La nuova Quantino al Salone di Ginevra

La nuova Quantino al Salone di Ginevra

19 feb, 2015

Fonte:

 

Vaduz, Lichtenstein. 17 Febbraio 2015. Questa vettura è una sensazione e sarà uno dei momenti clou del Salone Internazionale di Ginevra 2015, proclama il Prof. , Presidente del Consiglio di Amministrazione di nanoFlowcell AG.

nanoFlowcell AG presenterà la prima vettura QUANT a bassa tensione come un veicolo concept al salone auto svizzero il 3 marzo 2015.

 

Veicoli a bassa tensione, con tensione nominale di 48 V e la gamma di oltre 1000 km

Con il QUANTiNO presentiamo a Ginevra il fratello minore dellla QUANT E e della QUANT F. Un veicolo elettrico innovativo con un appeal di massa. Sportiva, dinamica, e soprattutto con un sistema di azionamento a bassa tensione. Con una tensione nominale di soli 48 V otteniamo quattro volte 25 kW, pari a circa 136 CV, attraverso una combinazione di nanoFlowcell, un sistema tampone e motori elettrici. Questo set-up ci fornisce una velocità massima di oltre 200 chilometri all’ora in modalità completamente elettrica e un’autonomia di oltre 1000 chilometri, senza emissioni nocive, sottolinea , Chief Technical Officer di nanoFlowcell AG, per quanto riguarda l’ultimo modello della famiglia QUANT.

Il QUANTiNO è un veicolo elettrico per tutti. Conveniente e caratterizzato da un design unico e stravagante. Non è solo un concept car – diventerà realtà nel corso dell’anno. Ci sarà la possibilità di guidare il QUANTiNO nel 2015. E ci proponiamo di raggiungere l’omologazione per l’uso su strada molto velocemente, dice Nunzio La Vecchia.

 

Vaste gamme di QUANTiNO con nanoFlowcell

Il concetto di propulsione innovativo che comprende il sistema a bassa tensione e le nanoFlowcell fornisce la QUANTiNO con un’autonomia di oltre 1.000 chilometri. I sistemi a bassa tensione sono un connubio ideale per la nanoFlowcell. Ci permettono di generare livelli di pottenza nell’auto che prima sembravano impossibili. E siamo solo all’inizio del nostro lavoro di sviluppo. I test iniziali e le simulazioni indicano già di gran lunga un maggiore potenziale. Questo concetto rappresenta una vera alternativa per la mobilità elettrica del futuro, con auto di potenza eccezionale ed elevate autonomia, dice La Vecchia.

Con i suoi due serbatoi da 175 litri, il QUANTiNO è in grado di trasportare 350 litri di liquido ionico in totale – un serbatoio con una carica positiva e una con una carica negativa. Il processo di rifornimento è simile alla procedura che oggi è consuetudine, la sola differenza che i due serbatoi sono riempiti contemporaneamente, ciascuna con un fluido diverso.

 

2 + 2 posti con ruote da 22 pollici

Misura 3,91 metri di lunghezza, la QUANTiNO è una 2 + 2 che vanta un design unico. Un dettaglio che colpisce sono le ruote da 22 pollici. Come il piccolo fratello della QUANT E e della QUANT F, volevamo sottolineare il fatto che la QUANTiNO appartiene alla famiglia QUANT. Sia la parte anteriore che quella posteriore dimostrano chiaramente questa parentela. In particolare, le grandi ruote da 22 pollici, che la QUANTiNO ha adottato dai suoi fratelli della famiglia QUANT la distinguono nella sua categoria in termini di aspetto, osserva Direttore Tecnico Nunzio La Vecchia.

 

Sistemi di bassa tensione – sfondo e vantaggi

Ad oggi, le unità a bassa tensione hanno caratterizzato principalmente veicoli con potenze molto basse di azionamento (5 kW), come le golf cart, gli e-scooter oppure le autoveicoli leggeri come i veicoli a quattro ruote motrici con potenze relativamente basse (20kW) per uso urbano. A nostra conoscenza, un sistema di azionamento a bassa tensione non è mai stato distribuito prima in un’autovettura più grande, come ora viene dimostrata a bordo della QUANTiNO. L’uscita richiesta dal convertitore avviene in uno spettro sempre limitato di applicazioni utili per un sistema a bassa tensione. Questo è tutto cambiato con le nanoFlowcell. Correnti molto elevate sono necessarie per i livelli di uscita del convertitore tipicamente necessario per veicoli. Ciò richiede eccezionalmente ampie sezioni dei cavi e maggiori perdite di trasmissione con sistemi ad alta tensione. Con il nanoFlowcell siamo stati in grado di risolvere questo problema. Qui si generano correnti molto elevate a bassissima tensione nominale, che sono perfette per le finalità del sistema di bassa tensione, spiega il Chief Technical Officer Nunzio La Vecchia.

I sistemi a bassa tensione offrono vari vantaggi rispetto ai sistemi ad alta tensione, ad esempio in quelli utilizzati nei veicoli elettrici di oggi. Mentre i veicoli elettrici ad alta tensione richiedono il contatto completo e protezione flashover, questo non è necessario per i veicoli a bassa tensione. In accordo con ECE-R 100, per i sistemi a bassa tensione non sono necessarie misure supplementari per evitare il contatto accidentale. Questo dà anche luogo ad omologazioni molto più veloce di veicoli a bassa tensione, come la sicurezza funzionale è più semplice da realizzare, spiega Nunzio La Vecchia.

I sistemi a bassa tensione sono un connubio ideale per la nostra nanoFlowcell. Combinando i due, possiamo sfruttare un notevole potenziale di autonomia e vantaggi per i nostri veicoli elettrici, segnala il nanoFlowcell AG Chief Technical Officer.

La prima mondiale del QUANTiNO si terrà il 3 marzo 2015 in una conferenza stampa che si terrà presso il Salone Internazionale di Ginevra.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Jens Ellermann nanoflowcell Nunzio La Vecchia salone ginevra

Lascia una risposta

 
Pinterest