo, tattile e tecnico. Il volante di forma circolare viene sostituito da un elemento con sei angoli arrotondati. Nasce così un volante high-tech, nella cui parte inferiore è integrato un gruppo di comandi. Tramite i campi capacitivi illuminati presenti in tale area, il guidatore può gestire le principali funzioni della vettura. Queste comprendono anche i rapporti del cambio P, R, N e D e gli indicatori di direzione. Quattro ulteriori tasti capacitivi si prestano a differenti funzioni, come per esempio l’accettazione delle chiamate. Tramite due cursori capacitivi supplementari, il guidatore può muoversi in modo intuitivo all’interno dei menu, come le playlist, e regolare il volume del sound system.

Head-up display AR

L’head-up display AR mette a disposizione del guidatore tutti i dati importanti, quali velocità e informazioni di navigazione. AR significa Augmented Reality. Le informazioni quali le indicazioni direzionali del sistema di navigazione vengono visualizzate in modo virtuale davanti alla vettura, a una distanza compresa tra 7 e 15 m.

L’effetto è sorprendentemente realistico: grazie alla proiezione tramite Augmented Reality, le frecce direzionali vengono collocate esattamente nei punti lungo i quali il guidatore e la I.D. CROZZ devono dirigersi. Grazie all’head-up display AR, le informazioni di navigazione originariamente inserite solo all’interno di un display nella strumentazione, diventano ora un elemento tridimensionale integrato all’interno della vettura.

Active Info Display

Le informazioni visive per il guidatore compaiono sull’Active Info Display da 5,8 pollici; in aggiunta al tablet nella plancia, il guidatore può utilizzare questo display per accedere ai consueti contenuti, come la mediateca o la mappa di navigazione, e gestirli con i tasti del volante multifunzione. L’Active Info Display offre al guidatore una grande libertà. Può, per esempio, trasformare l’intera superficie del display in uno schermo per la navigazione in 3D. Per la visualizzazione delle diverse informazioni il display utilizza tre livelli trasparenti. In basso, sul primo livello, è presente la mappa di navigazione; sul secondo livello seguono i contenuti digitali delle informazioni richiamate tramite l’ID Volkswagen; infine, nella parte più in alto del terzo livello sono visualizzate le informazioni relative alla guida, come la distanza dalla destinazione.

e-Mirror

Sulla I.D. CROZZ gli specchi retrovisori convenzionali non esistono più. Nel punto tradizionalmente occupato dallo specchietto retrovisore interno, pertanto, è presente un sistema che ha esattamente lo stesso aspetto e la stessa funzione: l’e-Mirror. Qui i dati provenienti dalle tre telecamere esterne confluiscono in un monitor. In particolare, le immagini trasmesse provengono dalle due telecamere aventi funzione di specchietto retrovisore esterno, sui lati destro e sinistro della carrozzeria, e da una telecamera rivolta direttamente in direzione posteriore.

Doorpanel

Le informazioni e le possibilità di comando, fino a oggi riservate unicamente al guidatore e al passeggero anteriore, sono ora rese disponibili anche ai passeggeri del vano posteriore, grazie ai doorpanel digitali. Le aree dei comandi, bianche e semitrasparenti, si trovano in posizione ergonomica nei quattro pannelli delle porte, destando tuttavia l’impressione di essere come sospese nel vuoto. I doorpanel consentono di comandare porte ad apertura e chiusura elettrica, chiusura centralizzata e alzacristalli elettrici. Ciascun passeggero, inoltre, ha la possibilità di impostare la propria zona climatica in modo personalizzato. I panel sono gestiti mediante tasti capacitivi e cursori.

Autopilota a bordo – La I.D. CROZZ in modalità I.D. Pilot

Un momento di pausa per il guidatore

Attivare la modalità completamente automatica I.D. Pilot è estremamente semplice: non appena il guidatore tocca volutamente il logo VW sul volante per tre secondi, la I.D. CROZZ assume il controllo. L’illuminazione ambiente dinamica passa, di conseguenza, da una tonalità bianca, che stimola la concentrazione (Drive), a una magenta/violetto, calda e rilassante.

L’illuminazione ambiente estende parallelamente la ripartizione della luce al vano posteriore.

Quattro scanner laser sul tetto. In questo istante il CUV ha attivato già da tempo i suoi scanner laser. Quattro di questi fuoriescono dal tetto in modalità I.D. Pilot. I sensori sul tetto, contraddistinti da un design pulito, attirano l’attenzione sulla modalità completamente automatizzata mediante un’illuminazione indiretta. Dal canto suo la I.D. CROZZ riconosce gli altri utenti della strada e l’ambiente circostante non solo tramite i sensori laser, ma anche grazie al supporto supplementare di sensori a ultrasuoni, sensori radar, telecamere laterali Area View e una telecamera anteriore.

Attivazione della modalità manuale

La modalità completamente automatizzata viene disattivata toccando il logo VW sul volante e premendo il pedale del freno o dell’acceleratore.

I.D. CROZZ – Dati tecnici

Carrozzeria

Lunghezza: 4.625 mm

Larghezza: 1.891 mm

Altezza: 1.609 mm

Passo: 2.773 mm

Carreggiata asse anteriore: 1.592 mm

Carreggiata asse posteriore: 1.594 mm

Cerchi/pneumatici: 245/45 R 21

Abitacolo

Open Space Quattro sedili integrali

Bagagliaio (con quattro persone a bordo): 515 litri

Sistema di trazione / autonomia

Motore elettrico anteriore: 75 kW (102 CV); 140 Nm

Motore elettrico posteriore: 150 kW (204 CV); 310 Nm

Potenza complessiva: 225 kW (306 CV)

Capacità della batteria: 83 kWh

Autonomia (UE; NEDC): 500 km

Potenza di ricarica: 150 kW (DC)

Tempo di ricarica fino a 80% SOC: ca. 30 min

Prestazioni

Accelerazione 0-100 km/h: <6 s

Velocità massima: 180 km/h

.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Klaus Bischoff Responsabile Design volkswagen salone shanghai volkswagen concept i.d. crozz

Lascia una risposta

 
Pinterest