La Mute elettrica dell’Università di Monaco

munich_universitys_mute_concept_01

26 set, 2011

Salone di Francoforte 2011: Mute elettrico Promessa Saloni dell’auto

Di Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

25 settembre 2011. Dopo il Motor Show di Ginevra all’inizio di quest’anno abbiamo speculato sui problemi che il piccolo volume e l’aspetto strano potrebbero portare alla reputazione del settore EV.

Le prospettive a Francoforte era molto più ottimista. Nonostante l’assenza di Nissan e la sua Leaf, molti altri costruttori avevano auto elettriche in esposizione dall’aspetto entusiasmante e ai piccoli costruttori di EV è stata data una sala molto più grande di quanto non avessero a Ginevra.

Una delle vetture che ha realmente catturato la nostra attenzione è stata la ‘Mute’ elettrica dell’. Le sue linee germaniche grosso ci ha ricordato un po’ alcuni dei veicoli Volkswagen concept come la XL-1 e 1-litro e c’è un pizzico di Audi per alcuni dettagli. La Mute è compatta, moderna e di buona presenza, si presenta come una macchina adeguata.

La Mute è anche relativamente bassa, con uno 0,27 Cd – come una Tesla Modello S. – le luci posteriori sono LED e il vetro posteriore ricorda la 2011 Honda CR-Z.

All’interno c’è più di un semplice abbozzo di Audi – il volante è interamente come quelli che si trovano in alcuni dei modelli sportivi Ingolstadt come la R8 e TT, anche se ritagliato. Il resto è pulito, bianco e moderno, con display digitale, due sedili sottili con spazio per i bagagli dietro, e una pedaliera sullo stile di una macchina da corsa.

Due quadranti luminosi di fronte a voi visualizzano la velocità e il livello di carica, e un PC in stile tablet touchscreen posizionato nel vano centrale è usato per controllare altre funzioni come il controllo della temperatura, la navigazione e l’infotainment.

Il concept è apparentemente costruito in fibra di carbonio, ma un modello di produzione dovrebbe essere in alluminio e plastica, il peso è comunque incredibilmente basso sia con – 1.100 pound in tutto, di cui 220 lb usate dalla batteria. Questo peso ridotto contribuisce a garantire che la Mute è esente da molte delle norme che vincolano automobili normali, anche se la società si è premurata di precisare che questo non significa che sono scesi a compromessi sulla sicurezza.

L’alimentazione proviene da una piccola batteria di 10 kWh con 11 moduli di celle agli ioni di litio. Questa è collegato ad un motore elettrico da 15 kW con un solamente 44 lb/ft di coppia, questo permette alla Mute di raggiungere 37 mph in 6,8 secondi e una velocità massima di 74 mph. L’autonomia è sopra le 60 miglia.

L’Università tecnica di Monaco è ancora alla ricerca di aziende intenzionate a produrre la Mute.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: concept car salone francoforte Università tecnica di Monaco

Lascia una risposta

 
Pinterest